sabato, 9 Dicembre 2023

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Italia e Azerbaigian: una relazione multidimensionale iniziata da Heydar Aliyev

In breve

  • Abbiamo intervistato l’Ambasciatore della Repubblica dell’Azerbaigian in Italia, Sua Eccellenza Rashad Aslanov, per fare il punto su trent’anni di relazioni diplomatiche tra i due Paesi e sulle loro prospettive future.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

Prima di iniziare...

Il Caffè Geopolitico è gratuito da sempre e lo rimarrà anche in futuro. Non usiamo pubblicità, ma esistiamo grazie ai nostri sostenitori. Se ti è utile quello che facciamo, iscriviti!

Le interviste del CaffèTrent’anni di relazioni diplomatiche tra Baku e Roma. Abbiamo intervistato l’Ambasciatore della Repubblica dell’Azerbaigian, Sua Eccellenza Rashad Aslanov, per ripercorrere la storia di tali relazioni ed esplorare le prospettive per il futuro.

Ringraziamo l’Ambasciatore Aslanov per la cortese disponibilità.

Trenta anni di relazioni diplomatiche tra Azerbaigian e Italia e un anniversario importante, i 100 anni dalla nascita del Leader nazionale dell’Azerbaigian, che queste relazioni ha avviato. Cosa può dirci di questa data e su quali fronti può principalmente crescere quello che si mostra come un chiaro esempio di partenariato multidimensionale?

La ringrazio per questa prima domanda, che mi permette di raccontare da subito quanto quest’anno sia importante per il mio Paese: festeggiando i 100 anni del nostro Leader nazionale, noi ricordiamo innanzi tutto una delle più importanti figure della nostra storia. L’Azerbaigian del 1991-1993, alla riconquista della nostra indipendenza, era un Paese molto diverso da quello attuale. Eravamo pressati da difficoltà economiche, politiche e sociali, con tra l’altro il 20% del nostro territorio occupato dall’Armenia. Heydar Aliyev, tornando nella vita politica dell’Azerbaigian nel 1993, ne ha trasformato le sorti, riuscendo con acume ed una visione illuminata a cambiare il corso della storia. Heydar Aliyev, grazie al suo ampio e approfondito sapere, ha risolto con successo le preoccupazioni più serie del popolo azerbaigiano, non solo durante il periodo dell’indipendenza, ma anche successivamente, grazie a decisioni ponderate e coraggiose. A seguito della riuscita attuazione della strategia petrolifera nazionale di Heydar Aliyev, il popolo dell’Azerbaigian è divenuto pieno proprietario delle sue risorse naturali e ha acquisito queste risorse in un breve periodo di tempo, fornendo un forte impulso allo sviluppo del Paese. L’adozione della prima Costituzione della Repubblica dell’Azerbaigian e l’attuazione di riforme fondamentali in ogni ambito, la costruzione dello Stato democratico e la creazione di un esercito regolare, sono contributi eccezionali di Heydar Aliyev a beneficio del popolo dell’Azerbaigian. Al fianco dei politici più autorevoli del suo tempo, Heydar Aliyev ha svolto un ruolo eccezionale nel promuovere l’aspetto moderno dell’Azerbaigian e i ricchi valori del popolo, assicurando una posizione degna dello Stato nel sistema delle relazioni internazionali. Tra gli obiettivi principali che il Leader Nazionale si è prefissato, c’era la risoluzione del conflitto Armenia-Azerbaigian sulla base delle norme e dei principi del diritto internazionale, la liberazione dei territori e il ritorno degli sfollati azerbaigiani alle proprie case: tutte le risorse del Paese e il potenziale del popolo sono stati mobilitati per il ripristino della giustizia. Ciò è finalmente avvenuto con la Guerra Patriottica del 2020.
La laicità del nostro Stato, così come il multiculturalismo che lo permea, sono tutte eredità del Leader Nazionale.
La politica multivettoriale del Paese è diventata una strategia di stato grazie a lui, a cui si deve l’instaurazione delle relazioni con USA, UE, Turchia, Israele, ma anche con la stessa Italia, a cui oggi ci lega un rapporto di partenariato strategico.
La visita ufficiale in Italia del Presidente della Repubblica dell’Azerbaigian Sig. Heydar Aliyev, tra il 25 e il 28 settembre 1997, ha stimolato ulteriormente lo sviluppo delle relazioni tra i due Paesi. Durante la sua visita il Presidente Heydar Aliyev ha incontrato l’allora Presidente della Repubblica d’Italia Luigi Scalfaro, il Primo Ministro Romano Prodi, il Presidente del Senato Nicola Mancino, il Presidente della Camera dei Deputati Luciano Violante e altri alti funzionari governativi, nonché i capi delle grandi aziende coinvolte a stabilire rapporti commerciali con l’Azerbaigian. Egli sostenne l’apertura di un’Ambasciata azerbaigiana nella capitale italiana. Lo scorso anno la nostra Ambasciata, alla presenza del Presidente Ilham Aliyev, ha inaugurato una nuova sede, un edificio di grande impatto e bellezza, che ospita anche il Centro Culturale dell’Azerbaigian. Questo enorme successo, insieme alle relazioni politiche – scandite dalle numerosissime visite bilaterali di alto livello, economiche, culturali e a tutti gli accordi firmati in questi anni, possono essere considerati proprio una conseguenza di quella prima visita del ’97.
Tra i nostri Paesi ci sono ottime fondamenta perché le relazioni si accrescano ancora, mantenendo questi standard politici ed andando ad ampliare ancora le già ottime relazioni economiche. Vorrei ricordare che per l’Azerbaigian l’Italia non è solo un partner, ma un Paese amico, e non è un caso che sia uno degli stati le cui aziende sono impegnate nel difficile ed emozionante lavoro di ricostruzione nei territori dell’Azerbaigian liberati nel 2020.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Il Presidente dell’Azerbaigian Heydar Aliyev al Forum economico di Cernobbio del settembre 2022

Alla luce del conflitto in Ucraina, l’Azerbaigian gioca un ruolo fondamentale per la transizione energetica dell’Italia. Come si svilupperanno le relazioni energetiche tra i nostri paesi nel prossimo futuro?

Parlando di transizione energetica, vale la pena ricordare che l’Azerbaigian ha un grande potenziale di energia rinnovabile e come i membri dell’Unione Europea, anche l’Azerbaigian mira ad aumentare la quota di energie rinnovabili nel mix energetico ed il nostro attuale obiettivo è raggiungere il 30% entro il 2030 – e questa stessa cifra non è l’obiettivo finale. L’Azerbaigian ha già stabilito un forte modello di cooperazione con l’UE firmando un accordo sul raddoppio delle forniture di gas all’Europa entro il 2027, che include anche l’espansione della cooperazione nel campo dell’energia verde. Diverse aziende europee sono già impegnate in vari progetti di energia rinnovabile in diverse parti del paese, incluso il Karabakh liberato.Uno dei progetti più importanti che verranno realizzati nel prossimo futuro prevede il lancio di esportazioni di energia verde dall’Azerbaigian verso l’Europa, a seguito della firma dell'”Accordo su un partenariato strategico nel campo dello sviluppo e della trasmissione di energia verde tra i governi della Repubblica di Azerbaigian, Georgia, Romania e Ungheria.” Nell’ambito di questo progetto, è prevista la posa di una linea di trasmissione di energia di 1.195 chilometri con una capacità di 1.000 MW tra la Georgia e la Romania e l’installazione di un cavo di collegamento digitale. Guardando al futuro, possiamo affermare con certezza che il Paese esporterà non solo gas naturale, ma anche energia verde in Europa. In questo modo crediamo che l’Italia, in qualità di nostro partner strategico, sfrutterà le ampie opportunità offerte dall’Azerbaigian nel campo delle energie rinnovabili, e ci auguriamo che anche in questo le aziende italiane possano essere all’avanguardia. Come sapete, con la nuova realtà sorta a seguito degli attuali processi geopolitici a livello mondiale, si è manifestata per la prima volta in Europa una difficoltà di approvvigionamento energetico. Sullo sfondo delle crisi energetiche, è emersa la tempestiva messa in servizio del TAP, che trasporta il gas azerbaigiano attraverso l’Italia verso l’Europa.
Secondo fonti ufficiali italiane, nel 2022 l’Italia ha importato 10,3 miliardi di metri cubi di gas dall’Azerbaigian tramite TAP, pari al 14,2% delle importazioni totali, e le esportazioni di gas dall’Azerbaigian verso l’Italia sono aumentate del 42% rispetto all’anno precedente. Dobbiamo tenere in conto che il gas viene spesso definito il “combustibile ponte” all’interno della transizione energetica.Nessuno, non solo in Italia, ma anche in Europa, ha dubbi che l’Azerbaigian sia un partner affidabile. Il progetto TAP ne è un chiaro esempio. Ad oggi l’Azerbaigian ha ricevuto ordini per esportazioni di energia da almeno 10 Paesi. Vorremmo affermare con certezza che le relazioni amichevoli e di fiducia reciproca tra i nostri Paesi apriranno sempre la strada a nuove opportunità di cooperazione. Ne è un chiaro esempio la recente attribuzione ad “Ansaldo Energia” di un contratto per la fornitura di 4 turbine a gas del valore di 160 milioni di euro, necessarie per la costruzione di una nuova centrale in Azerbaigian. Tale progetto garantirà di risparmiare per il consumo di gas sulle esportazioni ulteriori verso l’Europa.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – I Presidenti Aliyev e Mattarella al Quirinale nel febbraio 2020

All’inizio si è accennato a un partenariato multidimensionale: come possono migliorare e stratificarsi le  prospettive di studio dei nostri giovani in Azerbaigian in seguito alla costituzione dell’Italy-Azerbaijan University a Baku?

Il progetto dell’Italy-Azerbaijan University, la cui sede è in costruzione all’interno dell’ADA University di Baku, è di grande importanza per le nostre relazioni nel settore culturale-istruzione. Il progetto è stato sostenuto dallo stesso Presidente Ilham Aliyev, proprio perché si inserisce in due temi per noi di rilievo: il valore delle giovani generazioni e della loro istruzione, e i rapporti con l’Italia. La Italy-Azerbaijan University vede una collaborazione tra l’ADA e cinque delle principali università italiane: Sapienza Università di Roma, Politecnico di Milano, Politecnico di Torino, LUISS Guido Carli e Alma Mater Università di Bologna. Proprio a fine aprile il Rettore dell’Università di Bologna in visita a Baku ha inaugurato il Joint Certificate Program in Food System Management, la prima attività formativa promossa dalla nuova università e che porterà all’apertura di una Scuola di Scienze Agrarie ed Alimentari. Sono certo che l’Italy-Azerbaijan University diverrà un punto di riferimento importante per l’istruzione non solo dei giovani azerbaigiani ma anche degli italiani e degli studenti internazionali, e porterà anche ad una maggiore conoscenza delle nostre reciproche culture e tradizioni.

A cura di Luca Canale

Expo Milano 2015 – Azerbaijan Pavilion” by corno.fulgur75 is licensed under CC BY

Luca Canale
Luca Canale

Nato a Recanati nel 1995 sono appassionato di geopolitica e di storia. Laureato in giurisprudenza ho svolto un master di secondo livello in intelligence con specifico interesse per il settore della difesa e delle organizzazioni internazionali.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite