utenti ip tracking
martedì 26 Gennaio 2021

Russia e CIS

Non è facile parlare della Russia e degli altri Paesi post-sovietici, soprattutto di questi tempi. L’area dell’ex URSS continua infatti a essere poco studiata e poco capita in Occidente, favorendo la diffusione di idee sbagliate e l’adozione di politiche di corto respiro.

Il Desk “Russia e CIS” (Commonwealth of Independent States) del Caffè Geopolitico mira a correggere tali errori di interpretazione fornendo uno sguardo senza pregiudizi sulla complessa e tormentata realtà dei vari Stati nati dalla dissoluzione della superpotenza sovietica nei primi anni Novanta. A partire proprio dalla Russia di Vladimir Putin, tornata prepotentemente alla ribalta internazionale dopo la discussa annessione della Crimea nel 2014. Ma senza tralasciare la Moldavia, l’Ucraina, i Paesi del Caucaso e le repubbliche dell’Asia centrale, tutti ancora alla ricerca di un difficile equilibrio dopo la caotica indipendenza di venticinque anni fa. Con una certezza: positivo o negativo che sia, Mosca è comunque destinata a giocare un ruolo di primo piano nelle vicende del suo “vicinato” regionale ancora per parecchio tempo.

A cura di Simone Pelizza

Nikol Pashinyan: da eroe della Rivoluzione di Velluto a traditore della...

Caffè Lungo – Proseguono a Yerevan le proteste contro il Primo Ministro Pashinyan, accusato di tradimento della patria dopo la firma dell’accordo del 10...

UE e Asia Centrale, interessi comuni e qualche perplessità

In 3 sorsi - Durante l’ultimo incontro tra Borrell e i Ministri degli Esteri dei Paesi dell’Asia Centrale si è discusso dei temi che...

L’emergenza Covid-19 in Abkhazia e Ossezia del Sud

Caffè lungo – Le economie dei territori dell’Ossezia del Sud e dell’Abkhazia sono state messe in ginocchio dalla pandemia di Covid-19. Tuttavia l’Ossezia del...

Transnistria, Maia Sandu fa arrabbiare il Cremlino

In 3 sorsi - Cresce la tensione tra Mosca e Chișinău in merito alla presenza del contingente militare russo nella regione separatista della Transnistria....

Il Mar Nero tra Russia e Turchia

In 3 sorsi – Per secoli Turchia e Russia si sono scontrate nella regione circostante il Mar Nero. La recente guerra tra Armenia e...

Kirghizistan, Zhaparov non piace a nessuno

In 3 sorsi - Le dimissioni di Jeenbekov hanno aperto la strada a Zhaparov come Presidente ad interim. Zhaparov vuole candidarsi alle prossime elezioni...

L’indipendenza dei giudici e il futuro della democrazia georgiana

Analisi – Le elezioni dello scorso 31 ottobre hanno confermato la vocazione euro-atlantica della Georgia e il crescente grado di polarizzazione del suo panorama...

Moldavia, la grande vittoria di Maia Sandu

In 3 sorsi - Sebbene avesse ottenuto un risicato vantaggio al primo turno, in pochi si aspettavano una così larga vittoria di Maia Sandu...

Dal bipolarismo al multipolarismo: la Russia e l’ordine internazionale

Analisi - Per analizzare come è nato il sistema internazionale attuale e il ruolo della Russia in esso bisogna partire dal fatto che dall’epoca...

Bielorussia, la crisi resta nelle mani di Mosca

In 3 sorsi - Mentre l’Unione Europea approva finalmente delle sanzioni contro Lukashenko, il regime bielorusso appare isolato a livello internazionale e debole all’interno....

Nagorno-Karabakh: fine di un conflitto?

In 3 sorsi – Firmato da Armenia, Azerbaijan e Russia un accordo di pace che interrompe gli scontri in Nagorno-Karabakh. Costernazione in Armenia mentre...

Georgia: elezioni in chiaroscuro

In 3 sorsi - Le elezioni parlamentari di sabato 31 ottobre sono state le decime dall’indipendenza della Georgia e le prime con una nuova...