utenti ip tracking
domenica 9 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    I Paesi Baschi in cerca di patria e in fuga dal passato

    Analisi – Il 12 luglio in Spagna, dopo il...

    Chicchi di 2013: Sudamerica

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Uno speciale del Caffè in cui rivivere insieme i principali temi e avvenimenti del 2013: nella prima puntata, partiamo dal Sudamerica e i suoi protagonisti: Chavez, il Papa, le donne al potere, Pepe e… Snowden

     

     

    Il 2013 latinoamericano in poche righe… cosa ricordare? La risposta che viene d’istinto è corretta: non si può che partire dalla scomparsa di uno dei protagonisti della geopolitica sudamericana, Hugo Chávez. Un anno dunque di profondo travaglio in Venezuela, e a loro modo anche in altri Paesi della regione i leader politici, seppur vivi e vegeti, si trovano a fronteggiare diverse difficoltà: Kirchner in Argentina e Dilma Rousseff in Brasile hanno vissuto diverse situazioni controverse. La sfida dei mondiali in Brasile presenta luci e ombre, opportunità e controversie, e non si tratta solo di “quattro calci al pallone”, perchè la geopolitica c’entra eccome, come ben si nota dalla volontà brasiliana di negoziare con la Russia la fornitura di armi e tecnologia militare per aumentare i livelli di sicurezza. Il 2013 argentino ha invece visto l’evento storico di un connazionale eletto Papa, ma ha anche ricordato che la contesa Malvinas/Falkland non è solo argomento per storici. Venti di cambiamento anche in Cile, dove la Bachelet è appena tornata Presidente, mentre potremmo definire guest star regionali due Paesi da sempre outsider, e quasi mai al centro delle cronache: l’Uruguay di “Pepe” Mujica, affascinante figura di Presidente quanto mai sui generis che sta imponendo riforme profondissime (non certo solo la legalizzazione della marijuana), tanto da essere nominato Paese dell’anno dall’Economist, e Haiti, che a quattro anni da quel devastante terremoto sta inziando a ripartire, seppur tra mille fatiche. Infine, tra i vari personaggi non si può dimenticare anche quel giovanotto di nome Snowden, che ha portato tra le altre cose anche a svariate difficoltà diplomatiche tra alcuni Paesi sudamericani e Washington. Infine, uno sguardo globale: perchè dopo dieci anni di generale crescita, nel prossimo biennio il Sudamerica si gioca un bel pezzo del proprio futuro. Trovate comunque tutto qui sotto… buona lettura!

     

    Redazione
    Redazionehttps://ilcaffegeopolitico.net

    Il Caffè Geopolitico è una Associazione di Promozione Sociale. Dal 2009 parliamo di politica internazionale, per diffondere una conoscenza accessibile e aggiornata delle dinamiche geopolitiche che segnano il mondo che ci circonda.

    Articolo precedenteBuon Natale dal Caffè!
    Articolo successivoBeirut, nuovo attentato

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite