utenti ip tracking
sabato 18 Settembre 2021

‘Oro illegale’, vita e morte nelle miniere clandestine del Venezuela

In breve

  • Per risanare il bilancio dello Stato, il Presidente Maduro ha avviato il progetto di creazione dell’Arco minero dell’Orinoco.
  • Ai gruppi di guerriglieri colombiani era stato affidato il compito di cacciare gli indios e gli abitanti dalle zone di estrazione.
  • Le miniere oggi sono un luogo di sfruttamento e morte, dove donne e uomini sono ridotti in schiavitù, mentre i paramilitari colombiani hanno una nuova fonte di finanziamento.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

In 3 SorsiSpinti dalla crisi economica sempre più venezuelani sono costretti a lavorare nelle miniere dell’Orinoco, terra di schiavitù, malaria e dei guerriglieri colombiani.

1. IL PIANO DI MADURO

Avvelenamento da mercurio, schiavitù e desplazamiento forzado. Sono questi i tre elementi che compongono l’inferno delle miniere clandestine dell’Arco Minero dell’Orinoco, nello Stato Bolivar del Venezuela. Barbarie perpetrate da numerosi gruppi irregolari con la complicità del Governo di Nicolas Maduro
Ed è proprio nel Palazzo Miraflores di Caracas che nel 2016 era stato approvato il progetto di creazione del Parco minerario dell’Orinoco, una gigantesca riserva di 16mila chilometri quadrati situata a sud del Paese dov’è possibile estrarre oro, coltan, bauxite, diamanti e quarzo. Sfruttare quelle risorse avrebbe consentito al Venezuela di rimpinguare le casse statali dando una boccata d’ossigeno al Paese che dal 2013 sta attraverso una delle più gravi crisi umanitarie del secolo
Il Governo di Maduro non riuscirà mai a completare il processo di nazionalizzazione. Molte miniere verranno così occupate dai Sindicatos mineros, gruppi irregolari venezuelani che controllano con terrore e violenze le zone di estrazione dell’oro. I pesci piccoli hanno in breve tempo attirato gli squali.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Minatori venezuelani in un pueblos mineros dell’Arco minero dell’Orinoco

2. IL RUOLO DELLA GUERRIGLIA COLOMBIANA 

Dopo gli accordi di pace firmati all’Avana nel settembre del 2016 tra il Governo di Bogotà e le FARC la maggior parte dei gruppi guerriglieri colombiani sono scappati in Venezuela. Non solo i più fidati uomini del jefe Ivan Marquez, ma anche i capi dell’ELN e gli esponenti delle 180 fazioni di paramilitari sciolte per decreto dal Presidente Uribe Velez, i quali sono quasi tutti entrati a far parte del Clan del Golfo. Per continuare la propria guerra contro lo Stato colombiano questi gruppi hanno trovato rifugio nello Stato Apure, Zulia, Tàchira e Amazonas del Venezuela. Pensando di poter servirsi a proprio piacimento di questi gruppi, il Presidente Nicolas Maduro ha dato il compito alla guerriglia colombiana di prendere il controllo delle miniere dell’Arco Minero dell’Orinoco. Parte della popolazione venezuelana è stata così cacciata con le armi dai propri luoghi d’origine consentendo ai paramilitari e ai guerriglieri di creare nuovi pueblos mineros, cioè piccoli paesi la cui economia è basata interamente sullo sfruttamento delle miniere. Stiamo parlando di insediamenti come El Dorado, El Callao e Sifontes nello Stato Bolivar del Venezuela. Luoghi dove la differenza tra schiavitù e sfruttamento è appena percettibile.
Gli uomini vengono utilizzati in tutto il procedimento di estrazione mentre le donne si dedicano alla preparazione del rancio e alla cura dell’accampamento. Le meno fortunate invece sono costrette a prostituirsi nelle currutelas, una sorta di case chiuse nelle quali sono obbligate ad avere rapporti sessuali con i minatori. La retribuzione corrisponde a pochi grammi d’oro al giorno, una cifra bassissima. ma per la maggior parte dei venezuelani significa poter mettere un piatto di riso e fagioli in tavola.
Uno dei rischi principali ai quali si espongono gli abitanti dei pueblos mineros è la contaminazione da mercurio, un metallo impiegato per separare l’oro dalla terra nel minor tempo possibile. Durante il suo utilizzo il 75% evapora, intossicando persone e animali nelle vicinanze, mentre la parte rimanente cade al suolo, inquinando la terra e la falda acquifera.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Guerriglieri dell’ELN nello Stato Apure del Venezuela. Secondo la Fiscalia di Bogotà, loro controllerebbero il traffico di coltan nella frontiera con la Colombia

3. LA PANDEMIA NELLE RISERVE INDIGENE 

Chi paga il costo più alto dello sfruttamento minerario sono le comunità indios situate in prossimità delle miniere. Molte sono state costrette dai guerriglieri a fare le valigie e a scappare in Colombia e Brasile, mentre altri villaggi hanno deciso di restare esponendosi alla sicura contaminazione da mercurio. Rischio al quale, secondo studi condotti su queste popolazioni dalle principali università del Paese (de Oriente, Simon Bolivar e Central de Venezuela) sarebbero più esposte le donne, poiché adempiendo alle faccende domestiche risultano maggiormente a contatto con le acque dei fiumi.
Oltre all’intossicazione da metalli pesanti e alla malaria (che tocca livelli record nei pueblos mineros dello Stato Bolivar) c’è anche il rischio di contrarre la Covid-19. Già nella frontiera con la Roraima, a luglio del 2020, i popoli indigeni Yanomami e Ye’kuana denunciarono l’arrivo di 20mila garimpeiros, i cercatori d’oro irregolari, i quali erano sospettati di avere diffuso il coronavirus in decine di comunità indigene. Villaggi che in precedenza non avevano ancora registrato il primo caso di infezione. Così mentre gli indios scappano dal Venezuela la guerriglia colombiana consolida la propria l’influenza nel Paese, l’alleato di cui Maduro ha bisogno per preservare il proprio regime.

Mattia Fossati

Photo by Gerhard Lipold is licensed under CC0

Mattia Fossati
Mattia Fossati

Friulano di nascita, bolognese per meriti accademici. Mi sono laureato in Scienze Politiche per poi specializzarmi in Giornalismo. Mi occupo di mafia, corruzione e narcotraffico. Ho svolto un tirocinio in Brasile effettuando svariati video-reportage delle manifestazioni studentesche contro i tagli del Governo Bolsonaro.  In seguito sono partito per un viaggio dal Cile alla Colombia per scrivere un libro sulle nuove rotte dei narcos. Follemente innamorato delle mie due case: Venezia e l’America Latina. Non potrei mai rinunciare a un buon caffè o a bere il mate in compagnia.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite