utenti ip tracking
martedì 22 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il treppiede iraniano

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Chi mai pensa che uno stato possa essere rappresentato da un mobile? Eppure esiste una teoria applicabile alla situazione iraniana attuale

     

    LA STRUTTURA – Si dice che un treppiede sia la più instabile delle strutture politiche di governo. In essa, tre fazioni, correnti, partiti o associazioni sono in equilibrio tra loro per sostenere l’ordinamento statale. E’ instabile perché è necessario un equilibrio perfetto tra di esse per mantenere lo status quo e, dunque, permettere la sopravvivenza del sistema.L’Iran dopo Khomeini viene spesso considerato un paese dove i conservatori detengono il potere reprimendo i riformisti, ma non è proprio così. In particolare, è errato considerare i conservatori come un’unica entità indivisa. In realtà la pace interna era garantita da un particolare rapporto tra i riformisti, i conservatori e gli ultraconservatori: un treppiede appunto.Quando i riformisti hanno tentato di portare avanti riforme sostanziali, sono stati bloccati dai conservatori e dagli ultraconservatori. Ma non sono stati eliminati, perché i conservatori ne avevano bisogno per convogliare le tensioni della popolazione giovane desiderosa di libertà e contemporaneamente per contrastare le spinte estremiste degli ultraconservatori, giudicate foriere di un futuro isolamento del regime degli Ayatollah. In tal modo, lo status quo è sopravvissuto per anni: nessuna fazione poteva eliminare le altre e dominarle, perché le altre operavano in senso contrario. A una prima occhiata può sembrare che i riformisti non siano mai stati in una tale situazione di “parità”; qui però non si parla di uguaglianza istituzionale, bensì del fatto che il sistema iraniano, con le sue tre anime, abbia impedito che le spinte dei due estremi potessero portare il sistema-paese verso un cambiamento sostanziale.

     

    content_294_2

    INSTABILITA’Un treppiede politico mostra la sua instabilità e crolla quando due delle tre “gambe” che lo sorreggono decidono di rompere l’equilibrio coalizzandosi per distruggere la terza. In Iran questo è successo quando i conservatori legati all’Ayatollah Ali Khamenei hanno fatto rieleggere Presidente Mahmud Ahmadi-nejad, legato alla corrente ultraortodossa dell’Ayatollah Mesbah-Yazdi, di fatto eliminando ogni illusione che i riformisti potessero avere ancora un ruolo nel paese. E’ stato il segnale di voler eliminare il “piede” riformista, che pure aveva dato chiari segni di necessitare un po’ più d’ascolto data la crisi economica interna e la crescente critica verso Ahmadi-nejad degli ultimi anni. E’ stata vista anzi come un tentativo di spostare il paese su posizioni ancora più ortodosse, per di più attraverso elezioni considerate truccate.Mir-Hussein Moussawi non è certo un campione del riformismo, ma sarebbe stato un buon compromesso per mantenere vivo lo status quo. Conservatore senza idee riformiste, ma apprezzato per la sua opposizione ad Ahmadinejad. Aver orchestrato la sua sconfitta appare invece ora un errore per Khamenei: Moussawi  (nella foto, manifesti in suo favore) sta raccogliendo supporto trasversale dai riformisti e da quei conservatori che si rifiutano di vedere un paese guidato dal clero più estremista o che sono nemici del Presidente. E il grido “morte al dittatore”, le immagini di Khamenei bruciate o cancellate, la repressione e i martiri della protesta che stanno diventando simboli ben più potenti degli slogan passati, ci mostrano un paese sull’orlo della guerra civile.I Pasdaran e le milizie Basiji sono ora abbastanza forti da mantenere il paese saldamente sotto il governo attuale. Ma per quanto? Quanto ci vorrà perché, per esempio, alcune unità dell’esercito regolare – anche se male armate – decidano di appoggiare i ribelli ora che anche parte del Clero conservatore meno estremista è con loro? Khamenei pensava che sopprimendo i riformisti lo sgabello sarebbe rimasto in equilibrio comunque, su due piedi. Invece sta crollando tutto insieme.

     

    Lorenzo Nannetti

    Nato a Bologna nel 1979, appassionato di storia militare e wargames fin da bambino, scrivo di Medio Oriente, Migrazioni, NATO, Affari Militari e Sicurezza Energetica per il Caffè Geopolitico, dove sono Senior Analyst e Responsabile Scientifico, cercando di spiegare che non si tratta solo di giocare con i soldatini. E dire che mi interesso pure di risoluzione dei conflitti… Per questo ho collaborato per oltre 6 anni con Wikistrat, network di analisti internazionali impegnato a svolgere simulazioni di geopolitica e relazioni internazionali per governi esteri, nella speranza prima o poi imparino a gestire meglio quello che succede nel mondo. Ora lo faccio anche col Caffè dove, oltre ai miei articoli, curo attività di formazione, conferenze e workshop su questi stessi temi.

    Articolo precedenteScontenti tutti
    Articolo successivoLegge ‘ad personam’, San Suu Kyi fuori

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome