utenti ip tracking
giovedì 13 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    Bielorussia, la “vittoria” vuota di Lukashenko

    Analisi – Secondo i dati ufficiali, il Presidente bielorusso...

    È arrivato il cigno nero?

    Editoriale -  A gennaio avevamo provato a descrivere come...

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    L’odissea umanitaria dei profughi siriani: quali prospettive

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.
    • La crisi in Siria, entrata ormai nel suo nono anno, ha provocato un’emergenza umanitaria di enormi dimensioni e lo spostamento di profughi e sfollati interni
    • I Paesi vicini hanno dovuto fare i conti con questa crisi ospitando circa 5,5 milioni di profughi
    • Il rimpatrio dei profughi siriani richiede la ricostruzione di un contesto sicuro e interventi di lungo periodo

    La crisi siriana, a circa nove anni dal suo inizio, rappresenta una delle emergenze umanitarie più gravi in corso. Secondo il Global Humanitarian Overview 2020 redatto da OCHA, 11,7 milioni di siriani necessitano di assistenza umanitaria, circa 6,2 milioni sono sfollati interni (IDPs) e 2,7 milioni sono totalmente dipendenti dagli aiuti umanitari nel nord-ovest del Paese. La crisi siriana ha avuto un grande impatto anche a livello regionale. La Turchia, il Libano, la Giordania, l’Egitto e l’Iraq hanno dovuto fare i conti con essa in termini soprattutto pratici: i dati dell’UNHCR ci riportano che il numero di profughi presenti in questi Paesi è attualmente di 5,5 milioni. Il rimpatrio non sembra essere al momento una soluzione sicura e sostenibile, nonostante i governi ospitanti spingano in questa direzione. In questa cornice si inserisce il Regional Refugee and Resilience Plan (3RP), un programma messo in atto da UNHCR e UNDP con l’obiettivo di sostenere questi Paesi nella gestione della crisi.

    Altea Pericoli

    Altea Pericoli
    Altea Pericoli

    Nata nel 1992, attualmente sono Dottoranda in Istituzioni e Politiche e cultrice di Storia e Istituzioni del Mondo Musulmano presso l’Università Cattolica di Milano. I miei interessi di ricerca riguardano la geopolitica dell’area MENA e la visione islamica dell’aiuto umanitario e allo sviluppo. Dal 2018 collaboro al coordinamento del Desk Medio Oriente e Nord Africa.

    Dei viaggi e del caffè (americano) non potrei mai fare a meno!

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite