utenti ip tracking
domenica 20 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    In fiamme

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 4 min.

    Le immolazioni di giovani tibetani si susseguono ormai da parecchi anni, l’ultima in ordine di tempo il 18 gennaio. Per la Cina la regione è di importanza vitale e mai se ne priverà, la comunità internazionale sembra indifferente. Proviamo a capire le origini di questi gesti disperati, attraverso una ricostruzione temporale, che spiega l’inizio del dominio cinese sul territorio tibetano e i tristi scenari che si prospettano per questo antichissimo popolo

     

    UNO SGUARDO D’INSIEME – Venerdì 18 gennaio, un secondo tibetano, in questo inizio 2013, si è tolto la vita, nella provincia sud occidentale dell’ immensa regione cinese del Sichuan. Il macabro rituale è sempre lo stesso, urla e slogan per un Tibet libero e a favore del ritorno in patria del Dalai Lama, prima di appiccarsi il fuoco dopo essersi  cosparsi di benzina. Tsering Phuntsok è la vittima numero 97 dal febbraio 2009. Cosa sta succedendo? Perchè così tante auto immolazioni? Il Tibet si estende su un terzo della repubblica popolare cinese ma i suoi sei milioni di abitanti sono appena lo 0,5% della popolazione. Questa regione di altipiani e catene montuose è sempre stata al centro di interessi strategici da parte dei suoi grandi vicini, Cina e India, poichè il controllo di quest’area implica, di conseguenza, il controllo di riserve d’acqua vitali per tutto il continente. Mekong, Yangtze, Fiume Giallo, Indo e Brahmaputra nascono qui, dove sono presenti inoltre, grossi giacimenti di Oro e Uranio. Interessi troppo grossi per non attirare l’attenzione.

     

    ORIGINE DEL DOMINIO CINESE – Inizialmente, fu la Gran Bretagna, nel 1904, a spedire forze militari indiane nel territorio tibetano, per sanare una questione di confini, e per la prima volta, il ministro degli esteri cinese dichiarò, che era la Cina ad avere la sovranità sul Tibet. Dall’invasione britannica della regione, vide la luce un trattato il cui punto saliente era quello che obbligava il Tibet all’ apertura dei suoi confini all’India britannica senza alcuna imposizione, di tasse doganali ai mercanti indiani o britannici. Il successivo trattato sino-britannico del 1906 impegnava gli inglesi a non annettersi alcun territorio tibetano e a non intromettersi nell’amministrazione di quel governo, ricevendo in cambio il consenso dei cinesi all’istituzione dei rapporti commerciali anglo-tibetani avvenuta nel 1904. Nel 1907 Gran Bretagna e Russia, nell’ambito della spartizione delle rispettive aree di influenza in Asia, si accordarono che, nel rispetto di quanto stipulato con i precedenti trattati del 1904 e 1906, fossero riconosciuti i diritti di controllo sul Tibet dei cinesi, ai quali veniva riconosciuto anche il diritto di intermediazione su tutti gli affari esteri tibetani. Al momento della proclamazione della nascita della Repubblica cinese nel 1912, il Tibet fu annesso come provincia della neonata repubblica. I tibetani risposero espellendo tutte le truppe cinesi di stanza a Lhasa e in altri centri del Tibet e il tredicesimo Dalai Lama dichiarò l’indipendenza del Tibet nel 1913. Le ultime truppe cinesi abbandonarono il Paese l’anno successivo. Lo scoppio della prima guerra mondiale e la successiva guerra civile, accantonarono momentaneamente l’interesse cinese per la regione, che tornò prepotentemente alla ribalta il 7 ottobre 1950, stesso giorno in cui i soldati americani varcavano il 38mo parallelo dando inizio alla guerra di Corea, che catalizzando l’attenzione dell’opinione pubblica mondiale, dava il via libera all’invasione cinese del Tibet, senza alcuna obiezione internazionale. Nel 1959 quando il Dalai Lama in pericolo di vita fuggì in esilio in India, la repressione cinese aveva già fatto 65.000 vittime e oltre 80.000 profughi, in fuga verso India e Nepal.

     

    content_1324_2

    TIBET OGGI – Ancora oggi il Dalai Lama vive in esilio a Dharamsala nel nord dell’ India, considerato dalle autorità cinesi come pericolo alla stabilità interna. Negli ultimi anni, tra le regioni autonome, il Tibet è quella che riceve più investimenti di tutti, il suo reddito regionale lordo è finanziato per il 75% da Pechino. Sono tuttavia investimenti  mal distribuiti, destinati in gran parte alla costruzione di infrastrutture avveniristiche come la linea ferroviaria che da Pechino raggiunge Lhasa, capitale del Tibet, a circa 4000 metri di quota. Un gioiello ingegneristico che per ironia della sorte solo i cinesi possono permettersi, gli stessi cinesi di etnia “Han” che stanno colonizzando tutta la regione. Proprio questo è un altro tasto dolente dei difficili rapporti tra stato centrale e il paese culla del buddismo. Pechino incoraggia infatti milioni di cinesi a trasferirsi ogni anno a Lhasa e nelle altre principali città Tibetane per accelerare lo sviluppo economico e “annacquare” le tradizioni e l’identità culturale di un popolo dalla tradizione millenaria. Le rivolte dei monaci e della popolazione locale si susseguono dagli anni ’60 e non hanno portato ad alcun risultato tangibile, Il Dalai Lama ha da tempo abbandonato l’obiettivo dell’indipendenza che, oggettivamente, non otterrà mai, e si accontenterebbe di un autonomia che preservi la cultura del suo popolo, ma anche sotto questo punto di vista la Cina pare non voler concedere alcunchè. A questo punto sorge una domanda: dov’è la comunità internazionale? Il comportamento di Stati Uniti ed Unione Europea è molto, forse troppo prudente. Oggi con la Cina non si può scherzare, e bisogna pensarci molto bene prima di interferire negli affari interni del gigante asiatico, da cui, bene o male, tutti ormai dipendono a livello economico, e che considera sdegnoso e ostile  persino il fatto che le rappresentanze occidentali ricevano il Dalai Lama, come rappresentante di uno stato, che formalmente non esiste. Le immolazioni di giovani studenti e monaci, sono l’unico e ultimo tentativo di richiamare l’attenzione su una questione spinosa. A che prezzo lo sviluppo economico cinese è disposto ad arrivare per soddisfare le sue manie di grandezza e la sua leadership in Asia?

     

    Filippo Carpen

    redazione@ilcaffegeopolitico.net

    Filippo Carpen
    Filippo Carpen

    Sono laureato in ʺScienze Internazionali ed Istituzioni Europeeʺ presso la facoltà di ʺScienze Politicheʺ della ʺUniversità Statale di Milanoʺ.
    I miei interessi spaziano  dal continente asiatico, in particolar modo a Cina, Giappone e Paesi del sud-est, al Centro America. Aree ricche di storie e culture millenarie e al contempo di rivalità e tensioni sociali che oggi grazie ai media sono sotto gli occhi di tutti noi. Mi piace informarmi su quanto accade in questi  magnifici scenari  e proverò a spiegare, a chi avrà la pazienza e la voglia di seguirmi, gli eventi geopolitici più importanti, apparentemente così lontani ma in realtà incredibilmente vicini.

     

    Articolo precedenteTutto come prima?
    Articolo successivoLa scommessa

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome