utenti ip tracking
lunedì 10 Maggio 2021

Vaccinazioni in America Latina, a che punto siamo?

In breve

  • Anche i Paesi dell’America Latina stanno iniziando, in maniera non uniforme, le proprie campagne vaccinali.
  • I Paesi più grandi hanno concluso accordi bilaterali per cercare di ottenere adeguate quantità di dosi nel minor tempo possibile. I Paesi più piccoli fanno affidamento sull’iniziativa COVAX.
  • Il timore è che molti tra questi Paesi non riusciranno ad avere una copertura vaccinale diffusa prima del 2023.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

In 3 sorsiL’America Latina è stata una delle aree più colpite dalla pandemia. La corsa alla vaccinazione di massa è già iniziata, tra ritardi e difficoltà. I Paesi stanno andando in ordine sparso senza un vero piano coordinato comune per tutta la regione.

1. LA GEOPOLITICA DEL VACCINO

Con quasi 20 milioni di casi confermati e più di 500mila morti, l’America Latina e i Caraibi sono stati duramente colpiti dalla pandemia da Covid-19, rendendo la distribuzione di vaccini fondamentale per la ripresa della regione. Molti Paesi stanno optando per i vaccini cinesi e per quello russo, nonostante quasi tutti abbiano approvato anche quelli di AstraZeneca e Pfizer, poiché più facili da conservare e più accessibili da un punto di vista economico. Russia, e in particolare modo Cina, cercano di rafforzare la propria influenza a livello internazionale tramite la distribuzione dei propri vaccini e hanno trovato terreno fertile in Amarica Latina, con Pechino che ha addirittura offerto un prestito da 1 miliardo di dollari ai Paesi della regione per l’acquisto delle dosi. Più che mossi da un principio di solidarietà, gli Stati sono consapevoli che i vaccini sono un importante strumento di politica estera, un’arma di soft power a tutti gli effetti. Pochi sono stati gli sforzi multilaterali in America Latina per favorire la cooperazione nel campo dei vaccini. L’unico è stato COVAX, un’iniziativa dell’OMS per cercare di garantire una equa distribuzione dei vaccini a livello globale al quale molti Paesi della regione hanno aderito e da cui le speranze, soprattutto di quelli più piccoli, dipendono.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Il 17 gennaio veniva vaccinata la prima infermiera a San Paolo con vaccino Sinovac

2. L’ATTUALE SITUAZIONE

La corsa alla vaccinazione di massa è iniziata anche in America Latina, in maniera non uniforme e con prevedibili ritardi. Al momento, parliamo quindi di inizio febbraio, gli unici Paesi ad aver cominciato una vera e propria campagna di vaccinazione di massa sono Brasile, Costa Rica, Argentina, Messico e Cile. Tutti però ancora in una fase embrionale, con i soli Brasile e Costa Rica ad aver raggiunto l’1% della popolazione vaccinata. Gli altri Paesi sopracitati sono a poco più dello 0,5%. Il Cile per la sua campagna vaccinale ha deciso di fare affidamento soprattutto sul cinese Sinovac, del quale ha ricevuto a fine gennaio 2 milioni di dosi. Lo stesso sta facendo il Brasile. Il Messico ha invece approvato il vaccino russo Sputnik V e prevede di acquistarne 24 milioni di dosi per far fronte a una situazione molto critica nel Paese. Anche Argentina e Venezuela hanno siglato accordi con la Russia, la quale, però, per l’alta richiesta è costretta a ritardare molte delle dosi destinate all’America Latina. La Bolivia, al momento, ha ricevuto solo 20mila dosi sempre dello Sputnik V, e come molti altri piccoli Paesi della regione fa affidamento sul piano COVAX per cercare di avere un adeguato numero di dosi. Proprio a questo proposito, il presidente dell’Honduras, Juan Orlando Hernández, ha annunciato che nella seconda metà di febbraio arriveranno le prime dosi di vaccino nel Paese, tramite il piano COVAX: dovrebbero essere le prime dosi in assoluto a essere distribuite grazie a questo strumento. Cuba, nel frattempo, sta cercando di sviluppare un proprio vaccino che dovrebbe essere pronto entro il primo semestre di quest’anno.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Molti Paesi dell’America Latina confidano nel piano COVAX dell’OMS per cercare di ottenere quantità adeguate di vaccini

3. DIFFICOLTÀ E PROSPETTIVE

L’America Latina non ha provato a elaborare un approccio regionale coordinato verso un programma condiviso di vaccinazione. I Paesi più grandi hanno cercato di fare da sé tramite accordi bilaterali, mentre i Paesi più piccoli, privi di una diplomazia capace di garantire un ragionevole accesso di vaccini per la propria popolazione, si affida allo strumento COVAX. Le difficoltà con cui ha a che fare la regione sono però molteplici e sono anche una conseguenza di investimenti sempre minori nei sistemi sanitari pubblici negli ultimi anni. Si parla soprattutto di problemi logistici ed economici: avere luoghi adatti alla conservazione dei vaccini, una rete capace di trasportare le dosi anche nelle aree rurali più remote, visto, ad esempio, l’alta incidenza che il virus ha avuto anche nelle popolazioni indigene dell’Amazzonia, e la capacità delle Autorità locali a somministrare una tale quantità di vaccini in così poco tempo. Non a sproposito si teme che nelle economie più povere della regione una copertura vaccinale diffusa non sarà raggiunta prima del 2023.

Matteo Barbanera

Photo by neelam279 is licensed under CC BY-NC-SA

Matteo Barbanera
Matteo Barbanera

Laurea magistrale in Relazioni Internazionali conseguita presso l’Università degli Studi di Perugia.
Due Erasmus, entrambi in Germania. Un’esperienza di volontariato in Brasile. Sport, libri e tanti
viaggi. Nono sono bravo a scrivere le bio! Qui per parlare soprattutto di Sud America.

Ti potrebbe interessareCORRELATI
Letture suggerite