utenti ip tracking
mercoledì 25 Maggio 2022

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Il Presidente tagiko Rahmon cerca sostegno in Europa

In breve

  • Il Tagikistan tiene una linea dura sull’Afghanistan, più per stabilità interna che per un reale contrasto al terrorismo.
  • In ottobre il Presidente tagiko Rahmon ha incontrato a Bruxelles Josep Borrell, l’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri, e Charles Michel, il Presidente del Consiglio Europeo.
  • Su invito del Presidente francese Macron, Rahmon si è recato poi in visita tre giorni a Parigi.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

[speaker]

In 3 sorsi – Lo scorso ottobre il Presidente tagiko Emomali Rahmon si è recato in Europa per discutere della questione afghana, che grava sul suo Paese e sul resto dell’Asia Centrale.

1. RAHMON PREOCCUPATO PER IL RITORNO AL POTERE DEI TALEBANI

Dopo il ritorno al potere dei talebani a Kabul, l’Asia Centrale e più in specifico i Paesi confinanti con l’Afghanistan hanno iniziato a nutrire preoccupazioni. Tra questi spicca sicuramente il Tagikistan, il quale, a differenza degli altri Stati della regione, ha mantenuto una linea dura nei confronti dei talebani. Il Tagikistan condivide con l’Afghanistan un esteso confine montuoso, difficile da controllare, oltre a rappresentare per il vicino il principale Paese di transito per il traffico di droga. 
Lo scorso settembre, durante una riunione alle Nazioni Unite, il Presidente tagiko Emomali Rahmon ha sottolineato come la situazione in Afghanistan rappresenti una seria minaccia per la sicurezza e la stabilità della regione. In diversi eventi internazionali successivi ha anche ribadito che il Tagikistan non riconoscerà un Governo formatosi attraverso l’oppressione e senza il rispetto di tutto il popolo afghano, specialmente delle minoranze etniche. In tal senso Rahmon ha voluto sottolineare come la minoranza tagika in Afghanistan abbia diritto a partecipare agli affari interni del Paese.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Il Presidente tagiko Emomali Rahmon durante uno degli ultimi vertici della CSTO

2. GLI INCONTRI A BRUXELLES CON MICHEL E BORRELL

Nella prima metà dell’ottobre scorso, il Presidente tagiko si è recato a Bruxelles a seguito dell’invito del Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel.
Le relazioni tra Tagikistan e Unione Europea sono disciplinate da un accordo di partenariato e cooperazione, firmato nel 2004 ed entrato in vigore nel 2010, che istituisce il quadro politico, economico e socioculturale della loro cooperazione bilaterale. A Bruxelles, oltre al Presidente del Consiglio europeo, Rahmon ha incontrato anche l’Alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri, Josep Borrell. Il tema centrale di questi incontri è stata la situazione in Afghanistan e il conseguente deterioramento della sicurezza nella regione centro-asiatica. Si è discusso del rafforzamento della difesa del confine afghano-tagiko, che va al di là del semplice sostegno a programmi tradizionali, come BOMCA (Border Management in Central Asia) e CADAP (Central Asia Drug Action Program), volti a prevenire il traffico di droga dall’Afghanistan all’Europa e possibili infiltrazioni terroristiche. Si è così sottolineata l’importanza della cooperazione regionale per affrontare le sfide legate agli sviluppi in Asia Centrale ed entrambe le parti hanno sostenuto la necessità di un Governo inclusivo a Kabul.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Rahmon insieme a Macron durante la sua visita a Parigi, 13 ottobre 2021

3. L’INVITO DI MACRON A PARIGI

Dopo la visita a Bruxelles, Rahmon si è recato a Parigi, a seguito dell’invito dell’agosto scorso da parte del Presidente francese Emmanuel Macron. Nonostante Macron abbia giustificato la presenza del Presidente tagiko con l’apertura di una mostra archeologica dedicata al Tagikistan, al Guimet Museum, la motivazione principale della visita è stata senza dubbio la questione afghana. Macron, infatti, ha definito la visita come un’opportunità per rafforzare il dialogo sulla sicurezza regionale in Asia Centrale e fare il punto con il Presidente tagiko sull’assistenza che la Francia può dare per stabilizzare la situazione nell’area.
Molti osservatori sospettano però che Rahmon stia cercando di alimentare lo scontro con l’Afghanistan per ottenere attenzione e risultati tangibili come aiuti finanziari o militari dalla comunità internazionale, e che non stia agendo in questo modo per paura di infiltrazioni terroristiche o per la mancata inclusività delle minoranze del Governo talebano.

Elisa Cecchini

Photo by Makalu is licensed under CC BY-NC-SA

Elisa Cecchini
Elisa Cecchini

Classe 1997, laureata in Lingue, Civiltà e Scienze del linguaggio a Ca’Foscari, con un curriculum prettamente politico-internazionale affiancato allo studio del francese e del russo. Grazie al periodo di studi all’università di Tartu in Estonia, mi sono appassionata all’area baltica e alle sue vicende storiche, culturali e geopolitiche legate alla Russia, arrivando così a scrivere la tesi sulla minoranza russofona in Estonia. Sto attualmente frequentando il Joint Master’s Degree in Interdisciplinary Research and Studies on the Eastern Europe all’università di Bologna, che mi darà la possibilità di studiare il prossimo anno presso la Vytautas Magnus University di Kaunas, in Lituania. Grazie al mio percorso di magistrale sto approfondendo lo studio delle tematiche legate allo spazio post-sovietico, con un particolare interesse alla sfera della sicurezza e delle politiche energetiche.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite