domenica, 19 Maggio 2024

APS | Rivista di politica internazionale

domenica, 19 Maggio 2024

"L'imparzialità è un sogno, la probità è un dovere"

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

La Serbia si prepara alle elezioni politiche

In 3 sorsi – In un clima politico rovente, la Serbia si prepara ad andare alle urne il prossimo 17 dicembre. Il Presidente Vučić è alla ricerca di un ampio consenso che gli permetta di continuare e governare e di mettere a tacere le opposizioni.

1. PRESIDENTE, VA TUTTO BENE?

“Presidente, va tutto bene? La guerra impazza a nord e a sud dell’Europa, le strade in Serbia sono bloccate da parte di coloro che ci dan da mangiare, i postini non lavorano, la sanità pubblica sta cadendo a pezzi, l’istruzione è praticamente distrutta, molti rapporti d’inchiesta nazionali e internazionali collegano il mondo della criminalità al Suo Governo. In Serbia non si respira a causa dell’inquinamento di aria e acqua, il Parlamento è un esempio di imbarazzo e vergogna (…)”. Con queste parole, l’avvocato Božo Prelević si è rivolto al Presidente serbo Aleksandar Vučić in una lettera aperta pubblicata sul quotidiano di opposizione Danas. Prelević ha inquadrato in maniera davvero efficace tutti i problemi che affliggono il Paese balcanico: il gioco di equilibrismo da parte delle élite belgradesi che non vogliono prendere posizione sulla guerra in Ucraina e in Palestina; lo sciopero, che dura da settimane, dei lavoratori delle Poste che chiedono paghe più alte; il blocco delle vie di comunicazione principali del Paese attuato dagli agricoltori, ridotti alla fame dalle accise sulla benzina e dalla mancanza di adeguati sussidi statali alla produzione di grano e girasoli; l’inquinamento atmosferico, che fa di quello serbo il territorio più inquinato d’Europa, con il più alto numero di morti per carcinoma polmonare; la sanità, non più in grado di curare i cittadini (urologi ed endocrinologi ricevono solo privatamente); i numerosi legami fra la criminalità organizzata e il Governo, ormai da tempo venuti alla luce del sole. In questo clima di insoddisfazione generale, Vučić, il padre padrone della Serbia, ha indetto per il 17 dicembre le elezioni parlamentari, regionali e locali: si tratta di un vero e proprio referendum sul Presidente, la cui credibilità è in calo dopo i fatti di Banjska in Kosovo e il massacro avvenuto alla scuola elementare “Vladislav Ribnikar”di Belgrado  nel maggio scorso.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Il Presidente serbo Vučić

2. UN PO’ DI MATEMATICA

L’opposizione è divisa e sembra non trovare una lingua comune per opporsi alla politica di Vučić, che domina incontrastato grazie alla distribuzione dei posti di lavoro nell’amministrazione pubblica, alla continua presenza sui media di regime e alla ripartizione di prebende ai circoli intellettuali (soprattutto sotto forma di progetti di ricerca per professori universitari), che, se non si schierano per Vučić, neppure gli si oppongono. L’inflazione alle stelle però crea malcontento fra la popolazione e ciò preoccupa il Presidente che punta non solo a vincere le elezioni, ma a un vero e proprio plebiscito. Per questa ragione, Vučić si è già assicurato un surplus di un milione di voti. Come? Basta leggere i dati: la Serbia, secondo il censimento del 2022, ha 6.690.887 abitanti, di cui 1.204.000 sono minorenni. Nelle liste elettorali, ci sono 6.501.689 iscritti. Il partito al potere ha a disposizione 1.014.802 voti di riserva. Da dove vengono? Si tratta di gente che sposta ad hoc la propria residenza: dalla Republika Srpska in Bosnia e dalle città serbe in cui non si vota: da Niš è in corso un vero e proprio esodo di cittadini che si trasferiscono (almeno sulla carta) a Belgrado, naturalmente solo fino al 17 dicembre. Ci sono poi le “anime morte”, vale a dire di cittadini che da tempo giacciono nei cimiteri ma che, a quanto pare, risorgono puntualmente in occasione delle elezioni e che sono ancora iscritti alle liste elettorali.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Vučić insieme al Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg, 21 novembre 2023

3. VECCHIO SCARPONE, QUANTO TEMPO È PASSATO…

In vista delle elezioni politiche, Vučić ha rispolverato amici di vecchia data, con i quali si presenterà alle elezioni in coalizione: l’ex Presidente Tomislav Nikolić e il leader radicale Vojslav Šešelj, criminale di guerra, per più di un decennio ospite delle carceri dell’Aja. Šešelj e Nikolić sono i padrini politici del Presidente (e non solo politici, Šešelj è il padrino di battesimo dei figli diVučić). Insieme, facevano parte del Partito Radicale, prima che Vučić e Nikolić  abbandonassero (tradissero?) Šešelj in un’operazione di pulizia politica caldeggiata dalle cancellerie occidentali. Per garantirsi il potere, Vučić e Nikolić (su suggerimento di Angela Merkel, che non voleva più appoggiare l’ex Presidente Boris Tadić) hanno fondato un nuovo partito, l’SNS (Partito Progressista Serbo); subito dopo, Vučić ha pensionato il collega ed è diventato il capo indiscusso della Serbia. Dopo i fatti di Banjska, l’appoggio occidentale vacilla e l’opinione pubblica, per quanto addomesticata e anestetizzata, comincia a dare cenni di nervosismo. Per dare spazio al malcontento ed evitare rivolte, Vučić potrebbe rinunciare al Comune di Belgrado, consegnandolo alle opposizioni ma mantenendo saldo il controllo del resto della nazione (esattamente come ha fatto il suo amico e collega ungherese Viktor Orbàn). Il problema principale della Serbia, in ogni caso, rimane sempre lo stesso: la totale incapacità, anche da parte delle opposizioni, di fare i conti una volta per tutte con i crimini e la politica imperialista degli anni Novanta. I traumi irrisolti generano mostri.

Christian Eccher

Serbia-0316 – Petrovaradin Fortress” by archer10 (Dennis) is licensed under CC BY-SA

Dove si trova

Perchè è importante

  • Il 17 dicembre si terranno le elezioni politiche per rinnovare il Parlamento serbo. Si vota anche per eleggere il Parlamento della Voivodina e il consiglio comunale di Belgrado.
  • Il Presidente Vučić punta a un plebiscito ma le incognite sono tante, a cominciare dalla crisi economica che affligge il Paese.
  • Vučić ha rispolverato i vecchi alleati Nkolić e Šešelj per convincere anche i più estremi nazionalisti a votare per il suo partito.

Vuoi di più? Iscriviti!

Scopri che cosa puoi avere in più iscrivendoti

Christian Eccher
Christian Eccher

Sono nato a Basilea nel 1977. Mi sono laureato in Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, dove ho anche conseguito il dottorato di ricerca con una tesi sulla letteratura degli italiani dell’Istria e di Fiume, dal 1945 a oggi. Sono professore di Lingua e cultura italiana all’Università di Novi Sad, in Serbia, e nel tempo libero mi dedico al giornalismo. Mi occupo principalmente di geopoetica e i miei reportage sono raccolti nei libri “Vento di Terra – Miniature geopoetiche” ed “Esimdé”.

Ti potrebbe interessare