utenti ip tracking
giovedì 26 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    Covid e tribù dominano le elezioni in Giordania

    In 3 sorsi - Le elezioni parlamentari in Giordania non hanno...

    Il rapporto franco-tedesco a seguito della pandemia

    In 3 sorsi - A seguito della pandemia la Germania sta...

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Guerra silenziosa

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 2 min.

    La cattura del carico di armi destinate a Hezbollah da parte dei commandos israeliani conferma la serie di mosse e contromosse che avviene dietro le quinte tra l’Iran e il mondo occidentale. Niente di nuovo per gli analisti, ma una sveglia per il pubblico.

     

    ARMI DA TEHERAN – Abbiamo già parlato dell’importanza del lavoro di intelligence nella problematica iraniana; in questi giorni abbiamo avuto un’ulteriore prova, oltre a una conferma di come l’intera questione coinvolga aspetti ben più globali della semplice produzione di energia e armi nucleari.La recente cattura del mercantile Francop da parte del Shayetet 13 – i commandos della marina israeliana – è stato solo l’ultimo passo di un’operazione che secondo fonti di intelligence ha visto l’individuazione del carico da parte di CIA e Mossad fin dalla sua partenza dalle coste persiane su una nave iraniana, fino al trasferimento sulla Francop nel porto egiziano di Damietta. Da lì unità della marina USA e Israeliana hanno seguito il cargo da vicino fino all’abbordaggio. A ottobre il mercantile tedesco Hansa India venne individuato in maniera simile e costretto a dirigersi verso Malta, dove venne scoperto un carico di armi anch’esso diretto in Libano. La fornitura di armi ed equipaggiamenti dall’Iran a Hezbollah non è più un segreto da anni, ma le circa 500 tonnellate sequestrate sulla Francop è il più grande carico catturato da almeno dieci anni. Ci si chiede quanti altri carichi non siano mai stati individuati.

     

    content_298_2

    HEZBOLLAH SI RIARMA – Secondo le prime rilevazioni le armi ed equipaggiamenti sequestrati confermano la tendenza del movimento sciita in Libano a riarmarsi pesantemente. La presenza di armi sofisticate quali moderni missili anticarro ne indica la funzione anti-israeliana, data la mancanza di mezzi corazzati pesanti nell’esercito libanese. I razzi a breve e media distanza invece vanno a ricostituire l’arsenale di cui Hezbollah disponeva prima della Seconda Guerra del Libano nel 2006; come già sperimentato in passato, l’utilizzo della armi appare rivolto contro le città israeliane. La cattura del Francop non porta dunque novità nelle valutazioni della maggior parte degli analisti occidentali, che già denunciano il fenomeno del riarmo clandestino del movimento guidato da Nasrallah fin dal 2007. Si registra però l’intensificarsi dell’attività preventiva, che sta rendendo più difficile l’approvigionamento di tali sofisticati equipaggiamenti da parte di Hezbollah. Inoltre contribuisce a smentire anche presso l’opinione pubblica le tesi innocentiste di chi tende a ignorare l’appoggio di Teheran al movimento sciita – peraltro più volte confermato da loro stessi – e il suo potenziale effetto destabilizzante sul Libano intero. Hezbollah infatti continua a mantenere una posizione dominante rispetto all’esercito regolare del paese dei Cedri.

     

    IMPLICAZIONI – Del resto Teheran ha tutto l’interesse a supportare il movimento sciita: esso costituisce un mezzo utile per distrarre l’attenzione di Gerusalemme lontano dal Golfo Persico, costringendola a mantenere impegnate ingenti risorse militari e di intelligence a nord. Permette di avere un’arma puntata contro la popolazione israeliana – ottima arma per colpire il vero e forse unico punto debole delle Forze Armate israeliane: il morale della popolazione in patria. Consente di avere i mezzi per aprire un pericoloso secondo fronte nel caso di attacco israeliano (o occidentale in genere) e rendere dunque ogni conflitto molto più costoso in termini di vite umane.Questa strategia può essere contrastata solo con l’appoggio compatto del mondo occidentale – e non solo – ottenibile rendendo palesi le azioni destabilizzanti di Teheran. La cattura del carico della Francop va proprio in tale direzione e aggiunge un altro tassello alla guerra silenziosa che va avanti dietro le quinte tra Israele e l’Iran. Rimane da vedere se Teheran riuscirà a compiere a breve una contromossa.

     

    Lorenzo Nannetti 

    redazione@ilcaffegeopolitico.it

    Lorenzo Nannetti

    Nato a Bologna nel 1979, appassionato di storia militare e wargames fin da bambino, scrivo di Medio Oriente, Migrazioni, NATO, Affari Militari e Sicurezza Energetica per il Caffè Geopolitico, dove sono Senior Analyst e Responsabile Scientifico, cercando di spiegare che non si tratta solo di giocare con i soldatini. E dire che mi interesso pure di risoluzione dei conflitti… Per questo ho collaborato per oltre 6 anni con Wikistrat, network di analisti internazionali impegnato a svolgere simulazioni di geopolitica e relazioni internazionali per governi esteri, nella speranza prima o poi imparino a gestire meglio quello che succede nel mondo. Ora lo faccio anche col Caffè dove, oltre ai miei articoli, curo attività di formazione, conferenze e workshop su questi stessi temi.

    Articolo precedenteScontenti tutti
    Articolo successivoLegge ‘ad personam’, San Suu Kyi fuori

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome