utenti ip tracking
martedì 20 Aprile 2021

Il Papa in Iraq: una visita storica

In breve

  • Papa Francesco ha compiuto uno storico viaggio nell’Iraq colpito da anni di guerra civile e dall’ISIS.
  • La visita avrà conseguenze geopolitiche non trascurabili nell’area.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

Ristretto – Il viaggio di Papa Francesco in Iraq rappresenta non soltanto un momento storico per le religioni del mondo, ma anche per il momento in cui è avvenuto e per le conseguenze geopolitiche che avrà.

IL VIAGGIO DEL PAPA

Con il suo recente viaggio Papa Francesco è diventato il primo leader della Chiesa Cattolica Romana a visitare l’Iraq, con l’obiettivo di rafforzare un dialogo inter-religioso e aiutare una nazione distrutta da guerre e crisi economiche continue.
Nonostante le difficoltà dovute alla Covid-19 e alla situazione della sicurezza, Papa Francesco è rimasto fermo nel suo desiderio di visitare un Paese bisognoso di pace che ospita al suo interno una delle comunità cristiane più antiche del mondo. Il programma di viaggio del Pontefice ha previsto visite a Baghdad, alla Piana di Ur, alle città di Erbil e Mosul, fino a Qaraqosh nella Piana di Ninive.
Il momento saliente è stato senza dubbio il momento di confronto e dialogo con il Grande Ayatollah Ali al-Sistani, il leader spirituale dei musulmani sciiti iracheni, che mai aveva ricevuto un capo della Chiesa Cattolica prima d’ora.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Papa Francesco circondato da figure religiose durante un incontro inter-religioso nell’antica città di Ur, nel sud dell’Iraq. 6 marzo, 2021

Ponendo l’accento sulla storia condivisa di ebrei, cristiani e musulmani, il cui progenitore religioso è Abramo (nato proprio a Ur, in Iraq), il Papa ha voluto lanciare il suo appello all’unità, alla fratellanza e alla condanna di guerre e violenze. L’obiettivo è stato quello di rafforzare i legami con i musulmani sciiti e portare supporto a una popolazione cristiana decimata da anni di conflitti. I cristiani d’Iraq, infatti, hanno dovuto subire diverse persecuzioni negli anni recenti: più di un milione di cristiani è fuggito dall’inizio dell’invasione dell’Iraq guidata dagli americani nel 2003. Attualmente i cristiani in Iraq sono circa 500mila.
Nonostante gli aspetti spirituali, il viaggio del Papa ha anche un’importante valenza geopolitica. Infatti l’incontro tra il Papa e al-Sistani rappresenta un momento politico rilevante di vicinanza fra la cristianità e la comunità sciita irachena, da anni in contrasto con la maggioranza sciita iraniana per la supremazia tra i fedeli dell’Islam sciita. Papa Francesco ha quindi riconosciuto implicitamente al-Sistani come proprio interlocutore privilegiato nell’Islam sciita, ponendo così l’Iraq in una posizione di leadership rispetto al vicino Iran.

Paolo Sasdelli

Immagine di copertina: Photo by Annett_Klingner is licensed under CC BY-NC-SA

Paolo Sasdelli

Bolognese di nascita, giro l’Europa per studio e lavoro. Laureato in Lettere Classiche all’UNIBO (prima grande passione), ho frequentato due master in Relazioni Internazionali ed in Politiche Europee al King’s College London e alla London School of Economics. Mi accingo ad entrare (finalmente) nel mondo del lavoro, che mi vedrà a Bruxelles per i prossimi anni. Sogno ancora di giocare in NBA. Le opinioni espresse negli articoli sono quelle dell’autore e non rispecchiano (necessariamente) quelle di FiscalNote, Inc.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite