utenti ip tracking
giovedì 3 Dicembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Nuova Zelanda: un nuovo Governo e un ritrovato regionalismo

    Caffè Lungo – All’indomani delle elezioni generali del 17 ottobre scorso...

    L’UE unita contro le minacce comuni

    In 3 sorsi - Il 19 novembre si è tenuta la...

    Il secondo lockdown e la frenata dell’economia francese

    In 3 sorsi - L’economia francese, già fortemente provata, vede stime...

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    Doppia azione USA: successo in Libia, ritirata in Somalia

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Nel fine settimana, gli USA hanno tentato due raid in simultanea: uno in Libia, terminato con la cattura dell’ideatore degli attentati in Kenya e Tanzania nel 1998, e l’altro in Somalia, senza successo, contro un obiettivo non ancora specificato.

     

    1. RENDITION IN LIBYA? – Sabato scorso, gli Stati Uniti hanno lanciato due operazioni mirate in Libia e in Somalia, riportando, però, esiti differenti. Nel primo caso, l’obiettivo era Abu Anas al-Libi, nome di battaglia di Nazih Abdul-Hamed al-Ruqai, pianificatore degli attentati contro le ambasciate statunitensi in Kenya e Tanzania nel 1998, che causarono 223 morti. L’uomo era rientrato in Libia dopo una lunga permanenza in Iran ed è stato catturato da un’azione congiunta di FBI, CIA e ministero della Difesa: le forze americane hanno bloccato la sua auto a Tripoli e l’hanno arrestato, portandolo in seguito, secondo alcune indiscrezioni, sulla nave prigione San Antonio, in attesa del processo garantito da Washington. Tuttavia, nonostante le assicurazioni dell’Amministrazione Obama sulla regolarità dell’operazione, il Governo di Tripoli, sollecitato anche dall’opinione pubblica, ha chiesto spiegazioni sull’accaduto, dichiarando di non essere stato in realtà informato «sul sequestro di un cittadino libico ricercato dagli Stati Uniti».

     

    2. LE INCERTEZZE IN SOMALIA – In Somalia, invece, la vicenda è più complessa. Contemporaneamente al blitz in Libia, un commando statunitense è sbarcato sulla spiaggia di Barawe, nel sud del Paese, tentando di penetrare in una palazzina a poca distanza dal mare. Non è ancora ben chiaro chi fosse l’obiettivo dei Navy Seals, ma le ipotesi più accreditate riguardano Abu Zubeyr, attualmente emiro di al-Shabaab; Mohamed Abdelkader Mohamed, detto “Ikrimah”, un alto dirigente del gruppo; un combattente ceceno, probabilmente con incarichi di collegamento tra i somali e al-Qaida; uno degli ideatori del recente attacco terroristico a Nairobi. Il raid, però, non ha avuto successo, poiché i Seals sono stati costretti a ritirarsi per il «contesto ostile», cosicché non sarebbe stato possibile per gli statunitensi appurare l’esito dell’incursione. Al-Shabaab, che in un primo momento aveva riferito di aver combattuto contro militari turchi e britannici, ha affermato di aver respinto completamente l’assalto, uccidendo anche un ufficiale del commando e ferendo altri soldati. A dimostrazione, i somali hanno mostrato via Twitter immagini del materiale che sarebbe stato abbandonato dai Seals. Sulle dinamiche reali dell’operazione, condotta a venti anni esatti dalla Battaglia di Mogadiscio del 3 ottobre 1993 (episodio “Black Hawk Down”), non ci sono comunque ancora informazioni certe.

     

    3. UN RITORNO AL PASSATO? – I fatti in Libia e Somalia conducono ad alcune riflessioni. Innanzitutto, anche nel caso di Barawe, lo scopo della missione non era forse uccidere l’obiettivo, ma catturarlo. In questo senso, Washington potrebbe aver evitato di impiegare direttamente dei droni, come invece costantemente attuato con Obama, sia per reperire maggiori informazioni, sia per evitare di sollevare ulteriori polemiche in un momento nel quale l’utilizzo degli UAV è piuttosto criticato anche negli stessi Stati Uniti. Così facendo, però, l’Amministrazione ha richiamato la pratica delle “rendition”, ossia il rapimento di un sospettato in un altro Paese, un modus operandi ampiamente impiegato sotto la Presidenza Bush e posto in secondo piano da Obama, il quale ha preferito le operazioni “search and destroy”, che mirano all’eliminazione diretta dell’obiettivo.

     

    Beniamino Franceschini

    Beniamino Franceschini
    Beniamino Franceschini

    Classe 1986, vivo sulla Costa degli Etruschi, in Toscana. Laureato in Studi Internazionali e dottorando di ricerca in Scienze Politiche all’Università di Pisa, sono specializzato in geopolitica e marketing elettorale. Mi occupo come libero professionista di analisi politica (con focus sull’Africa subsahariana), formazione e consulenza aziendale. Sono vicepresidente del Caffè Geopolitico e collaboro al coordinamento del desk Africa. Ho un gatto bianco e rosso chiamato Garibaldi.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    2 Commenti

    1. Non a caso ci sono due aspetti interessanti: il primo è che Obama, che ha evitato di impiegare droni per non sollevare ulteriori polemiche sul loro utilizzo, è stato criticato proprio per il ricorso a una “rendition” in Libia e a un blitz in una terra – la Somalia – che per gli USA è sempre drammaticamente amara (la Battaglia di Mogadiscio fu il 3-4 ottobre del 1993); il secondo è il fatto che sia stata l’opinione pubblica libica a chiedere spiegazioni sulla cattura di el-Libi al proprio Governo. – Beniamino Franceschini

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome