utenti ip tracking
domenica 25 Settembre 2022

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Timor Est: il ritorno di Ramos-Horta

In breve

  • Le elezioni presidenziali a Timor Est hanno visto la vittoria del Premio Nobel José Ramos-Horta, figura di spicco della lotta per l’indipendenza. Un successo che potrebbe avvicinare l’isola alla Cina.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

RistrettoIl 19 aprile si è tenuto il secondo turno delle elezioni presidenziali a Timor Est. Ha vinto il Premio Nobel José Ramos-Horta, figura di spicco della lotta per l’indipendenza e già Presidente dal 2007 al 2012.

Ramos-Horta ha ottenuto il 62% dei voti, sconfiggendo con ampio margine il Presidente uscente Francisco Guterres. Il candidato del CNRT aveva registrato un solido successo anche al primo turno, tenutosi il 19 marzo, ma non era riuscito a superare la quota del 50% necessaria per dichiarare la vittoria ed evitare il ballottaggio. Decisivo per Ramos-Horta è stato l’endorsement di Xanana Gusmao, leader della lotta contro l’Indonesia e primo Presidente del Paese dopo l’indipendenza nel 2002. Gusmao è stato anche Primo Ministro dal 2007 al 2015, in tandem inizialmente proprio con Ramos-Horta come Presidente, e ha mantenuto una significativa influenza sulla vita politica di Timor Est. Le elezioni sono state giudicate sostanzialmente corrette e pacifiche dai principali osservatori internazionali, tra cui quello dell’UE Ruiz Devesa. Ramos-Horta si insedierà il prossimo 20 maggio, ventesimo anniversario dell’indipendenza di Timor Est.
Il neo-Presidente dovrà però affrontare una difficile situazione economica. Il 40% della popolazione vive infatti sotto la soglia di povertà e vari progetti di sviluppo sono bloccati da tempo a causa di faide politiche e mancanza di risorse. Al momento la principale fonte di sostegno di Timor Est sono i suoi giacimenti di gas naturale, i cui proventi costituiscono circa il 90% del PIL nazionale. Finora lo sfruttamento del gas è stato condotto in partnership con l’Australia, che aveva giocato un ruolo chiave nella drammatica indipendenza del Paese nei primi anni Duemila, ma negli ultimi tempi è aumentato l’interesse di parte della classe politica locale (soprattutto il CNRT) a cooperare in ambito energetico con la Cina. In particolare, Gusmao vorrebbe creare un grande impianto per la produzione di gas naturale liquefatto (GNL) e vede in Pechino un potenziale sponsor finanziario per la realizzazione di tale progetto. Il ritorno di Ramos-Horta promette quindi di ravvivare i tentativi di Dili di stabilire relazioni più strette con la Cina e, al contrario, di peggiorare quelle con l’Australia, accusata dal Governo timorense di spionaggio e altre forme di indebita interferenza. Da questo punto di vista, l’isola rischia di diventare l’ennesimo punto di tensione tra Pechino e Canberra nell’Indo-Pacifico.

Simone Pelizza

Photo by David_Peterson is licensed under CC BY-NC-SA

Simone Pelizza
Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite