utenti ip tracking
martedì 22 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Ingresso vietato

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    Dopo aver annunciato il suo ritorno in Honduras, al presidente deposto Zelaya è stato impedito di rientrare. L’evoluzione della situazione nella repubblica centroamericana

    DIVIETO D’ACCESSO – E’ trascorsa più di una settimana dal golpe che ha sconvolto la vita politica nella piccola repubblica centroamericana dell’Honduras. Il presidente deposto Manuel Zelaya, costretto all’esilio in Costa Rica, aveva annunciato il suo ritorno in patria, forte dell’appoggio dell’intera comunità internazionale, ma l’aereo che doveva riportarlo nella capitale Tegucigalpa è stato trattenuto in volo per il divieto di atterraggio imposto dall’esercito. Nei giorni scorsi Zelaya aveva ottenuto un sostegno pressoché unanime dagli altri Stati, che lo avevano confermato legittimamente al potere: i gesti più evidenti sono stati la condanna dell’OSA (Organizzazione degli Stati Americani), che ha sospeso l’Honduras dalla membership come era avvenuto decenni fa con Cuba, e il ritiro di numerose rappresentanze diplomatiche. Le condanne formali ricevute dalle organizzazioni internazionali non sembrano tuttavia aver impensierito il presidente ad interim (almeno ufficialmente) Roberto Micheletti, che non sembra intenzionato a consentire il ritorno in Honduras di Zelaya e ha dichiarato di voler indire nuove elezioni nel giro di qualche mese. Intanto nel Paese ci sono episodi di scontri tra i sostenitori dell’ormai ex presidente e le forze dell’ordine.

    content_72_2

    QUALI SCENARI? – Questi i fatti, dunque. Ma come si potrebbe evolvere la situazione? Il primo livello di analisi è quello che ha avuto più risonanza mediatica ma che è il più superficiale e consiste nella disapprovazione di Nazioni Unite, OSA, eccetera. È noto come in molti casi l’azione delle organizzazioni internazionali non riesca ad avere un’influenza concreta sulle decisioni di uno Stato sovrano. Ad un livello più profondo, occorre invece considerare le forze in gioco nell’area. L’attore principale è il Venezuela di Chávez, che ha manifestato pieno appoggio a Zelaya e ha imposto sanzioni all’Honduras bloccando le forniture petrolifere. Questa mossa potrebbe sortire effetti ben più importanti di una semplice sanzione “morale” da parte della comunità internazionale. Gli Stati Uniti, invece, per il momento si limitano ad intervenire in maniera "soft", con un tentativo di mediazione del Segretario di Stato Hillary Clinton tramite il presidente del Costa Rica Oscar Arìas. Washington ha attualmente altre priorità e non ha interesse a mostrarsi “interventista”, dopo che l’ingerenza sistematica negli affari interni delle nazioni latinoamericane durante la Guerra Fredda ha provocato un sentimento diffuso di antipatia nella regione e la fioritura di regimi spesso ostili. Perciò, una tattica attendista potrebbe essere l’ideale, anche perché se al potere dovesse salire un Governo antagonista del Venezuela per gli Usa non sarebbe poi così male. È indubbio però che l’isolamento in cui si trova attualmente l’Honduras è una condizione difficilmente sostenibile per uno Stato così piccolo e scarsamente dotato di risorse. 

    Davide Tentori redazione@ilcaffegeopolitico.it

    Davide Tentori
    Davide Tentori

    Sono nato a Varese nel 1984 e sono Dottore di Ricerca in Istituzioni e Politiche presso l’Università “Cattolica” di Milano con una tesi sullo sviluppo economico dell’Argentina dopo la crisi del 2001. Il Sudamerica rimane il mio primo amore, ma ragioni professionali mi hanno portato ad occuparmi di altre faccende: oggi infatti lavoro a Roma presso l’Ambasciata Britannica in qualità di Esperto di Politiche Commerciali. In precedenza ho lavorato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri dove mi sono occupato di G7 e G20, e a Londra come Research Associate presso il dipartimento di Economia Internazionale a Chatham House – The Royal Institute of International Affairs. Sono il Presidente del Caffè Geopolitico e coordinatore del Desk Europa

    Articolo precedenteLemon Tree
    Articolo successivoAscesa straordinaria?

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome