utenti ip tracking
lunedì 26 Ottobre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Il futuro dell’Unione secondo Ursula Von der Leyen

    In 3 sorsi – Nel discorso sullo stato dell'Unione...

    Covid-19 e tensioni sociali in Cile

    Analisi - A qualche mese dalla diffusione del virus,...

    Il tricolore su Herat

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 5 min.

    Se dovessimo sintetizzare l’Afghanistan in una frase, mi verrebbero in mente due cose. La prima, una frase che nel 2009 disse l’allora Rappresentante EU a Kabul Ettore Sequi: “Bisogna parlare al cuore e alla mente degli afgani, ma anche allo stomaco”, mutuandola da quella detta dal Generale Dalla Chiesa. Il riferimento era al fatto che gli Afgani che vivono nei villaggi sperduti delle periferie del paese spesso sentono come giusta la ‘giustizia’ dei talebani perché permette loro di mangiare, e sentono molto lontano il governo di Kabul. La seconda cosa è la lettura di un libro: “The Fragmentation of Afghanistan”, del Professor Barnett R.Rubin, sulla formazione dello stato e il collasso del sistema internazionale nel paese.

     

    Libro che ben spiega che non c’è un Afghanistan, ma tanti sotto lo stesso nome, con esigenze e problemi molto differenti tra loro. In questo paese sfortunato, da dove le forze dell’Isaf dovrebbero ritirarsi nel 2014, non si ha alcuna certezza. Il paese sarà stabile e sicuro per allora?

     

    Nel 2014 gli anni di guerra saranno tredici. Ma per chi viaggia in Afghanistan la parola ‘sicurezza’ è ancora una chimera. In questo articolo vi raccontiamo come e dove opera il nostro contingente. L’Italia infatti è tra i paesi che fanno parte dell‘ISAF, International Security Assistance Force, missione di supporto al governo dell’Afghanistan che opera sulla base di una risoluzione dell’ONU. La principale minaccia per i nostri soldati è la presenza di ordigni improvvisati (IED).


    In uno speciale sull’Afghanistan che prossimamente vedrete sul nostro sito, parleremo dei civili, in particolare donne e bambini.

     

    Dove è stanziato il nostro contingente?


    Se si guarda la cartina dell’Afghanistan, per capire dove sono gli italiani bisogna guardare ad ovest, al confine con l’Iran. L’Italia ha la responsabilità di 4 province: Herat, Farah, Bagdhis e Ghor.  Gli italiani sono 3900 e operano su un territorio molto vasto. 150.000 kmq, un’area pari all’Italia settentrionale e a parte dell’Italia centrale. A settembre la Brigata Bersaglieri Garibaldi  ha lasciato il terreno agli alpini della Taurinense.  Con altri 9 paesi contributori l’Italia forma il Regional Command West (RCW) nell’ambito dell’operazione Isaf. Il compito principale del contingente italiano è quello di sostenere il governo afgano nella ricostruzione del paese, affinché l’Afghanistan possa essere indipendente.

     

    Quali le caratteristiche del territorio afgano in cui gli italiani operano?


    E’ un territorio insidioso. Una curva stretta, un saliscendi, una strettoia, rappresentano una possibile minaccia: il mezzo militare afgano è costretto a rallentare e gli insorti possono centrare meglio il loro obiettivo. Quando c’è la necessità di verificare la presenza di ordigni, per esempio, entra in gioco l’unità cinofila. Sono operatori cosiddetti IEDD, ovvero una squadra che si occupa della ricerca e neutralizzazione degli ordigni improvvisati. I nostri genieri sono i migliori al mondo, primato che purtroppo è legato al fatto che l’Italia è stata tra i principali produttori di mine. In Afghanistan hanno battuto le strade con risultati eccezionali, tantissimi i kilometri percorsi a passo d’uomo davanti al convoglio, per cercare un ordigno. L’Arma del genio ha avuto uno sviluppo rapido, legato alla mobilità del conflitto, e ora è in prima linea. Finora ha svolto un lavoro molto utile ai fini dello sminamento in Afghanistan.

     

    Come avviene lo sminamento?


    Il primo binomio importante parte dall’affiatamento uomo-animale. Il cane indossa un collare particolare ed è stato addestrato: sa che quando indossa quel collare dovrà cercare l’esplosivo. Dopo aver trovato l’esplosivo deve sedersi e non continuare a scavare. Confermata la presenza dell’esplosivo entra in scena il Cougar, apparecchiatura da 600 mila euro che spara acqua sulle componenti elettriche dell’ordigno per disattivarle. L’obiettivo è capire la tipologia dell’Ied e il procedimento usato dal nemico, non distruggere l’ordigno. Gli insorti inoltre potrebbero lasciare delle impronte e queste verrebbero puntualmente verificate nell’archivio biometrico. Arriviamo cosi’ all’uomo che sfida le bombe e si misura in primis con l’ordigno, rischiando la pelle. I compagni lo aiutano a indossare la tuta anti-esplosiva di 40 kg. Spesso la minaccia non è rappresentata dall’ordigno ma anche da chi, quando i nostri militari si avvicinano all’esplosivo, è pronto per un’imboscata e osserva, a distanza, le mosse di approccio alla bomba.

     

    articolo3
    Foto dell’autrice

     

    Qual è il principale compito degli italiani?


    In una parola il supporto. Supporto alle forze militari afgane che vengono formate dagli italiani affinchè possano gestire da sole la difficile situazione sul fronte sicurezza. Su questo territorio operano circa 32.000 tra militari dell’ANA, Afghan National Army, e poliziotti afghani che hanno acquisito una buona capacità di pianificare e condurre operazioni in piena autonomia. Un altro punto importante è proprio la reintegrazione degli afgani. Un processo che ha visto fino all’ottobre dello scorso anno 2042 reintegrati nel RCW, su un totale di circa 5000 in tutto l’Afghanistan, così suddivisi nelle quattro province: 438 a Herat, 1287 a Bagdhis, 173 a Farah e 144 a Ghor. In particolare, nell’area a responsabilità italiana opera il 207° Corpo d’Armata afgano. Il reintegrato in buona sostanza è un ex-insurgent che abbandona le armi e accetta il programma di reintegrazione. Il programma prevede un breve periodo di formazione, il rilevamento dei dati biometrici e una cerimonia pubblica trasmessa per televisione, durante la quale il soggetto presta giuramento sul Corano. Inoltre, per agevolare il suo ingresso in società gli viene offerto un lavoro. Esiste anche un Police Advisor Team costituito dai carabinieri la cui missione è l’attività di advising a favore del Comando regionale e Provinciale dell’Afghan Uniform Police di Herat. Episodi recenti raccontano di finti reintegrati che si introducono all’interno delle forze occidentali per guardarle dall’interno, o per effettuare attentati suicidi, come purtroppo è successo sia a Kabul sia al sud del paese. Interrogati su questo, gli italiani rispondono che sono episodi molto sporadici.

     

    Qual è in questo momento il problema principale degli afgani?


    Abbiamo parlato con alcuni di loro a sud di Bakwah, distretto di responsabilità italiana non lontano dall’Helmand. Il problema principale, ci raccontano, è legato alla sicurezza. “Che qui ci sia anche la polizia afgana è un fattore positivo – ci racconta un abitante di un villaggio.
    – ma se rimanessero gli italiani sarebbe meglio. Siamo molto grati al vostro esercito. Sono brave persone… non ci sono mai vittime o feriti tra i locali. Non sentiamo spari in continuazione… con gli americani prima era peggio”.
    “La sicurezza è il nostro problema principale – ci racconta il capo villaggio Nessuno può andare da chi governa a chiedere aiuto perché se i talebani lo scoprissero lo ucciderebbero. E qui come vede non c’è nulla, figurarsi un mercato,è necessario spostarsi in un altro villaggio per comprare le cose. Ma le strade non ci sono e nel terreno c’è sempre la trappola degli ordigni per cui è molto pericoloso spostarsi”.
    E ancora. “Gli italiani hanno portato una maggiore sicurezza. Non uccidono i civili. Molti prima lasciavano quest’area e andavano via. La sicurezza è migliorata. La polizia afgana è un esempio, ai tempi degli americani non c’era. Sono gli italiani ad averla portata qui”.

     

    I principali problemi in Afghanistan, ci raccontano queste persone, sono la sicurezza, le condotte per il trasporto dell’acqua e il supporto per le esigenze primarie che il villaggio necessita.
    Ad oggi circa l’80% circa dei distretti dell’area di responsabilita’ italiana hanno avviato il processo di transizione alle forze afgane, a partire dalla difficilissima area del Gulistan e di Bakwah. Nel 2012 l’Italia ha stabilito circa 2000 check point lungo le principali vie di comunicazione, con 17.000 veicoli controllati, 5000 pattuglie condotte in tutti i distretti e oltre 170.000 persone controllate.

     

    Tutti i nostri coffee break

    Mariangela Pira
    Mariangela Pira

    Sono giornalista professionista. Prima ancora, Interista. Su Class CNBC conduco, su Sky 507 e TGCOM24, gli approfondimenti sui mercati finanziari. Curo il Desk China di Class Editori, con una trasmissione tv, una rubrica quotidiana su MF, e una pagina sul sito internet www.milanofinanza.it/desk_china. Amo i noodles e i ravioli di carne al vapore. Per il Ministero degli Affari Esteri ho condotto Esteri News Dossier, notiziario della diplomazia italiana, in onda sul sito www.esteri.it e su Class CNBC. Per questo progetto ho viaggiato in Afghanistan, Iraq, Libano, Israele, Palestina e nei paesi dove è presente la Cooperazione Italiana allo Sviluppo. Ho iniziato all’Ansa di New York, seguendo alcuni processi e la prima Inauguration Week del Presidente George Bush. In realtà uno dei miei primi pezzi, anzi il primo, è stato sul cuoco messicano di George Bush! Mentre lavoravo a Class ho vinto, nel  2004, una borsa di studio per la Cina. In Cina ho collaborato con MF, Panorama e Il Venerdì di Repubblica. Modero per vari gruppi e istituzioni tra cui The European House Ambrosetti, Ubs, Euronics, Unesco, Ambasciata Rep. Popolare Cinese in Italia, Fondazione Italia Cina, Fondazione Cassa Risparmio Trento e Rovereto, Forum della Comunicazione. Ho scritto per Hoepli La nuova rivoluzione cinese. Sì, lo so non è in cima alle classifiche ma è comunque utile!

    Articolo precedenteTra Guareschi e Saint-Exupéry
    Articolo successivo“L’attesa del peggio”

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    10 Commenti

    1. Cerchiamo di cominciare per bene.
      La capacità cinofila dell’Esercito Italiano prevede la formazione di 3 tipologie di binomi deputate alla ricerca e segnalazione di sostanze esplosive:
      1) E.D.D. Binomi destinati alla ricerca e segnalazione di sostanze esplosive in superficie.
      2) M.D.D. Binomi che sono addestrati alla ricerca di mine e ordigni interrati.
      3) Scout dog : binomi paracadutisti polivalenti che possono effettuare entrambi i tipi di ricerca. 
      la seconda doverosa precisazione è relativa alla segnalazione del cane in prossimità della sostanza esplosiva. La segnalazione prevede la posizione di “seduto” immobile e di massima attenzione nella direzione della minaccia. gli IED sono ordigni estremamente instabili e il cane viene addestrato a non toccarli per nessuna ragione.

    2. Mariangela, good article so full of information and feeling of what is the reality of Afganistan and his people beside the men that risking their lives there, what would happen in 2014 solo Dio lo sà, but I don’t believe it would be easy.

    Rispondi a MariangelaPira Cancella la risposta

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome