utenti ip tracking
mercoledì 8 Luglio 2020
More

    Speciale COVID-19

    La crisi nel Messico di AMLO minaccia Trump

    In 3 sorsi – L’epidemia di Covid-19 sta facendo...

    Bukele e la libertà ai tempi del virus

    In 3 Sorsi – In El Salvador l’emergenza sanitaria...

    La Germania post Covid-19

    In 3 Sorsi - Chi potrebbe guidare la Germania...

    Brasile, difficoltà economiche e riforme

    In 3 sorsi - Il Brasile si appresta a...

    Maduro si insedia, ma il Venezuela è isolato

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    RistrettoIeri alle 15, ora italiana, Nicolas Maduro si è insediato per la seconda volta come Presidente della repubblica bolivariana, in virtù della vittoria nelle elezioni dello scorso maggio.

    Il mandato, della durata di 6 anni, è iniziato tra le polemiche ed un vasto spiegamento di forze; milizie bolivariane (le Fanb) hanno stabilito il controllo su alcune aree sensibili della città di Caracas, soprattutto in Plaza Venezuela e lungo la centrale Avenida Urdaneta. Ci sono due elementi che la dicono lunga sul clima che si respira e sull’isolamento politico e diplomatico di Maduro. Innanzitutto, non ha giurato (come prevede la Costituzione) davanti all’Assemblea Nazionale, ma innanzi alla Corte Suprema, in cui annovera parecchi sostenitori. E soprattutto ha dovuto subire il boicottaggio del “gruppo di Lima”, organizzazione di cui fanno parte i maggiori paesi continentali, in quanto non riconosce la legittimità di questo secondo mandato. Come se non bastasse, ieri il Paraguay ha rotto le relazioni diplomatiche e il giorno prima Lenìn Moreno ha richiamato il proprio ambasciatore. Insomma, il mandato è iniziato ma non sappiamo come andrà.

    Andrea Martire

    ELEICOES 2013 NA VENEZUELA” by “ELEICOES 2013 NA VENEZUELA” is licensed under “ELEICOES 2013 NA VENEZUELA

    Andrea Martire

    Appassionato di America Latina, background in scienze politiche ed economia. Studio le connessioni tra politica e sociale. Per lavoro mi occupo di politiche agrarie e accesso al cibo, di acqua e diritti, di made in Italy e relazioni sindacali. Ho trovato riparo presso Il Caffè Geopolitico, luogo virtuoso che non si accontenta di esistere; vuole eccellere. Ho accettato la sfida e le dedico tutta l’energia che posso, coordinando un gruppo di lavoro che vuole aiutare ad emergere la “cultura degli esteri”. Da cui non possiamo escludere il macro-tema Ambiente, inteso come espressione del godimento dei diritti del singolo e driver delle politiche internazionali, basti pensare all’accesso al cibo o al water-grabbing.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    Comments are closed.