utenti ip tracking
martedì 26 Gennaio 2021

Africa Sub Sahariana

Siamo nel 2019. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

Sudan, una firma storica per la pace

Analisi - Lo scorso 31 agosto, a Giuba, il Governo del Sudan e il Fronte Rivoluzionario del Sudan (SRF), l’organizzazione che unisce i gruppi...

Ciad, crocevia di traffici illegali

In 3 Sorsi - Il 24 luglio si è svolto il processo contro alcuni funzionari ciadiani per traffico illecito di tramadolo. La regione del...

Mozambico, la ripresa comincia dalla terra

In 3 Sorsi - Dopo il passaggio dei cicloni Idai e Kenneth nel 2019, il Mozambico è entrato in una fase di grave emergenza...

Il paradosso dell’acqua nella Repubblica democratica del Congo

In 3 Sorsi - Nella Repubblica Democratica del Congo l’acqua abbonda, ma non può essere utilizzata: nonostante le ingenti risorse fisiche, infatti, la media...

Ruanda e Covid-19, buona governance senza democrazia?

In 3 Sorsi - Oggi il Ruanda di Kagame rappresenta un modello di sviluppo economico e sociale per l’intero continente e la risposta alla...

Burundi, quanto peserà l’eredità di Nkurunziza?

In 3 Sorsi - La morte improvvisa del leader Pierre Nkurunziza, al governo dal 2005 al 2020, ha creato nel Paese un vuoto politico...

Pressione demografica e deforestazione nella Repubblica Democratica del Congo

In 3 Sorsi - Nella Repubblica Democratica del Congo, la popolazione sta crescendo a un tasso preoccupante, così come il disboscamento. Quali soluzioni per...

Golpe in Mali, incertezze e condanne internazionali

In 3 Sorsi – Le proteste delle ultime settimane in Mali per il peggioramento della crisi economica e per i risultati delle recenti e...

Xenofobia e Covid-19 (II): sinocentrismo e razzismo

Analisi - Se è vero che all’estero le comunità cinesi (e asiatiche in generale) hanno conosciuto discriminazioni e persino violenze a causa del coronavirus,...

Sudan, quale destino per la regione di Abyei?

In 3 Sorsi - Lo scorso maggio il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha rinnovato per ulteriori sei mesi il mandato della missione...

Eritrea, Afewerki in cerca di alleati

In 3 Sorsi - Il Presidente eritreo Afewerki ha visitato Egitto e Sudan in cerca di alleanze nel delicato scacchiere del Corno d’Africa, anche...

La geopolitica della pandemia: nel 2020 in Africa si scrive il...

Analisi - Nonostante in Africa la Covid-19 non abbia colpito così duramente come in altre zone del mondo, la pandemia costituisce una grave emergenza...