utenti ip tracking
mercoledì 12 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    Bielorussia, la “vittoria” vuota di Lukashenko

    Analisi – Secondo i dati ufficiali, il Presidente bielorusso...

    È arrivato il cigno nero?

    Editoriale -  A gennaio avevamo provato a descrivere come...

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    Inflight call con Samantha

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Presso la sede dell’Agenzia Spaziale Italiana si è tenuta la prima inflight call dell’astronauta italiana Samantha Cristoforetti con i media italiani dove ha descritto la sua vita nello spazio fin’ora. Il Caffè era presente ed ecco com’è andata. In 3 Sorsi

    1. COS’E’ UNA INFLIGHT CALL? – Le inflight calls sono conferenze periodiche che gli astronauti che si trovano a bordo della Stazione spaziale internazionale (International Space Station – ISS) tengono con i media dei loro rispettivi Paesi d’origine o a livello internazionale. In alcune occasioni, gli astronauti si collegano anche con scuole di ogni grado. Queste calls  sono un’occasione per conoscere più da vicino il lavoro e la vita degli astronauti a 400 chilometri di altezza. Le agenzie spaziali coinvolte sfruttano questi eventi per divulgare al pubblico le proprie attività e l’importanza della ricerca spaziale e dei prodotti tecnologici derivati che vengono comunemente utilizzati qui sulla Terra (ce ne sono più di quanti se ne possano immaginare).

    IMG_1215
    Un momento della presentazione della videoconferenza

    2. COME SI E’ SVOLTA – La inflight call si è tenuta nell’auditorium della sede principale dell’Agenzia Spaziale Italiana (anche se l’evento era promosso dall’Agenzia Spaziale Europea -ESA). Una prima introduzione è stata fatta dai tre enti che sono contemporaneamente rappresentati da Samantha Cristoforetti, ovvero l’ASI, l’ESA e l’Aeronautica Militare. Per la prima era presente la dottoressa Delfina Bertolotto, responsabile dell’Unità Volo Umano, per la seconda Elena Grifoni-Winters, capo dell’Ufficio Coordinamento del Direttorato del Volo e Operazioni Spaziali Umane e per la terza il generale Claudio Salerno Capo Ufficio per la Comunicazione. I tre rappresentanti hanno sottolineato l’importanza di Futura (così è denominata la missione di Samantha Cristoforetti) per la scienza, la collaborazione internazionale e la comunicazione verso i giovani tramite l’utilizzo dei social media, primo tra i quali Twitter (“una giovane che parla ai giovani” ha detto il generale Salerno). Successivamente è avvenuto il collegamento con il Centro Controllo Missione (Mission Control Center – MCC) di Houston in Texas, che si occupa delle conferenze degli astronauti del segmento non russo della Stazione e di quelle che coinvolgono tutti e sei i membri dell’equipaggio. L’MCC ha passato la chiamata direttamente a Samantha Cristoforetti che ha parlato dal modulo europeo Columbus.

    3. PARLA SAMANTHA – Samantha Cristoforetti ha risposto alle domande dei giornalisti presenti con un’espressione che denotava la sua felicità di trovarsi nello spazio a coronare un sogno. Tra una domanda e l’altra l’astronauta ha fatto roteare il microfono per farci “vedere” l’assenza di gravità (il termine corretto è microgravità). Tra le cose che ha trovato più piacevoli sulla Stazione ha menzionato il continuo entusiasmo nello scoprire nuovi aspetti della vita nello spazio ogni giorno e l’osservare la Terra dalla Cupola (un modulo costruito in Italia e dotato di ampie finestre utili per l’osservazione e per le attività con il braccio robotico esterno in dotazione), soprattutto l’Italia che ha descritto come “bellissima” e facilmente distinguibile dall’orbita. Dallo spazio non si vedono i confini politici ed è interessante guardare gli stessi luoghi in condizioni diverse di luce  e meteo che ne influenzano i colori. Dal punto di vista scientifico l’attività è quotidiana e per lei è iniziata già il secondo giorno in orbita con uno degli esperimenti dell’ASI sulla neurologia. L’astronauta ha anche descritto i preparativi natalizi della Stazione, con un piccolo albero di Natale (in dotazione da anni) e con sei calze fatte per l’equipaggio dal comandante Barry Wilmore dove molto probabilmente gli astronauti si scambieranno alcuni doni come porzioni di cibo personali o piccoli oggetti. Samantha Cristoforetti ha infine parlato dell’Italia, Paese da cui ha “avuto moltissimo” con un augurio che possa essere così per molte altre persone.

    Emiliano Battisti

    Il video della call, guarda cosa ha detto Samantha

    [box type=”shadow” ]Un chicco in più

    Se volte seguire Samantha potete farlo su

    Emiliano Battisti
    Emiliano Battisti

    Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite