utenti ip tracking
lunedì 10 Agosto 2020
More

    Speciale COVID-19

    La delicatissima situazione politica interna in Serbia

    Analisi - ln Serbia l'epidemia di Covid-19 appare fuori...

    Il Myanmar alle urne tra guerra civile e Covid-19

    In 3 sorsi - Fissata la data per le...

    I Paesi Baschi in cerca di patria e in fuga dal passato

    Analisi – Il 12 luglio in Spagna, dopo il...

    Posto vacante alla Corte Suprema USA

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 1 min.

    Ristretto – Era nell’aria da un po’ e alla fine il giudice della Corte Suprema Anthony Kennedy ha annunciato le dimissioni

    La sua carriera è stata lunga, essendo stato nominato nel 1988 dal Presidente Ronald Reagan. Spesso è stato considerato l’ago della bilancia della Corte, schierandosi a volte con i giudici conservatori e a volte con quelli progressisti. Il suo ritiro diventerà effettivo dal 31 luglio prossimo.
    Ora la palla passa a Trump che dovrà nominare un sostituto. Si tratterà sicuramente di un conservatore e sarà da vedere se avrà il curriculum tipo quello di Neil Gorsuch oppure si tratterà di una scelta più “stravagante”. Ci sono vari fattori da tenere presenti. Il primo è che per il Presidente sarà una corsa contro il tempo. A Novembre ci saranno le elezioni di midterm e c’è la possibilità (abbastanza remota, ma presente) che il GOP perda il controllo del Senato, il ramo del Congresso responsabile della ratifica delle nomine presidenziali. Tuttavia, è una corsa possibile, poiché dalla nomina di Gorsuch i repubblicani hanno cambiato il numero minimo di voti per l’approvazione, passandoli da 60 su 100 a 51 su 100.

    Il ritiro di Kennedy dà a Trump una importante possibilità: quella di poter incidere su diversi aspetti legislativi e sociali degli Stati Uniti negli anni a venire attraverso una Corte Suprema a maggioranza conservatrice

    Emiliano Battisti

    Emiliano Battisti
    Emiliano Battisti

    Consulente per un’azienda spaziale, sono Segretario Generale e responsabile del coordinamento dei Social Media, del desk Nord America e del desk spaziale. Ho pubblicato il libro Storie Spaziali, edito da Paesi Edizioni.

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite