utenti ip tracking
martedì 24 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Australia, luci e ombre alla fine del tunnel Covid-19

    Analisi - Terzo appuntamento con "Un Caffè agli Antipodi". Melbourne esce...

    Che cosa succede in Finlandia?

    In 3 sorsi – In che modo il Paese scandinavo sta...

    La Cina e il nuovo Piano quinquennale 2021-2025

    In 3 sorsi – Si è conclusa il 29 ottobre scorso...

    Chi comanda in Libia?

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    I fatti di sabato a Bengasi, con gli scontri tra la popolazione locale e le milizie di “Scudo della Libia”, formazione di insorti inquadrata nella riserva dell’esercito, riportano nel dibattito internazionale il tema della sicurezza nel Paese: chi comanda davvero e come può essere controllato il flusso di armi?

     

    GLI SCONTRI DI BENGASI – Sabato 8 giugno, un gruppo di dimostranti a Bengasi ha assalito la sede di “Scudo della Libia”, una milizia armata che prese parte all’insurrezione contro Gheddafi e che adesso è riconosciuta dal Governo quale unità di riserva dell’esercito. Dopo alcune ore di duri scontri, il bilancio è stato di almeno 30 persone morte e oltre 70 ferite. Il fatto, che non costituisce un precedente, giacché episodi analoghi si sono verificati nell’ultimo anno in tutto il Paese, porta nuovamente in evidenza una problematica che costituisce una seria minaccia per la già fragile unità della Libia contemporanea, ossia la totale assenza di razionalità nella gestione della sicurezza, a cominciare dall’impossibilità per le Autorità di procedere a una reale campagna di disarmo. La vicenda di Bengasi, oltretutto, giunge proprio a pochi giorni dalla polemica tra il Primo Ministro libico, Ali Zeidan, e il Presidente del Niger, Mahamadou Issoufou, il quale, all’indomani degli attacchi terroristici degli uomini di Mokhtar Belmokhtar alla miniera di Arlit e alla caserma di Agadez, affermò che la Libia costituisse «la maggiore fonte di destabilizzazione nel Sahel».

     

    IL VUOTO DI POTERE A SUD – In effetti, il sud del Paese resta tuttora assolutamente fuori controllo, a maggior ragione da quando l’avanzata francese in Mali ha costretto un ampio numero di combattenti islamisti ad attraversare i confini algerino e nigerino, transitando anche verso la Libia. È innegabile che il quadro nella regione sahelo-sahariana sia divenuto quanto mai caotico in seguito alle turbolenze degli ultimi due anni, con gruppi combattenti sospesi tra il jihadismo e il banditismo che sono riusciti a sfruttare i vuoti di potere – anche connessi alle cosiddette “Primavere arabe” – per perseguire intenti terroristici e criminali (sequestri e traffici di armi e droga), tuareg sul piede di guerra e compagini armate di ribelli. In Libia continua a circolare un volume di armi non ben quantificabile e in molte zone il controllo del territorio, e con esso quello della giustizia e della sicurezza, restano appannaggio di clan, potentati locali e milizie più o meno regolari per i quali la guerra civile non è ancora finita. Il progetto della Commissione suprema di sicurezza (CSS), che avrebbe dovuto comprendere le varie formazioni armate degli insorti, è al momento solo una sigla sotto la quale operano componenti con propri interessi. Lo “Scudo della Libia” è un’altra organizzazione costituita da combattenti anti-Gheddafi, ma che, a sua volta, mira a obiettivi talvolta confliggenti con lo stesso Governo di Tripoli e spesso in aperta ostilità nei confronti della CSS.

     

    Un gruppo di persone su un carro armato a Bengasi.
    Un gruppo di persone su un carro armato a Bengasi

    CHI COMANDA IN LIBIA? – La complessità del quadro sta proprio nell’assenza di linearità nella gestione della sicurezza, poiché alle sigle ora indicate devono essere aggiunti coloro che sarebbero i detentori legittimi dell’uso della forza, ossia i militari regolari e la polizia. La Libia meridionale, inoltre, è ormai un’area centrale per il transito dei traffici illeciti e per il rifugio di alcuni gruppi islamisti attivi nella regione sahelo-sahariana, soprattutto Ansar al-Shari’a, che intrattiene profondi rapporti con al-Qaida (molti suoi membri sono reduci del jihad in Iraq e Afghanistan), pur non facendone direttamente parte e nonostante recentemente alcune sue figure di spicco siano state uccise. Tutto ciò contribuisce a rendere la Libia estremamente instabile, scomponendo il contesto socio-politico in base a direttrici da sempre presenti nel Paese, ma riemerse tragicamente dopo la caduta di Gheddafi e destinate, stante anche la moltiplicazione di milizie armate e il flusso incessante di armi, a perdurare nel lungo periodo. In questo senso l’origine primaria delle vicissitudini libiche è da ricercarsi nella mai sedata frammentazione etnica e tribale.

     

    Beniamino Franceschini

    Beniamino Franceschini
    Beniamino Franceschini

    Classe 1986, vivo sulla Costa degli Etruschi, in Toscana. Laureato in Studi Internazionali e dottorando di ricerca in Scienze Politiche all’Università di Pisa, sono specializzato in geopolitica e marketing elettorale. Mi occupo come libero professionista di analisi politica (con focus sull’Africa subsahariana), formazione e consulenza aziendale. Sono vicepresidente del Caffè Geopolitico e collaboro al coordinamento del desk Africa. Ho un gatto bianco e rosso chiamato Garibaldi.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome