utenti ip tracking
giovedì 24 Settembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    L’India e l’emergenza coronavirus

    In 3 sorsi - Oggi l'India è tra le...

    Contagi, proteste e maltempo: i tanti guai della Corea del Sud

    In 3 sorsi - Il coronavirus sembra aver esacerbato...

    Il SURE dell’Unione europea a sostegno dell’occupazione

    In 3 Sorsi – La Commissione europea ha formalizzato...

    Il lungo inverno di Melbourne

    Analisi - Secondo appuntamento con un "Caffè agli antipodi"....

    Stan Trek

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    Se c’è un posto al mondo che mantiene intatto il fascino selvaggio della frontiera quello è sicuramente l’Asia centrale. In questo libro troverete dittatori megalomani e sanguinari, gruppi terroristi islamici, giochi politici intorno alle risorse energetiche, disastri ecologici di proporzioni inquietanti e resti di imperi antichi e moderni

    VIAGGIO AL CENTRO DELL’ASIA – Che tu non ti senta ancora pronto per affrontare tutto ciò o che tu stia progettando da anni un viaggio in cerca di avventura, la lettura di questo racconto di viaggio, saggio geopolitico, fumetto, reportage fotografico sarà utile e di piacevole lettura.In questa misteriosa parte del mondo in cui i nomi dei paesi finiscono tutti con il suffisso –stan, si è riaperto in seguito al crollo del sistema sovietico, il cosiddetto “great game”, ovvero lo scontro più o meno aperto tra le grandi potenze per il controllo della regione. I protagonisti: gli Usa, la Russia e la Cina, oltre a svariati attori regionali come il Pakistan, gruppi terroristici islamici e criminali.Le motivazioni che spiegano l’importanza di questo scacchiere sono svariate. Innanzi tutto nel sottosuolo di alcuni di questi paesi giacciono alcune delle maggiori quantità di riserve di petrolio e di gas naturale del pianeta (anche l’italiana Eni ha importanti interessi nella regione avendo in concessione lo sfruttamento di alcuni pozzi in Kazakistan). Questa regione riveste evidentemente un ruolo strategico anche come via di comunicazione tra oriente e occidente: se un tempo la via della seta garantiva la prosperità dei potentati locali, oggi sono i gasdotti e gli oleodotti che garantiscono ai dittatori locali un’ampia rendita. Gli ultimi decenni hanno inoltre sancito la nascita di un nuovo canale per i flussi di risorse energetiche di questa zona, una volta appannaggio soprattutto della Russia e attraverso questa dell’Europa, in seguito all’impetuosa crescita economica di Cina e India. Anche alla luce di queste considerazioni si capisce la crescente tensione nella regione cinese dello Xinjiang, omogenea per storia, cultura, popolazione e religione alle repubbliche centroasiatiche ex sovietiche.

    TENSIONI E INSTABILITA’ – Questi paesi, soprattutto l’Uzbekistan, sono state importanti basi logistiche per l’invasione Nato dell’Afghanistan ed è chiaro come la “guerra al terrore” americana passi anche dalle impervie valli del Turkestan dove il fondamentalismo islamico sembra in preoccupante ascesa.Per aggiungere un altro elemento di instabilità in una situazione già potenzialmente esplosiva, ai margini di quest’area si svolge da decenni un conflitto a bassa intensità tra Pakistan e India fatto di scontri sulle altissime quote della catena del Karakorum per il controllo del Kashmir. Ed entrambe queste nazioni sono potenze nucleari.

    content_51_2

    IL LIBRO – Ted Rall, l’autore di questo originale ibrido di diverse forme della comunicazione, riesce a raccontarci tutto questo in maniera chiara e semplice, grazie innanzi tutto al dichiarato amore per questa sfortunata area del mondo e alla sua esperienza diretta sul campo. “Stan trek” è quindi il racconto dei diversi viaggi fatti dall’autore, ma non solo. Attraverso una parallela opera di studio e di analisi Rall ci fornisce anche una lettura geopolitica della situazione negli stati da lui visitati, aggiornandoci sullo stato del nuovo “great game”.A tutto ciò si aggiunga che il libro è corredato di dati e di una serie di informazioni pratiche per organizzare un viaggio (come ottenere un visto, come comportarsi con le insistenti richieste di denaro della polizia).Se non bastasse l’originalità dell’argomento (trovare un libro che si occupi di questa parte del mondo non è facile), l’autore ha scelto di utilizzare diversi linguaggi per mostrarci un immagine degli “stan”. La scelta del fumetto in particolare si sposa perfettamente con l’approccio di Rall all’argomento: un approccio scanzonato, politically uncorrect, che non disdegna affatto l’ironia. Un nuovo modo di avvicinarsi all’indagine geopolitica, destinato a un nuovo pubblico giovane, che in qualche modo si può trovare anche nel “Caffè Geopolitico”.

    Jacopo Marazia

    Jacopo Marazia
    Jacopo Marazia

    Mi chiamo Jacopo, da 30 anni circa ho i piedi infilati nelle pantofole del mio salotto meneghino e la testa sempre altrove (grazie internet!). La storia e la politica internazionale sono state prima la mia passione e poi oggetto di studio all’Università Statale, dove mi sono laureato in Scienze Internazionali e Istituzioni Europee. Europa, Russia e Balcani sono le aree geografiche che ho studiato più approfonditamente, mentre pirateria moderna, politiche energetiche e di sicurezza sono le questioni che ho seguito con più attenzione. Lavoro come copywriter presso un’agenzia di comunicazione. Mi piace disegnare e ogni tanto lo faccio anche per il Caffè. Scrivere, disegnare, fare video e grafica: il Caffè rappresenta per me un’ottima occasione per sperimentare nuovi modi per comunicare meglio contenuti di qualità. Hope you enjoy!

    Articolo precedenteEd ora viene il bello
    Articolo successivoSi muove Washington

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome