venerdì, 12 Aprile 2024

APS | Rivista di politica internazionale

venerdì, 12 Aprile 2024

"L'imparzialità è un sogno, la probità è un dovere"

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Bled Strategic Forum 2023: il punto sull’allargamento UE

In 3 sorsiSi è conclusa lo scorso 29 agosto la conferenza internazionale “Bled Strategic Forum”, appuntamento annuale a cui hanno partecipato Primi Ministri, rappresentanti dell’istituzioni europee ed occasione di discussione di temi attuali e di visione strategica futura. Vediamo quali sono stati i temi trattati e perché ci riguardano.

1. BLED STRATEGIC FORUM 2023: PERCHE’ E’ IMPORTANTE

Lo scorso 28 e 29 agosto si è tenuto l’appuntamento annuale della conferenza internazionale “Bled Strategic Forum” in Slovenia, sulle rive del lago di Bled, città da cui l’evento prende il nome. L’incontro è stato organizzato dal Ministero degli Affari Esteri sloveno, in collaborazione con il Center for European Perspective (CEP) di Lubiana. Al Forum hanno partecipato numerosi rappresentanti del mondo politico, imprenditoriale e della società civile arrivati da tutti i cinque continenti. Tra i partecipanti, riportiamo alcuni nomi rilevanti come Charles Michel, Presidente del Consiglio europeo, Edi Rama, primo ministro dell’Albania, Mélanie Joly, Ministro degli Affari Esteri del Canada e Albin Kurti, primo ministro del Kosovo.

Occasione di scambio di idee ed opinioni sui temi strategici contemporanei e futuri, il forum riveste un ruolo chiave soprattutto per i Paesi dell’Europa centrale e sudorientale.

Embed from Getty Images

2. I PUNTI CHIAVE DELL’EDIZIONE 2023

La diciottesima edizione, intitolata “Solidarity for Global Security”, si è concentrata sul contesto internazionale definito “incerto”. Infatti, la nota di apertura alle sessioni riporta “we live in a world defined by polycrisis. Uncertainty and insecurity best describe the current moment in the international geostrategic community – but they also mark future challenges in the clearest possible terms”.

Pertanto, i temi discussi si sono concentrati sui seguenti punti:

  • lotta al cambiamento climatico, ribadendo la necessità di agire per contrastare eventi naturali catastrofici che tendono a ripetersi con sempre maggiore frequenza. I partecipanti hanno ribadito l’importanza di adottare strategie per raggiungere obiettivi sostenibili a livello globale, come l’adozione di politiche energetiche pulite alla promozione di pratiche agricole sostenibili;
  • le sfide alla sicurezza globale e le minacce legate all’intelligenza artificiale ed alla cybersecurity;
  • la governance globale ed il ruolo della diplomazia come strumento di stabilità nelle crisi internazionali;
  • l’innovazione tecnologica sotto il profilo della regolamentazione, dell’etica e dell’impatto socioeconomico.
Embed from Getty Images

3. IL PROCESSO DI ALLARGAMENTO UE NEL DISCORSO DI CHARLES MICHEL

Tra gli approfondimenti e le riflessioni che hanno accompagnato l’edizione 2023 del Bled Strategic Forum, riportiamo alcuni passaggi rilevanti del discorso di Charles Michel. Prima di entrare nel dettaglio del discorso del Presidente Charles Michel, vogliamo ricordare i Paesi candidati all’adesione all’UE sono: Albania, Bosnia-Erzegovina, Moldavia, Montenegro, Macedonia del Nord, Serbia, Turchia e Ucraina. Il Presidente del Consiglio europeo ha ribadito che l’Unione europea si basa sui valori fondamentali della dignità e dei diritti umani, della democrazia e della solidarietà e che il processo di allargamento dell’UE continuerà basandosi su criteri meritocratici.

Nel suo discorso, il Presidente del Consiglio europeo Michel parlando ai Paesi balcanici, ha affermato che il processo di integrazione dovrà procedere in modo graduale e progressivo nelle politiche dell’UE, e che potrebbe coinvolgere primariamente diversi settori, come ad esempio il mercato unico e la sicurezza e la difesa.

Dal punto di vista europeo, l’integrazione di nuovi membri non sarà facile, inciderà sulle politiche, sui programmi e sui bilanci; richiederà un atteggiamento attivo con riforme e coraggio politico. Dal punto di vista dei Paesi balcanici, il processo dovrà costruire una riconciliazione tra gli attori, cercando di non trascinare frizioni e conflitti del passato all’interno dell’UE. Infatti, una possibile soluzione alle frizioni tra gli Stati balcanici potrebbe essere la c.d. clausola di fiducia nei Trattati di adesione, ovvero una misura volta a garantire che i Paesi che hanno appena aderito all’UE non possano bloccare l’eventuale futura adesione di altri.

In conclusione, il Bled Strategic Forum 2023 ha offerto l’occasione per approfondire questioni sia europee sia globali, sottolineando nuovamente l’importanza della cooperazione internazionale nel cercare soluzioni pragmatiche e innovative all’attuale contesto internazionale “incerto”.

Riccardo Cima

Photo by Dusan_Cvetanovic is licensed under CC BY-NC-SA

Dove si trova

Perchè è importante

  • Bled Strategic Forum 2023: rappresentanti da tutto il mondo si sono riuniti per discutere delle sfide del contesto internazionale “incerto”;
  • Lotta al cambiamento climatico, strategie condivise per la sicurezza internazionale e processo di allargamento dell’UE sono stati i temi più discussi;
  • Charles Michel: il processo di allargamento dell’UE dovrà continuare a basarsi su criteri meritocratici, in modo graduale e progressivo e senza spazio per dissidi passati all’interno dell’UE.

Vuoi di più? Iscriviti!

Scopri che cosa puoi avere in più iscrivendoti

Ti potrebbe interessare