utenti ip tracking
giovedì 13 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    Xenofobia e Covid-19 (II): sinocentrismo e razzismo

    Analisi - Se è vero che all’estero le comunità...

    Bielorussia, la “vittoria” vuota di Lukashenko

    Analisi – Secondo i dati ufficiali, il Presidente bielorusso...

    È arrivato il cigno nero?

    Editoriale -  A gennaio avevamo provato a descrivere come...

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    In 3 sorsi-AstrocaffèIl primo test senza equipaggio del nuovo veicolo spaziale della Boeing non è andato come si pensava. A bordo c’erano anche alcuni regali natalizi per gli astronauti della ISS.

    1. COS’E’ LA STARLINER?

    Si tratta di uno dei due veicoli spaziali di aziende private selezionati dalla NASA per portare astronauti statunitensi verso la Stazione Spaziale Internazionale e ritorno. Fa parte del Commercial Crew Program, creato dall’agenzia spaziale USA per non dipendere dai russi per il trasporto di astronauti dopo la chiusura del programma Space Shuttle nel 2011, che comunque aveva smesso di effettuare cambi di equipaggi della ISS già nel 2009. La Staliner, o meglio CST-100 Starilner è il veicolo della Boeing, capace di portare fino a sette membri di equipaggio. La forma ricorda quella conica delle vecchie capsule Apollo, anche se la tecnologia è quella moderna. Diversamente dalle Apollo e dalla futura Orion della NASA, la Staliner non atterra in mare, ma sulla terra ferma con l’aiuto di paracadute e airbags. L’altro veicolo del Commercial Crew Porgram è la Crew Dragon della Space X di Elon Musk.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – La Sraliner in cima al razzo Atlas 5 sulla rampa di lancio

    2. COSA DOVEVA FARE?

    Questo era il primo test di volo senza equipaggio della capsula in configurazione completa e messa in cima all’apposito razzo, un Atlas 5 dell’ULA (consorzio tra Boeing e Lockheed Martin). La Crew Dragon della Space X aveva già effettuato il test lo scorso marzo. Il volo prevedeva la messa in orbita, test in volo, l’aggancio con la ISS, la permanenza per diversi giorni e poi il rientro a Terra. Come si è visto, c’è stato un problema subito dopo lo sgancio del veicolo dall’ultimo stadio dell’Atlas 5. Si è trattato di un errore nel timer di bordo che probabilmente è stato programmato male. In sostanza, il computer credeva di essere in un tempo che non era quello reale, perciò l’accensione per l’inserimento orbitale ha consumato troppo propellente, impedendo le successive manovre per raggiungere e agganciare la ISS. I controllori a terra si erano accorti del problema, ma non sono potuti intervenire perché è avvenuto proprio nel momento in cui il segnale stava passando da un satellite a un altro. Probabilmente, se ci fossero stati astronauti a bordo avrebbero potuto risolvere loro la situazione, prendendo il controllo manuale o ordinando lo spegnimento dei motori per poter sistemare il timer. Sta di fatto che la missione è terminata anzitempo con un atterraggio perfetto nel poligono di White Sands (New Mexico) domenica 22 dicembre. Ora Boeing e NASA dovranno decidere se sarà necessario un altro test, oppure si andrà direttamente con il primo volo con equipaggio.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Il decollo dell’Atlas 5

    3. E QUINDI LA STORIA EI REGALI DI NATALE?

    La capsula era senza equipaggio, perciò, a parte un manichino con tuta che serviva per fare i test di stress fisico durante il volo e il rientro, era stata caricata con alcune cose. C’erano vestiti, cibo, sistemi per il monitoraggio delle radiazioni e anche alcuni regali natalizi. Purtroppo, sono tutti rientrati a terra con la capsula visto che non c’è stato l’aggancio. Però, qualcosa per le feste era già arrivato all’inizio di dicembre a bordo della Dragon, uno dei veicoli di rifornimento senza equipaggio.

    Emiliano Battisti

    Uscito originalmente su Babilon Magazine

    Emiliano Battisti
    Emiliano Battisti

    Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

    Articolo precedenteNon fare danni
    Articolo successivoHezbollah nel cuore dell’America Latina

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite