utenti ip tracking
martedì 20 Aprile 2021

Africa Sub Sahariana

Siamo nel 2019. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

E se in Africa la cannabis diventasse strumento di emancipazione?

In 3 Sorsi - La liberalizzazione della cannabis in Africa presenterebbe al Continente, trainato dal settore primario, l’opportunità di eliminare i retaggi proibitori del...

Riconciliazione nazionale in Sud Sudan: una strada in salita

In 3 sorsi – Nel 2020 i casi di violenza tra le comunità sudsudanesi sono drammaticamente aumentati, evidenziando la profonda eredità lasciata dal conflitto...

Gibuti, nel 2011 fu davvero una Primavera?

Analisi - Nel 2011, tra gennaio e aprile, anche Gibuti fu traversato da manifestazioni che invocavano un cambio di regime e maggiore rispetto dei...

L’Africa sulla via del nucleare

In 3 sorsi - Nel 2020 sono saliti a 17 i Paesi africani firmatari di accordi di cooperazione con aziende straniere per lo sviluppo...

Uganda, Museveni verso la riconferma

Le presidenziali in Uganda confermano Yoweri Museveni per la sesta volta, ma le opposizioni contestano il risultato. Il Governo ha bloccato l’accesso a internet,...

La pandemia sommersa: Covid-19 e disuguaglianze di genere nell’Africa subsahariana

In 3 sorsi - Da quando l’epidemia si è abbattuta anche in Africa subsahariana, il cammino verso l'emancipazione femminile ha subito un rallentamento. Si...

Repubblica Centrafricana, la capitale Bangui sotto attacco

Nella Repubblica Centrafricana continuano le violenze dei ribelli della Coalition des patriotes pour le changement, che contestano la vittoria elettorale del Presidente Touadéra e...

Diamanti e mercenari: le relazioni tra Russia e Repubblica Centrafricana

Caffè lungo – La fragile stabilità della Repubblica Centrafricana è stata messa a repentaglio dall’esito delle elezioni presidenziali. Mosca, che da tempo intrattiene stretti...

Repubblica Centrafricana, la fragile democrazia al voto

In 3 Sorsi - La Repubblica Centrafricana si è recata al voto il 27 dicembre scorso per le elezioni presidenziali e legislative riconfermando alla...

Land grabbing, la corsa alle terre del Madagascar

In 3 sorsi - La pratica del land grabbing non favorisce lo sviluppo sostenibile dei Paesi, ma accentua il divario economico e amplia le...

Nigeria, la protesta #endSARS è l’evento del 2020

In 3 Sorsi - In un anno marcato dalla pandemia globale, in Nigeria l’evento più importante del 2020 non è il coronavirus. Le proteste...

Qat, l’oro verde che arricchisce e distrugge l’Africa

In 3 sorsi - Il qat è uno stupefacente tradizionale nel Corno d’Africa, fonte di ricchi introiti da quando il caffè ha subito un...