utenti ip tracking
domenica 29 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    Covid e tribù dominano le elezioni in Giordania

    In 3 sorsi - Le elezioni parlamentari in Giordania non hanno...

    Il rapporto franco-tedesco a seguito della pandemia

    In 3 sorsi - A seguito della pandemia la Germania sta...

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Brexit: il Parlamento sulla strada del “Deal” di Johnson

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Ristretto – Come annunciato stamattina su twitter da Jean-Claude Juncker e Boris Johnson, Unione Europea e Gran Bretagna sembrano aver trovato un nuovo “withdrawal agreement” per consentire un’uscita ordinata di Londra dall’Unione.


    Nonostante la reazione positiva di media e mercati, testimoniata anche dal buon rialzo della sterlina contro euro e dollaro, la strada per tale uscita ordinata appare comunque ancora lunga e piena di insidie. Per ora il nuovo “withdrawal agreement” esiste infatti solo sulla carta e deve essere approvato dal Parlamento britannico prima di venire implementato, cosa che appare quantomeno difficile data l’assenza di una maggioranza a favore del Governo Johnson e la persistente ostilità dei deputati nordirlandesi del DUP verso l’intesa con Bruxelles sul confine dell’Ulster. In pratica, al momento attuale voterebbero a favore dell’accordo solo parte dei Tories e qualche deputato laburista, non garantendo il passaggio del “deal” e la sua ratifica prima della scadenza ufficiale di fine mese. La posizione degli ex deputati conservatori epurati da Johnson nelle scorse settimane appare incerta, cosi’ come quella di sostenitori di una “Hard Brexit” come Ian Duncan Smith e Mark Francois. E le opposizioni non sembrano affatto intenzionate ad aiutare il Governo, segnalando invece la propria contrarietà all’accordo.
    Per Johnson il rischio è quindi quello di seguire la strada fallimentare del precedente “deal” di Theresa May, bocciato diverse volte da Westminster e costato infine la carriera politica dell’ex Premier britannica. A questo punto potrebbe diventare fondamentale l’opzione di un referendum confermativo dell’accordo, che porterebbe al potenziale sostegno del Labour in aula. Ma non è chiaro quanto Johnson sia disposto a seguire tale strada (e quanto il leader dell’opposizione Corbyn sia disposto ad accordarla).
    Sabato sarà dunque una giornata cruciale, con il voto parlamentare sul nuovo “withdrawal agreement” e la marcia di decine di migliaia di persone a Londra per chiedere un nuovo voto popolare sulla Brexit. L’appassionante “saga” è ancora lontana dalla conclusione.

    Simone Pelizza

    Simone Pelizza
    Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

    Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
    Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite