venerdì, 12 Aprile 2024

APS | Rivista di politica internazionale

venerdì, 12 Aprile 2024

"L'imparzialità è un sogno, la probità è un dovere"

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Cina-Taiwan: alta tensione sulle isole Kinmen. Cosa succede davvero?

In 3 sorsi – La recente presenza militare statunitense a Taiwan sulle isole di Kinmen (Quemoy), unitamente alle crescenti tensioni tra Cina e Taipei, segna un’importante svolta nella complessa dinamica geopolitica dell’Asia orientale.

1. FORZE SPECIALI USA A SOLE TRE MIGLIA DALLA CINA

A seguito dell’approvazione da parte di Washington del National Defense Authorization Act (NDAA), truppe delle forze speciali statunitensi si sono stanziate in maniera permanente sulle isole Kinmen (o Quemoy) e sulle isole Penghu (o Pescadores). In particolare, l’arcipelago di Kinmen è costituito da gruppo fortificato di piccole isole sotto il controllo di Taipei ma che dista solo pochi chilometri, tre miglia nautiche, dal porto cinese di Xiamen, dove sono presenti sia una base navale che aerea. Il dispiegamento di personale militare, sebbene sia ufficialmente finalizzato all’addestramento congiunto e numericamente poco significativo, ha un’importante valenza sia simbolica che tattica. Il loro posizionamento, a livello tattico, facilita la raccolta di informazioni sui movimenti nello Stretto di Taiwan e sulla costa cinese. Ciò ha sollevato interrogativi sul ruolo degli Stati Uniti nell’area e sulle implicazioni geopolitiche della sua presenza, in quanto a livello simbolico costituirebbe una violazione della politica della “Unica Cina” con la quale gli Stati Uniti riconoscono de facto Pechino come legittimo Governo della Cina, inclusa Taiwan.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Una spiaggia fortificata delle isole Kinmen. Sullo sfondo, in lontananza, i grattacieli del porto cinese di Xiamen

2. TENSIONI TRA CINA E TAIWAN

Kinmen insieme alle Penghu, da un punto di vista geografico, rappresentano una barriera naturale a una eventuale aggressione da parte della Cina a Taiwan, e quindi hanno un’importante valenza geostrategica. Nell’area non sono mancati episodi di tensione che hanno ulteriormente surriscaldato le relazioni tra Cina e Taiwan. Il recente episodio dei pescatori cinesi, tragicamente annegati proprio al largo delle coste di Kinmen durante un’operazione della guardia costiera taiwanese, evidenzia ulteriormente la crescente instabilità nella regione. Le reazioni da parte delle Autorità cinesi all’accaduto sono state contrastanti. Da un lato c’è stata la condanna delle azioni di Taiwan e dall’altra una risposta ufficiale relativamente moderata, si tratta comunque di una strategia cautelativa da parte della Cina, pur mantenendo viva la questione della sovranità su Taiwan.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Forze speciali taiwanesi durante un’esercitazione sulle isole Kinmen nel 2019

3. TENSIONI E INCERTEZZA GEOPOLITICA IN ASIA ORIENTALE

Il coinvolgimento degli Stati Uniti e l’escalation delle tensioni tra Cina e Taiwan sollevano domande cruciali sul futuro della regione e sulle relazioni internazionali. Fino a qualche tempo fa, Washington non ha mai avuto una presenza militare ufficiale a Taiwan, in quanto considerato quale possibile fattore scatenante di una guerra nello Stretto. Per tale ragione, gli Stati Uniti si sforzano di evitare l’interpretazione della loro presenza sul territorio taiwanese come una guarnigione, anche se le attività di formazione e cooperazione militare con Taipei stanno gradualmente aumentando, alimentando le preoccupazioni della Cina e l’instabilità regionale. La Cina, invece, continua a sottolineare la sua posizione sulla sovranità su Taiwan, alimentando il confronto e l’incertezza nella regione. In conclusione, le sfide e le opportunità presenti nella geopolitica dell’Asia orientale richiedono un approccio equilibrato e cooperativo tra Stati Uniti, Cina, Taiwan e altri attori regionali. Solo attraverso il dialogo, la comprensione reciproca e il rispetto dei principi fondamentali della sicurezza e della sovranità nazionale, sarà possibile costruire un futuro pacifico e prospero per la regione e per il mondo intero.

Raffaele Gallo

Kinmen” by Photos By 夏天 is licensed under CC BY-ND

Dove si trova

Perchè è importante

  • Truppe speciali americane si stabiliscono in via permanente sulle isole Kinmen e Penghu, suscitando domande sulla politica dell’ “Unica Cina” e sollevando preoccupazioni riguardo alle implicazioni geopolitiche.
  • Il recente incidente che ha visto la morte di pescatori cinesi al largo delle Kinmen evidenzia tensione ed instabilità crescente nella Stretto di Taiwan.
  • Gli Stati Uniti, fino a poco tempo fa riluttanti a una presenza militare ufficiale a Taiwan, stanno aumentando la loro cooperazione militare con Taipei, suscitando l’attenzione della Cina e alimentando l’incertezza nella regione.

Vuoi di più? Iscriviti!

Scopri che cosa puoi avere in più iscrivendoti

Raffaele Gallo
Raffaele Gallo

Dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza all’Università di Salerno, ho intrapreso un viaggio accademico che mi ha portato a immergermi nella complessità delle relazioni e dinamiche sia globali che regionali. Recentemente, ho coronato questo percorso con un M.Sc. in Global Studies presso l’Università di Roskilde in Danimarca. Attraverso la mia passione per la geopolitica e con uno sguardo attento alle tensioni e alle opportunità che plasmano il nostro mondo, mi propongo di contribuire attivamente alla comprensione delle questioni geopolitiche più urgenti del nostro tempo.

Ti potrebbe interessare