utenti ip tracking
giovedì 24 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il suono del silenzio

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Torna l’Assemblea Plenaria del Parlamento Europeo, mentre si chiude la 65esima sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e gli Stati Uniti, dopo le celebrazioni per l’11 Settembre, tornano a lavorare sull’economia. Occhi puntati sul Medio Oriente, dove lo Stato d’Israele rimane sempre più solo e circondato, mentre la Turchia rilancia i suoi rapporti nel Maghreb

     

    EURASIA

    Lunedì 12- Commissioni e Parlamento Europeo sono di nuovo al lavoro dopo la pausa estiva, il mondo si aspetta uno scatto d’orgoglio dalle istituzioni politiche dell’UE per troppo tempo assenti dal palcoscenico internazionale. In passato l’Europa si è trovata più volte “al bivio” e pare esservi ritornata a causa delle condizioni sempre più critiche dei mercati finanziari e alla tenuta della moneta unica.

    Martedì 13- Il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi sarà ricevuto a Bruxelles dal Presidente del Consiglio Europeo Herman Van Rompuy e dal Presidente della Commissione Europea Manuel Barroso, si parlerà della manovra finanziaria varata dal Senato la settimana scorsa e degli impegni che l’Italia dovrà mantenere dopo gli aiuti della BCE tanto contrastati dal dimissionario Jurgen Stark.

     

    ASIA ORIENTALE

    Anche il Giappone è chiamato a rialzarsi dopo aver celebrato ieri i sei mesi trascorsi dalla tragedia di Fukushima, con un nuovo governo, la ricostruzione in corso e un’economia da sostenere nella sfida con le altre tigri asiatiche il paese è chiamato ad uno sforzo simile a quelli già affrontati con successo nel secolo scorso. In Cina tiene banco uno scontro tra l’elite militare ed i vertici politici dopo che la stampa internazionale ha diffuso documenti top-secret che svelerebbero la vendita di armi e munizioni alle forze lealiste di Gheddafi. Tutto ciò non fa che rendere più competitiva la sfida internazionale per aggiudicarsi gli appalti più promettenti per la ricostituzione infrastrutturale della Libia targata CNT.

     

    AMERICHE

    Lunedì 12- In un ritrovato spirito di unità nazionale entrambe le camere dei rappresentanti USA sono al lavoro per discutere della Manovra per l’occupazione da 47 miliardi di dollari presentata giovedì dal Presidente Barack Obama su cui i repubblicani sono pronti a convergere, mentre si avvicina il rush elettorale per le Presidenziali del 2012.

    In un Cile segnato dal ricordo del Presidente Salvador Allende continuano le proteste degli studenti contro il piano per l’istruzione privata del Presidente Sebastian Piñera. Mentre il Messico continua la sua battaglia contro i cartelli che nell’estate appena passata hanno subito numerosi arresti, rimane alto nel paese il senso d’insicurezza e di pericolo per i giornalisti che scrivono del sottobosco malavitoso e degli intrecci tra mondo della droga e politica, dal 2000 sono 83 le firme che hanno smesso per sempre di denunciare la situazione.

     

    content_854_2

    AFRICA

    Continua l’emergenza umanitaria in Somalia dove sono ora i piccoli centri abitati lontani da Mogadiscio a patire la mancanza di aiuti e la scarsa attenzione del mondo al dramma di un paese già segnato da una crisi politica che dura ormai da quasi vent’anni. Intanto si fanno insistenti le pressioni della comunità internazionale sugli Stati confinanti con la Libia, da sempre alleati di Gheddafi, che sembrano ormai le uniche mete di rifugio per il Colonnello e i suoi fedelissimi. Il figlio Saadi, è stato accolto per motivi umanitari dal Niger che nega tuttavia di aver accolto altri membri della famiglia del raìs. Intanto i ribelli si stringono attorno alle roccaforti di Bani Walid e Sirte, dove nell’ultima avanzata è stato letteralmente spazzato via un checkpoint lealista. Il supporto NATO alle forze del CNT è ormai palese a tutti mentre i raid aerei della Coalizione si intensificano nell’assalto finale al regime.

     

    MEDIO ORIENTE

    Lunedì 12- Inizia oggi al Cairo il “tour della Primavera Araba” del premier turco Recep Tayyip Erdogan, nella capitale egiziana si parlerà di cooperazione militare con il governo di transizione e dei recenti scontri con Israele che accomunano i due paesi una volta stretti alleati di Gerusalemme e ora protagonisti di un insidioso triangolo che infiamma la già complicata situazione palestinese. Il tour di Erdogan si concluderà con la visita al nuovo governo tunisino dove non mancherà l’occasione di rilanciare i rapporti economico-strategici tra i due paesi.

     

    ANNIVERSARI

    14 Settembre 1960 – Viene fondata l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC), che da allora garantisce alle piccole potenze petrolifere un elevato potere di contrattazione nei confronti degli importatori di greggio

    16 Settembre 1982Massacro di Sabra e Shatila: viene ucciso un numero di arabi palestinesi stimato tra diverse centinaia e 3500. Il massacro è perpetrato da milizie cristiane libanesi in un’area direttamente controllata dall’esercito israeliano, e accende quella che verrà in seguito rinominata come Guerra dei Campi.

     

    Fabio Stella

    Fabio Stella
    Fabio Stella

    Fresco di laurea in relazioni internazionali, con il sogno della carriera diplomatica nel cassetto, la voglia di nuovo e la curiosità l’hanno spinto per fare le valigie per l’estremo Oriente, da dove non sembra voler più tornare. Autore del “7 giorni in un ristretto” redige per voi il calendario della Comunità Internazionale ogni lunedì anticipandovi curiosità, scandali, intrighi e retroscena della geopolitica in ogni angolo del pianeta. Citazioni altisonanti e frasi ad effetto le sue armi “preferite” insieme all’ambizione di rimanere perennemente in equilibrio sul filo del rasoio delle previsioni “da sfera di cristallo”, con una tazzina di “caffè” rigorosamente “espresso” in mano.

    Articolo precedenteRallentare, prego…
    Articolo successivoLa siccità annunciata

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome