utenti ip tracking
martedì 20 Aprile 2021

Africa Sub Sahariana

Siamo nel 2019. L’Africa punta i piedi per terra e chiede di essere riconosciuta come un interlocutore internazionale privilegiato. E ci sta progressivamente riuscendo. A dicembre 2017, nel corso dell’ultimo vertice UE-Africa di Abidjan (Costa d’Avorio) sono emersi alcuni dei temi “caldi”, destinati a modellare il futuro del continente nei prossimi anni: gestione dei flussi migratori – non solo esterni, ma anche interni – e operazioni di controterrorismo. Nonostante la crescente voglia di far sentire la propria voce, o meglio, le “proprie voci”, l’Africa deve, però, fare i conti con alcune emergenze, di carattere politico quanto ambientale. La minaccia più insistente è la crescente radicalizzazione di matrice jihadista, che trova la sua massima espressione in gruppi come Al-Shabaab e Boko Haram. E che ha manifestato tutta la sua violenza distruttiva durante lo scorso anno: la strage di Mogadiscio, nell’ottobre 2017, è stata definita da più parti come il più sanguinoso attacco nella storia dopo l’11 settembre. Un ulteriore elemento di destabilizzazione, negli ultimi mesi, è stato il progressivo crollo di alcuni capisaldi della politica africana. Tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, infatti, si sono concluse le parabole politiche di José Eduardo Dos Santos (Angola), Robert Mugabe (Zimbabwe) e Jacob Zuma (Sudafrica). Si avvicina la fine di un’epoca, quella degli eredi diretti del colonialismo, che non ha ancora conciso, però, con una presa di coscienza politica tale da riscrivere i destini dei diversi Paesi africani. Quali forme assumerà l’Africa del domani? È ancora difficile dirlo.

A cura di Caterina Pucci con il supporto di Beniamino Franceschini

Il safari di Pechino

 Cosa accade quando la fabbrica del mondo incontra la miniera del mondo? La vertiginosa ascesa degli investimenti cinesi in Africa, mentre l'Occidente rimane alla finestra...

Apocalipse now

Il caos è ormai totale. L’ex colonia italiana è uno “Stato fallito”: sotto i riflettori in queste settimane per i frequenti episodi di pirateria,...

La ‘Mosca’ che vola in Africa

Dopo la Cina, anche la Russia vuole la sua parte in una terra dove l’Occidente è il grande assente. Ecco cosa c’è dietro al...

Il ‘traino’ dell’Africa

 Stabilità politica e crescita economica sono il mix che ha reso la Tunisia il Paese più competitivo d’Africa. Un attore da seguire con grande...

Giovani democrazie crescono?

La Nigeria è di fronte ad una importante sfida democratica: dopo tre mesi di blocco istituzionale dovuto alla malattia del Presidente Yar'Adua, ed in...

Pallone e potere

Analisi - Il calcio spesso non è solo sport, ma può anche essere uno strumento politico a disposizione delle autorità. La storia dell’Argentina è...

Giovani democrazie crescono (o muoiono)

La Nigeria è di fronte ad una importante sfida democratica: dopo tre mesi di blocco istituzionale dovuto alla malattia del Presidente Yar'Adua, ed in...

Quelli che contano

Sono i BRICs, ovvero Brasile, Russia, India e Cina, i cui leaders si sono incontrati il 16 giugno. Hanno davvero le carte in regola...

Ascesa straordinaria?

L’Angola, che ha ospitato l’ultima Coppa d’Africa, è uno dei Paesi più promettenti del continente. Tuttavia, rimangono grandi problemi economici e sociali CRESCITA INARRESTABILE –...

Bye bye G-8

Il successo del G-20 di Pittsburgh decreta la fine del vecchio ordine internazionale e prende atto dei nuovi rapporti di forza globali. Il consenso...

Affari d’Africa

Tra fondi sovrani per riciclare i proventi del petrolio e intese con colossi come Finmeccanica, cerchiamo di capire i piani di alcuni Stati africani...

Oltre la realpolitik

La visita di Berlusconi a Tripoli rischia di diventare un vero caso internazionale, nella misura in cui potrebbe togliere credibilità al governo di Roma....