utenti ip tracking
domenica 25 Luglio 2021

Russia e CIS

Non è facile parlare della Russia e degli altri Paesi post-sovietici, soprattutto di questi tempi. L’area dell’ex URSS continua infatti a essere poco studiata e poco capita in Occidente, favorendo la diffusione di idee sbagliate e l’adozione di politiche di corto respiro.

Il Desk “Russia e CIS” (Commonwealth of Independent States) del Caffè Geopolitico mira a correggere tali errori di interpretazione fornendo uno sguardo senza pregiudizi sulla complessa e tormentata realtà dei vari Stati nati dalla dissoluzione della superpotenza sovietica nei primi anni Novanta. A partire proprio dalla Russia di Vladimir Putin, tornata prepotentemente alla ribalta internazionale dopo la discussa annessione della Crimea nel 2014. Ma senza tralasciare la Moldavia, l’Ucraina, i Paesi del Caucaso e le repubbliche dell’Asia centrale, tutti ancora alla ricerca di un difficile equilibrio dopo la caotica indipendenza di venticinque anni fa. Con una certezza: positivo o negativo che sia, Mosca è comunque destinata a giocare un ruolo di primo piano nelle vicende del suo “vicinato” regionale ancora per parecchio tempo.

A cura di Simone Pelizza

Donbass: una frontiera esplosiva tra due mondi

In 3 Sorsi - Il conflitto del Donbass conosce un’altra escalation di violenze e la tensione tra Kiev e Mosca, che perdura dal 2014,...

Come sta Alexei Navalny? L’inerzia del Cremlino riaccende polemiche e proteste

In 3 sorsi – Alexei Navalny non sta bene. Lo fa sapere tramite un comunicato sul suo blog, denunciando l’inerzia del sistema carcerario russo...

Uiguri? Al Kazakistan non importa

In 3 sorsi - Tra i perseguitati nella regione cinese dello Xinjiang, oltre agli uiguri ci sono anche i membri della minoranza kazaka. Ma...

Un bilateralismo perfetto: cosa (ci) dicono i colloqui strategici tra Russia...

In 3 sorsi - Nelle giornate del 22 e 23 marzo si sono tenuti colloqui strategici fra il Ministro degli Esteri russo Lavrov e...

Il nuovo volto del Caucaso (II): tra Cina ed Europa

Analisi – Seconda parte di una lunga analisi sui complessi equilibri del Caucaso odierno. Dopo aver affrontato il ruolo del Cremlino nella regione, approfondiamo...

Kirghizistan, Zhaparov tra politica estera e interna

In 3 sorsi - Il nuovo Presidente kirghiso Zhaparov ha inaugurato il mandato con una visita ufficiale a Mosca e una a Nur-Sultan. Pur...

Il Cremlino nell’occhio del ciclone

Analisi - Il Cremlino deve fare i conti con il crescente malcontento della popolazione e in particolare delle oblast più periferiche. Le disuguaglianze monetarie...

Bielorussia, le proteste contro Lukashenko impensieriscono Putin

In 3 sorsi - La condanna di due giornaliste in Bielorussia ha confermato il clima repressivo che si respira sotto il Governo di Lukashenko....

Accordo Turkmenistan-Azerbaijan, il Caspio al centro del mercato energetico

In 3 sorsi - Azerbaijan e Turkmenistan hanno firmato un memorandum per lo sfruttamento del giacimento Dostluq. L’accesso alle risorse permetterà ai due Paesi...

La complessa sfida del dialogo UE-Russia

In 3 sorsi - La conferenza stampa tra il Ministro degli Esteri russo e l'Alto rappresentante dell'Unione per gli Affari Esteri e la Politica...

Teheran e il Caucaso meridionale: una relazione complicata

Caffè lungo – L’attuale situazione nel Caucaso meridionale non è influenzata solo dalle strategie elaborate dagli attori regionali: l’intervento di Paesi esterni, come l’Iran,...

Democrazia e Asia Centrale: un binomio impossibile?

Le interviste del Caffè - Le elezioni svoltesi in Kazakistan e in Kirghizistan il 10 gennaio hanno ribadito che la creazione di regimi democratici...