utenti ip tracking
domenica 26 Settembre 2021

Teheran e il Caucaso meridionale: una relazione complicata

In breve

  • Gli attuali equilibri geopolitici del Caucaso meridionale sono fortemente influenzati anche dall’Iran, attore esterno alla regione, ma storicamente legato all’Azerbaijan.
  • Durante il conflitto in Nagorno Karabakh combattuto a inizio anni Novanta, l’Iran è stato un alleato di fondamentale importanza per l’Armenia, che grazie al suo sostegno è uscita vincitrice dalla guerra.
  • Per molti anni Teheran ha mantenuto un atteggiamento equilibrato nei confronti di Armenia e Azerbaijan, temendo per la propria la stabilità interna, ma nel 2020 sembra aver deciso infine di sostenere Baku, sia per interessi politici che economici.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

Caffè lungo – L’attuale situazione nel Caucaso meridionale non è influenzata solo dalle strategie elaborate dagli attori regionali: l’intervento di Paesi esterni, come l’Iran, ha condizionato fortemente gli esiti del conflitto.

IRAN E AZERBAIJAN: NEMICI AMICI?

Non solo influenza russa e turca: la complessa situazione del Caucaso meridionale è condizionata anche dalle strategie geopolitiche iraniane. Il timore di Teheran è che l’instabilità della Transcaucasia possa compromettere i propri equilibri politici interni, già estremamente precari.
L’Iran è geograficamente e storicamente legato al Caucaso meridionale, in particolare all’Azerbaijan: l’Iran nord-occidentale, il cui nucleo è la città di Tabriz, è popolato da una corposa minoranza azera. La consistente presenza di azeri in territorio iraniano è dovuta alle clausole del Trattato di Turkmenchay (1828), stipulato da Impero russo e Impero persiano, con il quale il territorio dell’attuale Azerbaijan è stato acquisito dalla Russia, mentre le aree corrispondenti al cosiddetto “Azerbaigian meridionale” sono state incorporate dall’Impero persiano. Per questo motivo circa un quarto della popolazione iraniana è composto da cittadini etnicamente azeri, ancora fortemente legati al Paese d’origine. Nonostante il loro legame storico ed etnico, recentemente i rapporti tra Baku e Teheran sono stati particolarmente tesi, in primis a causa delle relazioni tra Azerbaijan e Israele. Inoltre da quando l’Azerbaijan è divenuto un’entità statale autonoma, i due Paesi hanno cominciato a contendersi le preziose risorse del Mar Caspio. Ad ogni modo, negli ultimi anni, Baku ha cercato di mantenere relazioni equlibrate e regolari con Teheran, non solo per stabilizzare i precari equilibri geopolitici regionali, ma anche per poter accedere senza problemi alla sua exclave, il Nakichevan.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Svetta la bandiera azera nel distretto di Jabrayil, uno dei territori recentemente riconquistati da Baku, al confine con l’Iran

IRAN E ARMENIA: UNA FRAGILE ALLEANZA

Le politiche marcatamente anti-iraniane condotte dal Presidente azero Elcibey nel corso degli anni Novanta hanno provocato l’allontanamento di Teheran da Baku e il conseguente avvicinamento a Yerevan. Così l’Iran è diventato un alleato strategico di grande importanza per l’Armenia, la quale, in assenza del supporto iraniano, si sarebbe trovata quasi del tutto isolata, a causa della chiusura dei confini con Turchia e Azerbaijan, i suoi principali nemici. Nel corso del conflitto in Nagorno Karabakh nei primi anni Novanta, quindi, il sostegno da parte di Teheran è stato di fondamentale importanza per l’Armenia, che ha potuto contare su un alleato geograficamente vicino in grado di fornire consistenti aiuti militari. Le strategie iraniane nel Caucaso meridionale, tuttavia, non hanno mai potuto prescindere dall’approvazione russa, nel rispetto della legge non scritta secondo cui, tanto in Transcaucasia quanto in qualsiasi altra area del Near Abroad post-sovietico, la volontà di Mosca deve sempre essere assecondata. Tuttavia, nel corso del 2020 si è assistito a un peggioramento nei rapporti fra Yerevan e Teheran a causa di un parziale riavvicinamento dell’Armenia a Israele: in particolare l’apertura dell’ambasciata armena a Tel Aviv non è stata gradita dall’Iran. Ad ogni modo, questo segnale di avvicinamento fra Israele e Armenia non ha modificato gli equilibri geopolitici del Caucaso meridionale: con la ripresa degli scontri in Nagorno Karabakh nell’autunno del 2020, infatti, Tel Aviv ha immediatamente fornito aiuti militari a Baku, dimostrando, così, di attribuire maggiore importanza alle relazioni con Turchia e Azerbaijan rispetto a quelle con l’Armenia.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Manifestazioni di protesta organizzate da iraniani di origine azera fuori dal consolato turco a Tabriz, dicembre 2020

2020: TEHERAN SOSTIENE BAKU

Le strategie geopolitiche iraniane hanno sempre puntato al mantenimento di relazioni equilibrate con Armenia e Azerbaijan, per evitare che il conflitto combattuto vicino ai suoi confini potesse avere effetti negativi sulla stabilità interna del Paese. Tuttavia, con la ripresa delle ostilità a fine 2020, Teheran ha preso la decisione di supportare l’Azerbaijan, come dichiarato pubblicamente dall’Ayatollah Khamenei, secondo il quale Baku avrebbe il diritto di liberare i territori sottoposti all’occupazione armena. Questa presa di posizione, che di fatto sancisce un netto avvicinamento di Teheran a Baku e Ankara, è stata formulata tenendo in considerazione i numerosi interessi economici e politici condivisi da Iran e Azerbaijan. Inoltre coltivare relazioni positive con Baku garantisce a Teheran il mantenimento della propria influenza sul Caucaso meridionale, con la speranza di contenere, almeno in parte, le ambizioni di Ankara.
La minoranza azera che popola l’area nord-occidentale dell’Iran ha fortemente influenzato le decisioni prese da Teheran: se non fosse stato accontentato, questo influente gruppo avrebbe potuto causare gravi problemi di stabilità interna, come dimostrano anche le proteste verificatesi lo scorso ottobre a Tabriz e a Teheran. Inoltre la decisione dell’Iran è stata guidata da fattori religiosi: a partire dal 1979, anno della costituzione della Repubblica islamica iraniana, il Paese ha costantemente perseguito l’obiettivo di porsi alla guida del mondo musulmano sciita. Perciò, fornire aiuto all’Azerbaijan, a sua volta Paese a maggioranza sciita, è un atto di grande rilievo simbolico, politico e religioso, in contrapposizione alla cristianità armena.
I buoni rapporti tra Baku e Teheran risultano decisivi anche dal punto di vista economico: un’equilibrata e pacifica spartizione delle risorse del Mar Caspio non può prescindere dal mantenimento di relazioni diplomatiche positive, che senza dubbio possono essere decisive nel raggiungimento di accordi che accontentino entrambe le parti.

Chiara Soligo

Photo by brainin is licensed under CC BY-NC-SA

Chiara Soligo
Chiara Soligo

Nata a Tradate nel 1995, mi sono laureata in lingue per le relazioni internazionali all’Università Cattolica, dove ho iniziato a coltivare il mio profondo amore per la lingua e la cultura russa. Sto attualmente frequentando i corsi dell’Alta Scuola di economia e di relazioni internazionali di Milano, dove nel 2020 conseguirò la laurea specialistica in economia e politiche internazionali.
Dinamica, sportiva, sempre alla ricerca di nuove sfide, adoro la meditazione, la lettura e la palestra. Le mie giornate non possono cominciare senza un caffè macchiato in stazione Cadorna a Milano, per consolarmi dei disagi della vita da pendolare.

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite