utenti ip tracking
domenica 7 Marzo 2021

Il futuro del Caucaso meridionale si decide al Cremlino

In breve

  • Si è tenuto al Cremlino, con la mediazione di Putin, il primo incontro fra Ilham Aliyev e Nikol Pashinyan dopo la firma dell’accordo di cessate il fuoco in Nagorno-Karabakh.
  • Durante l’incontro sono state definite le linee guida per l’implementazione dell’accordo e sulla riapertura delle vie di trasporto nella regione.
  • Si prevedono grandi cambiamenti negli equilibri geopolitici del Caucaso meridionale. Tutto questo, ad ogni modo, avverrà sotto la guida di Mosca.

Dove si trova

In 3 sorsi – I leader di Armenia e Azerbaijan si incontrano al Cremlino, con la mediazione di Putin. Il 2021 si presenta come un anno di grandi cambiamenti per il Caucaso meridionale, ma sempre sotto il controllo russo.

1. UNA NUOVA OCCASIONE DI CONFRONTO

Il primo incontro dal vivo fra Aliyev e Pashinyan, avvenuto a Mosca l’11 gennaio, lascia intuire quale sia il clima politico che aleggia sul Caucaso meridionale: la tensione fra il Presidente azero e il premier armeno, i tentativi di ristabilire, per la prima volta dopo più di trent’anni, gli equilibri geopolitici nella regione, ma soprattutto la ferma volontà di Putin di imporsi come arbitro nelle dinamiche fra i due Paesi nemici. In questa fase immediatamente successiva al conflitto si aprono numerosi scenari per il futuro della regione e ciascuno dei Paesi coinvolti punta alla realizzazione dei propri interessi. Per la Russia mantenere il dialogo con i leader di Armenia e Azerbaijan è fondamentale per evitare che la Turchia, forte della sua tradizionale amicizia con Baku, interferisca con i disegni del Cremlino. Nel frattempo Armenia e Azerbaijan puntano a massimizzare i benefici derivanti dalle trattative. Si è percepita la tensione di Pashinyan, che sta tentando di salvare la propria immagine politica in Armenia, fortemente screditata dopo la firma dell’accordo del 10 novembre 2020. Al contrario Aliyev, forte della popolarità conquistata in patria, è apparso molto più sereno e fiducioso.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Conferenza stampa dei tre leader al termine del vertice di Mosca, 11 gennaio 2021

2. L’AMPLIAMENTO DELLE RETI DI TRASPORTO

Durante l’incontro sono state valutate le possibili modalità di implementazione dell’accordo del 10 novembre, con un’attenzione particolare dedicata alla fornitura di aiuto ai residenti nelle aree maggiormente colpite dal conflitto. Ma, soprattutto, l’attenzione è stata rivolta all’ampliamento delle vie di trasporto nel Caucaso meridionale, una tematica molto rilevante per Baku e Yerevan, che desiderano rafforzare la propria posizione nella regione. In base agli accordi, Baku otterrà un collegamento ferroviario con la Repubblica Autonoma di Nakichevan, la sua exclave, separata dall’Azerbaijan da una striscia di territorio armeno. A Yerevan, invece, è stato promesso un collegamento ferroviario con la Russia, suo principale alleato, e con l’Iran. Questa prospettiva potrebbe modificare radicalmente il posizionamento dell’Armenia nella regione: i suoi confini con Azerbaijan e Turchia, infatti, sono chiusi da più di trent’anni. Un collegamento diretto con Russia e Iran, quindi, le permetterebbe di uscire da questa condizione di grave isolamento.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Il Presidente azero Ilham Aliyev in visita a Susha/Shushi, 15 gennaio 2021. La riconquista di parte dei territori contesi ha permesso ad Aliyev di conquistare grande popolarità in patria

3. UN CAMBIAMENTO GUIDATO DAL CREMLINO

I tre leader hanno firmato un documento che stabilisce la creazione di un gruppo di lavoro guidato dai loro vice Primi Ministri, per la realizzazione degli obiettivi definiti durante l’incontro. Il 2021, quindi, si presenta come un anno ricco di prospettive per il Caucaso meridionale: i progetti previsti per i prossimi mesi potranno modificare e, probabilmente, stabilizzare i fragili equilibri geopolitici dell’area. Tutto questo avverrà all’ombra del Cremlino, che continuerà a monitorare la situazione, impendendo a Baku e a Yerevan di prendere decisioni in totale autonomia. Nella realizzazione dei propri disegni la Russia non è sola: prima dell’incontro con Aliyev e Pashinyan, infatti, Putin ha avuto una conversazione telefonica con il Presidente francese Macron, che ha garantito pieno supporto a Mosca nel suo tentativo di stabilizzare la situazione nel Caucaso.

Chiara Soligo

Dadivank Monastery” by D-Stanley is licensed under CC BY

Chiara Soligo
Chiara Soligo

Nata a Tradate nel 1995, mi sono laureata in lingue per le relazioni internazionali all’Università Cattolica, dove ho iniziato a coltivare il mio profondo amore per la lingua e la cultura russa. Sto attualmente frequentando i corsi dell’Alta Scuola di economia e di relazioni internazionali di Milano, dove nel 2020 conseguirò la laurea specialistica in economia e politiche internazionali.
Dinamica, sportiva, sempre alla ricerca di nuove sfide, adoro la meditazione, la lettura e la palestra. Le mie giornate non possono cominciare senza un caffè macchiato in stazione Cadorna a Milano, per consolarmi dei disagi della vita da pendolare.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite