giovedì, 2 Febbraio 2023

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

COP27: Il Brasile di Lula è tornato

In breve

  • Il Brasile di Lula conquista la COP27: il Presidente ha posto come obiettivi la lotta alla deforestazione e la salvaguardia dell’Amazzonia.
  • Non sono mancate le polemiche, in particolare rivolte all’utilizzo di un jet privato da parte di Lula, in contrasto con lo spirito della Conferenza e le dichiarazioni espresse.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

Ristretto – Il Brasile di Lula torna protagonista nella lotta al cambiamento climatico in occasione della COP27. Il Presidente è intervenuto in difesa dell’Amazzonia e contro la deforestazione, ma non sono mancate le polemiche.

Si è conclusa il 20 novembre scorso la COP27, tenutasi in Egitto in un clima geopolitico teso, tra la guerra in Ucraina, accuse e fallimenti nel raggiungimento degli obiettivi prefissati nell’accordo di Parigi del 2015. La conferenza è stata segnata da un grande ritorno, quello del Brasile con il neoeletto Presidente, Luis Iñacio Lula Da Silva. Lula ha posto l’accento sulla salvaguardia dell’Amazzonia, affermando di voler dare priorità alla lotta contro la deforestazione, ponendosi in netto contrasto rispetto alle politiche del suo predecessore, Jair Bolsonaro. A tal proposito, il Presidente eletto del Brasile, che entrerà in carica il prossimo mese, ha annunciato che rispetterà l’accordo con Indonesia e Congo per la tutela delle foreste e che verrà sbloccato il fondo di 500 milioni di dollari da Germania e Norvegia per l’Amazzonia, congelati durante la presidenza Bolsonaro. Ha anche colto l’occasione per annunciare l’intenzione di voler ospitare la prossima COP30 nel 2025 proprio in Amazzonia: “Siamo venuti alla COP27 per parlare con il segretario generale delle Nazioni Unite e chiedergli che il Summit si svolga fra tre anni in Brasile, e in particolare in Amazzonia, nello Stato di Amazonas o nello Stato di Pará”. Lula ha dichiarato di voler investire nella transizione ecologica, in un’agricoltura sostenibile e nelle fonti rinnovabili come solare ed eolico. Ha sottolineato che il cambiamento climatico può essere affrontato solo se accompagnato da politiche di giustizia sociale, che pongano fine alla disuguaglianza e che migliorino le condizioni delle popolazioni indigene. Con tali affermazioni si è guadagnato l’applauso della folla, composta da due ex ministri dell’ambiente brasiliani, legislatori, governatori statali, attivisti e indigeni in copricapo tradizionale. Ma non sono mancati i dubbi e le polemiche. Roberto Waack, imprenditore e Presidente dell’Arapyaú Institute, un’organizzazione non-profit brasiliana, ha dichiarato che Lula ha progetti ambiziosi ma “non si può semplicemente dire di fermare la deforestazione e il giorno dopo il problema è risolto”. Inoltre, la decisione del Presidente di volare al summit con un jet privato, proprietà di un magnate del settore sanitario, è stata ampiamente criticata sia dai suoi sostenitori che dai suoi avversari. Secondo lo staff vicino al Presidente, la scelta è stata dettata da motivi di sicurezza, ma non è stata benvoluta perché in contrasto con le dichiarazioni sostenute e lo spirito della Conferenza. Inoltre, il fatto che il jet sia proprietà di José Seriperi, uno degli imprenditori coinvolti nell’inchiesta “Lava Jato”, rinviato a giudizio per corruzione e riciclaggio di denaro, non ha fatto altro che scaldare gli animi e rinvigorire l’opposizione.

Camilla Marrangone

52440995495_a2910e587c_o” by Manuela d’Ávila is licensed under CC BY

Camilla Marrangone
Camilla Marrangone

Classe 1997, nata in Abruzzo ma trapiantata al nord per motivi di studio. Ho conseguito la laurea triennale in Scienze Internazionali e Diplomatiche all’Università di Bologna e ho proseguito con la laurea magistrale in European and Global Studies presso l’Università di Padova. Ho avuto modo di conoscere e approfondire storia e cultura dell’America Latina, rimanendone affascinata. Ho concluso il mio percorso universitario con una tesi sulla ridefinizione del concetto di proprietà, esaminando le esperienze delle comunità indigene in Bolivia. Amo il caffè e lo spritz, meglio se in compagnia!

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite