utenti ip tracking
venerdì 18 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Il Cile tra virus e nuovo patto sociale

    In 3 Sorsi – Il Cile si sta avviando...

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    La via della seta sembra tornare in auge con l’apertura di collegamenti ferroviari commerciali tra la Cina e l’Europa

    Arriva oggi a Londra il primo treno merci diretto tra Cina e Regno Unito. Partito dallo Zhenjiang a capodanno, il convoglio – carico di borse e capi di abbigliamento – ha percorso oltre 11mila chilometri in meno di tre settimane, attraversando otto Paesi prima di giungere in territorio britannico. Secondo diversi esperti, questo sistema di trasporto è meno costoso di quello aereo e marittimo e dovrebbe facilitare i flussi commerciali tra Asia e Europa. Dal 2013 sono circa 40 i convogli ferroviari partiti dalla Cina verso alcune delle maggiori città europee, incluse Madrid e Amburgo. L’iniziativa e’ un segno tangibile delle Nuove Vie della Seta promosse da Pechino attraverso la massa continentale eurasiatica e sembra destinata a cambiare profondamente le rotte del commercio mondiale.
     
    Simone Pelizza

    Foto di copertina di shankar s. rilasciata con licenza Attribution License

    Simone Pelizza
    Simone Pelizzahttp://independent.academia.edu/simonepelizza

    Piemontese doc, mi sono laureato in Storia all’Università Cattolica di Milano e ho poi proseguito gli studi in Gran Bretagna. Dal 2014 faccio parte de Il Caffè Geopolitico dove mi occupo principalmente di Asia e Russia, aree al centro dei miei interessi da diversi anni.
    Nel tempo libero leggo, bevo caffè (ovviamente) e faccio lunghe passeggiate. Sogno di andare in Giappone e spero di realizzare presto tale proposito. Nel frattempo ho avuto modo di conoscere e apprezzare la Cina, che ho visitato recentemente per lavoro.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    1 commento

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome