utenti ip tracking
mercoledì 25 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Covid e tribù dominano le elezioni in Giordania

    In 3 sorsi - Le elezioni parlamentari in Giordania non hanno...

    Il rapporto franco-tedesco a seguito della pandemia

    In 3 sorsi - A seguito della pandemia la Germania sta...

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Australia, luci e ombre alla fine del tunnel Covid-19

    Analisi - Terzo appuntamento con "Un Caffè agli Antipodi". Melbourne esce...

    La volta buona?

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Potrebbe essere una settimana chiave per la vicenda di Gilad Shalit, il giovane soldato israeliano nelle mani di Hamas. Secondo alcune fonti, Shalit potrebbe essere liberato a breve in seguito ad uno scambio di prigionieri

             Inizia lunedì 23 una “tournée” del presidente iraniano, Mahmud Ahmadinejad, in America del Sud. Il discusso leader visiterà innanzitutto il Brasile, dove incontrerà Lula, poi si recherà in Bolivia e infine in Venezuela per incontrare l’amico Hugo Chávez. Gli USA hanno chiesto al Brasile di effettuare pressioni perché l’Iran rinunci al suo programma nucleare, ma la posizione della potenza sudamericana sembra quella di consentire lo sviluppo dell’energia atomica a scopi civili. 

     

            Potrebbe giungere ad una svolta la vicenda di Gilad Shalit, il soldato israeliano rapito dai palestinesi di Hamas nel 2006. Tel Aviv potrebbe accettare lo scambio di centinaia di prigionieri palestinesi presenti nelle proprie carceri per avere in cambio il giovane Shalit, che potrebbe essere liberato da venerdì 27 novembre in poi, in coincidenza con una festività musulmana che sancisce la fine del tradizionale pellegrinaggio alla Mecca. 

     

            Weekend denso di elezioni in America Latina e Africa. In Honduras si terranno le elezioni presidenziali in un clima di forte incertezza. Argentina e Brasile non riconosceranno il risultato del voto se Zelaya non sarà reintegrato nelle sue funzioni, mentre gli USA sembrano intenzionati ad offrire il riconoscimento. Il presidente de facto Micheletti dovrebbe auto-sospendersi dalla propria carica da mercoledì 25 fino al 2 dicembre per garantire il regolare svolgimento delle elezioni. In Uruguay si svolgerà il ballottaggio tra il socialista Mujica e il liberale Lacalle: l’esito, non del tutto scontato, dovrebbe premiare il primo. Spostandoci in Africa, invece, in Guinea Equatoriale il presidente Teodoro Obiang Nguema dovrebbe avere vita facile nell’essere confermato al potere dopo trent’anni (alle ultime elezioni ottenne il 97% dei suffragi). Il piccolo paese è importante per le sue notevoli riserve petrolifere.

    La Redazione

    blank
    Redazione
    Redazionehttps://ilcaffegeopolitico.net

    Il Caffè Geopolitico è una Associazione di Promozione Sociale. Dal 2009 parliamo di politica internazionale, per diffondere una conoscenza accessibile e aggiornata delle dinamiche geopolitiche che segnano il mondo che ci circonda.

    Articolo precedenteChi avra’ la meglio?
    Articolo successivoEuropa alla riscossa

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome