utenti ip tracking
domenica 25 Luglio 2021

Africa Sub Sahariana

Siamo nel 2019. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

Metropolis – La sete di futuro di Nairobi

Analisi – Priva di acqua e di case, tra criminalità dilagante e una pandemia che sembra difficile da arrestare, Nairobi è in cerca di...

Senegal, le ragioni della crisi democratica

Analisi – Le proteste scoppiate il 3 marzo in molte città del Senegal derivano da un risentimento verso il Governo da tempo diffuso. Le...

Ciad, ucciso il Presidente Idriss Déby

In 3 sorsi - Il Presidente del Ciad, Idriss Déby, è morto per le ferite riportate in un combattimento nel nord del Paese. Una...

Lungo la tratta delle donne dalla Nigeria

Caffè Lungo - La città nigeriana di Benin City è una delle capitali africane del traffico di esseri umani e della prostituzione. Tra le...

Nigeria, meriti e limiti dell’operazione Safe Corridor nella lotta a Boko...

In 3 sorsi - La lotta contro Boko Haram, che va avanti ormai da più di un decennio, si è concentrata principalmente sulla forza...

E-waste in Africa, vecchio malanno o nuovo Eldorado?

Analisi - La questione riguardante lo smaltimento e il riciclo dell’e-waste rappresenta un tema cruciale a Nord e a Sud del mondo, viste le...

Tanzania, una svolta dopo Magufuli?

In 3 sorsi - Con la morte del Presidente Magufuli si apre in Tanzania un periodo di incertezze. La prima Presidente donna, Samia Suluhu...

Le nuove rotte del narcotraffico in Africa

In 3 sorsi - Il traffico di eroina in Africa sta crescendo di intensità a causa dello sviluppo della “southern route” che attraversa il...

L’infanzia rubata dei bambini soldato in Africa

In 3 Sorsi - Nonostante il fenomeno sia diffuso a livello globale, il continente che registra il numero più alto di bambini soldato è...

Il contesto securitario del Sahel: i principali gruppi armati ancora attivi

Analisi – Il Sahel resta una regione profondamente fragile, divisa su linee etnico-religiose, con la presenza di gruppi separatisti, milizie di autodifesa e jihadisti...

Etiopia, continua la guerra nel Tigrai

In 3 sorsi - Nonostante il Presidente etiope Abiy Ahmed ritenga conclusa l’operazione nel Tigrai, gli scontri non si fermano. I tigrini hanno cambiato...

‘Iceri ceza umutima’. La birra in Africa incanta il cuore

In 3 Sorsi - L’Africa è ritenuta il nuovo paradiso dell’industria della birra, considerando che nel continente questa frutta quasi il 50% in più...