utenti ip tracking
martedì 7 Luglio 2020
More

    Speciale COVID-19

    Bukele e la libertà ai tempi del virus

    In 3 Sorsi – In El Salvador l’emergenza sanitaria...

    La Germania post Covid-19

    In 3 Sorsi - Chi potrebbe guidare la Germania...

    Brasile, difficoltà economiche e riforme

    In 3 sorsi - Il Brasile si appresta a...

    La potenza di fuoco della BCE

    In 3 Sorsi – La Banca centrale europea ha...

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Ristretto19 novembre 1985: primo incontro tra Ronald Reagan e Mikhail Gorbachev a Ginevra. Nonostante dubbi e diffidenze iniziali, i due leader riescono a sviluppare una buona intesa personale e danno avvio a un graduale processo di disgelo diplomatico che porterà Stati Uniti e Unione Sovietica alla decisione comune di ridurre i rispettivi arsenali nucleari del 50%.

    Ma non sarà un processo facile: l’insistenza di Reagan sulla sua Strategic Defense Initiative (SDI), cioè il programma missilistico volto ad abbattere testate nucleari nemiche nello spazio, verrà infatti vista con sospetto da Gorbachev, mentre la proposta sovietica di un disarmo nucleare totale entro il 2000 verrà sostanzialmente rifiutata dall’amministrazione USA. A dispetto di queste difficoltà, però, il dialogo andrà avanti e porterà allo storico summit di Reykjavik dell’ottobre 1986, dove Reagan e Gorbachev – assistiti dai rispettivi Ministri degli Esteri, George Shultz e Eduard Shevardnadze – cercheranno di arrivare a un accordo di riduzione dei propri arsenali nucleari. Il vertice segnerà diversi progressi nei negoziati, ma non porterà ad alcuna intesa finale.

    Quest’ultima verrà raggiunta con la firma del trattato INF (Intermediate Nuclear Forces) nel 1987 e di quello START I (Strategic Offensive Arms Reduction) del 1991, che rappresentano – insieme al crollo del Muro di Berlino nel 1989 – la fine della guerra fredda tra le due superpotenze.

    Simone Pelizza

    Simone Pelizza
    Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

    Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
    Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    Comments are closed.