utenti ip tracking
martedì 19 Gennaio 2021

Speciale COVID-19

La pandemia sommersa: Covid-19 e disuguaglianze di genere nell’Africa subsahariana

In 3 sorsi - Da quando l’epidemia si è abbattuta anche...

L’emergenza sanitaria in Russia e il rischio di Putin

In 3 sorsi – La pandemia di Covid-19 sta mettendo in...

Corea del Sud, un Governo tra pandemia e riforma sanitaria

In 3 sorsi - I casi giornalieri di coronavirus in Corea...

Le elezioni parlamentari in Romania

In 3 sorsi - Tra pandemia da coronavirus e instabilità politica,...

Elezioni in Cambogia: Hun Sen ha già vinto

In breve

Dove si trova

RistrettoIeri in Cambogia si sono tenute le elezioni generali per il rinnovo dell’Assemblea Nazionale, la camera bassa (e la più importante) del Parlamento cambogiano.

Le urne sono già chiuse da diverse ore, mentre fanno il giro del mondo le consuete foto degli elettori in posa con l’indice colorato con l’inchiostro (l’inchiostro è usato per segnalare le persone che hanno già votato, per impedire di votare un’altra volta). Per Hun Sen, che governa il Paese da 33 anni, questa dovrebbe essere la prova del fuoco, il momento in cui tutto è in gioco: così fu nel 2013, quando il suo partito (Partito Popolare Cambogiano) vinse di misura contro il Partito per la Salvezza nazionale della Cambogia (CNRP) di Sam Rainsy, garantendosi altri cinque anni di Governo. Oggi invece l’esito dell’elezione pare essere già scritto, se non addirittura scontato: Sam Rainsy è in esilio a Parigi per sfuggire a un mandato di arresto, il suo successore Kem Sokha è in prigione con l’accusa di tradimento, mentre il CNRP, l’unica e rilevante alternativa al Partito Popolare di Hun Sen, è stato sciolto a novembre con un controverso colpo di mano. Hun Sen ha già vinto, perché oggi in Cambogia non esiste più un’opposizione indipendente, organizzata e capace di denunciare i legami clientelari, il controllo dell’informazione e le azioni di forza che hanno permesso a Hun Sen di emergere come il padre padrone del piccolo Paese indocinese. Dubbio sarà il valore delle proteste: la più rilevante di esse è la campagna “clean fingers”, che mira a convincere gli elettori ad astenersi dal voto, in difesa dei valori democratici previsti dalla costituzione. Ma Hun Sen, per massimizzare l’affluenza, ha minacciato ritorsioni contro gli obiettori, facilmente riconoscibili per via dell’assenza dell’inchiostro elettorale sull’indice.

Simone Munzittu

Aging Rulers” by “Aging Rulers” is licensed under “Aging Rulers

Simone Munzittu

Sono nato in Sardegna nel 1996, a Cagliari. Presso l’ateneo di questa città ho conseguito con lode una laurea in Scienze Politiche, con una tesi sull’ascesa della partisanship nel Congresso degli Stati Uniti. Le mie più grandi passioni sono di natura economico-politica, e proprio di questo mi occupo all’interno del Caffè Geopolitico, nell’area dell’Asia-Pacifico. La Cina è il Paese che mi appassiona e che caratterizza i miei studi: attualmente vivo a Pechino, nell’ambito di un programma di laurea specialistica double degree tra l’Università di Torino e la Beijing Foreign Studies University. Inoltre, amo la storia, la musica, i giochi di strategia, la Formula 1 (da ferrarista convinto)… e anche il caffè.

 

 

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite