utenti ip tracking
domenica 25 Settembre 2022

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Perù, Governo minaccia sanzioni contro Repsol per disastro ambientale

In breve

  • Fonte: “Peru demands compensation for disastrous oil spill caused by Tonga volcano”
  • https://www.theguardian.com/world/2022/jan/19/peru-spain-repsol-disastrous-oil-spill

Dove si trova

Ascolta l'articolo

Ristretto – L’incidente causato dalla petroliera Mare Doricum è considerato il più grave disastro ecologico della storia recente peruviana e si stimano enormi danni ambientali ed economici per il Paese.

Il 15 gennaio la nave petroliera recante bandiera italiana Mare Doricum ha erroneamente riversato in mare quasi 12mila barili di petrolio grezzo durante un’operazione di scarico presso la raffineria La Pampilla, la più grande del Paese, che si trova a 30 chilometri dalla capitale Lima. L’incidente è stato attribuito al verificarsi di onde anomale dovute all’improvvisa eruzione nei giorni precedenti del vulcano Hunga Tonga Hunga Ha’apai, sull’isola inabitata di Hunga Tonga, nel Pacifico. La raffineria La Pampilla è di proprietà della compagnia energetica spagnola Repsol, per questo il Governo peruviano ha in questi giorni minacciato di sanzionare pesantemente la società, attribuendole completa responsabilità per l’accaduto, come annunciato dal Presidente Pedro Castillo. “Siamo di fronte a un ecocidio”, ha affermato il Presidente, “il Governo si assume il ruolo di sanzionare i responsabili”. Dal canto suo Repsol nega di avere un ruolo nell’incidente, descrivendolo come un “imprevedibile fenomeno marino”, affermando anzi che le Autorità peruviane non hanno comunicato alla sede sussidiaria della Compagnia il pericolo di eventuali onde anomale a seguito dell’eruzione vulcanica di Tonga.
Il disastro avrà ripercussioni ambientali ed economiche enormi: il ministro del Commercio e Turismo Llosa Velasquez ha stimato circa 50 milioni di dollari di danni. Il versamento del petrolio ha colpito una zona ad alta biodiversità, flora e fauna marine sono state gravemente colpite dal disastro, come riporta la ONG Oceana. Inoltre centinaia di pescatori e famiglie la cui sussistenza dipende dall’attività marittima sono state altrettanto colpite, riferisce Christel Scheske, specialista in conservazione marittima presso la Società Peruviana di Diritto Ambientale (SPDA). Il caso è attualmente sotto investigazione.
Se Repsol venisse giudicata responsabile sarebbe costretta a risarcire fino a 34,5 milioni di dollari, oltre a dover pagare tutte le spese per le operazioni di pulizia e compensazioni per i pescatori, ristoratori e albergatori colpiti dall’incidente.

Sara Ferrari

Photo by hpgruesen is licensed under CC BY-NC-SA

Sara Ferrari
Sara Ferrari

Classe 1997, nata nella colorata Salvador de Bahia, ma cresciuta nella tranquilla Mantova.

Ho conseguito una laurea triennale in Scienze Internazionali e delle Istituzioni Europee presso La Statale di Milano. Attualmente sto frequentando master in International Security presso l’Università di Westminster nel Regno Unito dove mi sono trasferita. I miei interessi riguardano sicurezza internazionale, geopolitica, ambiente e America Latina.

Ho i piedi per terra ma spesso la testa per aria, amo le lunghe passeggiate, i film francesi e il click della mia film camera.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite