utenti ip tracking
martedì 19 Gennaio 2021

Speciale COVID-19

La pandemia sommersa: Covid-19 e disuguaglianze di genere nell’Africa subsahariana

In 3 sorsi - Da quando l’epidemia si è abbattuta anche...

L’emergenza sanitaria in Russia e il rischio di Putin

In 3 sorsi – La pandemia di Covid-19 sta mettendo in...

Corea del Sud, un Governo tra pandemia e riforma sanitaria

In 3 sorsi - I casi giornalieri di coronavirus in Corea...

Le elezioni parlamentari in Romania

In 3 sorsi - Tra pandemia da coronavirus e instabilità politica,...

Terrorismo: l’Egitto di nuovo nel mirino

In breve

Dove si trova

RistrettoQuesta mattina l’Egitto si è trovato nuovamente ad aggiornare gli impietosi numeri che riportano le vittime causate dall’insurgency islamista in corso dall’inizio del 2013, localizzata sopratutto nella penisola del Sinai.

Questa volta ad essere colpita è stata la moschea Sufi di al Rawdah, nella cittadina di Bir al Abd. Fonti del Ministero degli Interni egiziano riportano che il conteggio delle vittime è salito a 184 ma i molti feriti gravi fanno temere un ulteriore incremento del dato. L’attacco è stato condotto da un commando di circa 16 unità che ha raggiunto il luogo a bordo di 4 pick up e il probabile bersaglio di questo raid sanguinario sembra che fossero i molti membri delle forze di sicurezza egiziane intente nella preghiera del Venerdì. Nonostante il recente ritorno alle operazioni di gruppi legati ad al Qaeda nella penisola, bersaglio e modalità operativa fanno presagire che dietro questo attacco si celi Ansar al Bayt al Maqdis, filiale dello Stato Islamico nel Sinai. Non è però da sottovalutare il fatto che oggi ricorra l’anniversario della morte di Abdullah Azzam, padre fondatore di al Qaeda insieme ad al Zawahiri e ad Osama bin Laden. In attesa di rivendicazioni ufficiali, l’Egitto di al Sisi si ritrova ad aggiornare le statistiche di questa cruenta guerra asimmetrica che è in corso nel Sinai da ormai quasi cinque anni.

Valerio Mazzoni

 

Foto di copertina di alisdare1 Licenza: Attribution-ShareAlike License

Valerio Mazzoni

Nato, cresciuto e residente a Roma classe 1989, laureando in Scienze politiche per le Relazioni Internazionali presso l’Università Roma Tre. Formato accademicamente da nottate passate a giocare ad Age of Empire e Risiko, nutre da sempre una smodata passione per la storia e per le relazioni internazionali, con particolare interesse per il fondamentalismo islamico, i servizi segreti e la loro controversa storia. Per il Caffè Geopolitico si occupa della Russia e delle ex Repubbliche Sovietiche. I viaggi e la Lazio sono le sue passioni più grandi, anche se non disdegna rapide incursioni nel mondo NBA.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite