utenti ip tracking
sabato 19 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    Verso Mosul

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    L’offensiva curdo-irachena su Mosul è in corso e i social media si sono riempiti di immagini, video e commenti sulla situazione.

    Al di là dei singoli episodi raccontati più o meno da tutti i media che seguono la situazione, in questi primi giorni l’offensiva procede con costanza nonostante la resistenza delle forze ISIS su vari villaggi, dove i difensori usano spesso fumo ottenuto bruciando petrolio e pneumatici per cercare di ridurre la visiblità degli aerei. L’avanzata non sembra comunque messa in discussione e un generale iracheno ha confermato quanto noi stessi avevamo già preannunciato qualche giorno fa con un post su facebook: l’avanzata erso la città durerà relativamente poco (un paio di settimane probabilmente) mentre la vera battaglia per la liberazione del centro abitato di Mosul potrebbe durare anche due mesi o più.

    Due fattori sono da notare: da un lato il contrattacco ISIS contro Kirkuk, nel tentativo di distogliere attenzione mediatica e, possibilmente, forze nemiche dall’attacco contro Mosul – nonostante i danni però l’entità dell’attacco, decisamente ridotta, non appare in grado di modificare la dinamica complessiva dell’offensiva.

    Secondariamente ogni tempistica di resistenza dell’ISIS dipende da quanto i miliziani decideranno di restare nella città a combattere o cercheranno di fuggire verso la Siria. La Coalizione ha saggiamente deciso di lasciare aperta la porta perché in caso contrario il rischio è un nemico che, senza via di fuga, combatta fino all’ultimo mettendo ancora più a rischio la popolazione civile. Certo non mancano le critiche del regime di Assad e della Russia circa il fatto che così si favorisca il flusso dei combattenti verso la loro direzione, ma come abbiamo spiegato in passato per Manbij, fornire tale alternativa è fondamentale per ridurre, per quanto possibile, lo scontro dentro il centro abitato. Per ora ci sono solo rapporti di combattenti ISIS in fuga nascosti tra i profughi, in futuro sarà possibile, come per Manbij, che vengano concessi lasciapassare. Già ora prevediamo che qualche media griderà al “tradimento” o al “complotto” o perfino alla “collusione”, ma la realtà è più semplice: non mettere il nemico con le spalle al muro è una valida strategia per evitare spargimenti di sangue eccessivi.

    Lorenzo Nannetti

    Foto di copertina di Kurdishstruggle Rilasciata su Flickr con licenza Attribution License

    Lorenzo Nannetti

    Nato a Bologna nel 1979, appassionato di storia militare e wargames fin da bambino, scrivo di Medio Oriente, Migrazioni, NATO, Affari Militari e Sicurezza Energetica per il Caffè Geopolitico, dove sono Senior Analyst e Responsabile Scientifico, cercando di spiegare che non si tratta solo di giocare con i soldatini. E dire che mi interesso pure di risoluzione dei conflitti… Per questo ho collaborato per oltre 6 anni con Wikistrat, network di analisti internazionali impegnato a svolgere simulazioni di geopolitica e relazioni internazionali per governi esteri, nella speranza prima o poi imparino a gestire meglio quello che succede nel mondo. Ora lo faccio anche col Caffè dove, oltre ai miei articoli, curo attività di formazione, conferenze e workshop su questi stessi temi.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome