martedì, 11 Giugno 2024

APS | Rivista di politica internazionale

martedì, 11 Giugno 2024

"L'imparzialità è un sogno, la probità è un dovere"

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

Mozambico: ripresa delle ostilità a Cabo Delgado

In 3 sorsi – La provincia di Cabo Delgado, nel Mozambico settentrionale, è teatro di violenti attacchi jihadisti che sono ripresi negli ultimi mesi, sollevando gravi preoccupazioni umanitarie e di sicurezza.

1. CONTESTO E SITUAZIONE ATTUALE

Negli ultimi anni la provincia di Cabo Delgado è diventata un epicentro di violenze jihadiste. Dal 2017, più di 4mila persone sono state uccise e circa 820mile sono state costrette a lasciare le proprie abitazioni. Dal dicembre 2023 il gruppo jihadista Ahlu Sunna Wal Jammah, affiliato allo Stato Islamico, ha intensificato le attività nella regione, colpendo le forze di sicurezza nazionali e causando l’esodo di migliaia di civili. Nonostante gli sforzi congiunti delle forze locali e internazionali, la situazione rimane instabile, con conseguenze dirette sulla sicurezza regionale e sulla popolazione locale.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Un campo di accoglienza nella regione di Cabo Delgado

2. GLI ULTIMI SVILUPPI

Il 10 maggio scorso il Presidente mozambicano Filipe Nyusi ha confermato che l’area di Macomia è stata nuovamente presa di mira dai jihadisti. Durante l’attacco sono stati segnalati diversi morti e feriti tra i civili. Parallelamente le Forze Armate sudafricane (SANDF) sono sopravvissute a un’imboscata in un’altra area vicina, sottolineando la pericolosità delle operazioni militari nella regione​​. Questi attacchi indicano la capacità del gruppo di sfidare le forze di sicurezza. Inoltre, l’escalation coincide con il periodo in cui compagnie internazionali come TotalEnergies ed ENI prevedono di riprendere i progetti per la produzione di gas naturale liquefatto nella regione, precedentemente sospesi per motivi di sicurezza, attività vitali per l’economia del Mozambico e rilevanti per l’approvvigionamento energetico globale. L’instabilità, però, ne rende difficile la messa in opera.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Persone in attesa della distribuzione di aiuti umanitari nella città di Namapa

3. PROSPETTIVE NON POSITIVE

La situazione a Cabo Delgado non mostra segni di miglioramento a breve termine. L’instabilità cronica minaccia di aggravare la crisi umanitaria in corso e di bloccare lo sviluppo socio-economico. Inoltre le operazioni militari dei Paesi vicini come il Sudafrica, cruciali per contrastare i jihadisti potrebbero terminare a breve: il ritiro programmato delle forze della SADC (Southern Africa Development Community) a luglio potrebbe dunque creare un vuoto sfruttabile da Ahlu Sunna Wal Jammah per espandere la propria influenza. La stabilità futura in Mozambico dipenderà dalla capacità del Governo di migliorare il controllo del territorio e l’economia locale, ma sarà necessario il supporto dei partner internazionali.

Redazione Il Caffè Geopolitico – Con ausilio di Intelligenza Artificiale

Presidential Inauguration of President Filipe Jacinto Nyusi | Maputo, 15 January 2020” by Paul Kagame is licensed under CC BY-NC-ND

Dove si trova

Perchè è importante

  • La violenza continua a Cabo Delgado, in Mozambico, destabilizza ulteriormente una regione già fragile.
  • Gli attacchi jihadisti influenzano negativamente la sicurezza regionale e internazionale, aggravando inoltre la crisi umanitaria in atto da tempo.

Vuoi di più? Iscriviti!

Scopri che cosa puoi avere in più iscrivendoti

Redazione
Redazionehttps://ilcaffegeopolitico.net

Il Caffè Geopolitico è una Associazione di Promozione Sociale. Dal 2009 parliamo di politica internazionale, per diffondere una conoscenza accessibile e aggiornata delle dinamiche geopolitiche che segnano il mondo che ci circonda.

Ti potrebbe interessare