utenti ip tracking
giovedì 26 Novembre 2020
More

    Speciale COVID-19

    Che cosa succede in Portogallo?

    In 3 sorsi - Tra aumento dei casi di Covid-19, elezioni...

    Covid e tribù dominano le elezioni in Giordania

    In 3 sorsi - Le elezioni parlamentari in Giordania non hanno...

    Il rapporto franco-tedesco a seguito della pandemia

    In 3 sorsi - A seguito della pandemia la Germania sta...

    Stop al virus della disinformazione

    La pandemia ha offerto nuove opportunità ai gruppi criminali? Decisamente tante,...

    Pericolo deflazione: l’Abenomics nel nuovo contesto internazionale

    In breve

    Dove si trova

    Puoi leggerlo in 3 min.

    In 3 sorsiIl Giappone è di nuovo in deflazione (-0.3% nel 2016) dopo quattro anni di aumento dei prezzi. Le politiche economiche del Governo Abe non sembrano aver avuto l’efficacia sperata e il quadro del commercio internazionale rischia di danneggiare ulteriormente l’export e la crescita del Paese asiatico

    1. LE CAUSE DELLA DEFLAZIONE – Nonostante le manovre monetarie espansive della Bank of Japan (BoJ), gli ultimi dati economici di dicembre hanno confermato il trend deflazionistico dell’economia giapponese ormai giunto al decimo mese consecutivo. Nell’ultimo mese dell’anno scorso l’indice dei prezzi al consumo (IPC) si è infatti arenato in territorio negativo segnando un -0.2% e portando l’indice su base annuale ad un livello pari al -0.3%. L’ultima rilevazione del 2016 si chiude quindi con il segno meno per la prima volta in quattro anni.
    Il pericolo deflazionistico che attanaglia Tokyo da più di vent’anni sembra quindi essere lontano dall’essere superato, e gli ultimi dati in merito pongono seri dubbi sull’efficacia delle politiche economiche della BoJ (che nel 2016 ha calato ulteriormente i tassi d’interesse portandoli al -0.1%) e del Governo conservatore guidato da Shinzo Abe.
    Le cause di questo calo sono diverse, alcune strutturali come la crescita anemica della produttività, altre contingenti come l’aumento eccessivamente contenuto dei salari. La BoJ, invece, attribuisce questo calo dei prezzi a fattori esterni come l’incertezza sulle prospettive delle economie emergenti e il crollo dei prezzi energetici. A tutto ciò si aggiunge l’effetto della spirale deflazionistica a causa della quale i consumatori, aspettandosi prezzi minori, rimandano i loro acquisti causando un ulteriore calo dei prezzi.

    Embed from Getty Images

    Fig. 1 – Haruhiko Kuroda, attuale Governatore della Bank of Japan (BOJ)

    2. L’EFFICACIA DELLA ABENOMICS – La politica economica del Primo Ministro Abe (appunto detta Abenomics) prevede l’utilizzo di tre “frecce” per la crescita: politica monetaria ultraespansiva, maggiore spesa e taglio ingente della burocrazia. La prima delle misure si sta rivelando particolarmente inefficace: nonostante il calo dei tassi d’interesse la BoJ non è riuscita ad aumentare massicciamente gli investimenti, in quanto le imprese – pur avendo a disposizione prestiti a tassi ridotti – tendono ad evitare grandi rischi vista la domanda contenuta dei consumatori. Inoltre, essendo già giunta a sostenere tassi negativi, non si vede come la BoJ possa implementare ulteriori misure monetarie. La freccia della spesa pubblica è ormai seriamente limitata dall’ammontare del debito pubblico che, pur essendo per gran parte in mano a creditori giapponesi, ha raggiunto il 230% del PIL; il deficit è anch’esso a livelli elevati, mantenendosi infatti a livelli superiori al 6% negli ultimi 4 anni. L’ultima delle politiche della Abenomics è invece ancora tutta da testare visto che le misure di deregolamentazione sono state per ora limitate.

    Embed from Getty Images

    Fig. 2 – Un grande centro commerciale nella prefettura di Chiba, situata sulla costa pacifica del Giappone

    3. LE PREVISIONI – Nonostante la deflazione raggiunta nel 2016, il Fondo Monetario Internazionale (FMI) prevede un andamento positivo dell’IPC nei prossimi anni con un’inflazione che si attesterà ad un livello poco sopra l’1%, comunque lontano dall’obiettivo del 2% posto dalla BoJ, che secondo la banca centrale sarà raggiunto solo nel 2019. L’aumento del PIL difficilmente tornerà a percentuali elevate, anche se ci sono segnali incoraggianti: l’export giapponese a dicembre è infatti tornato a crescere dopo più di un anno e, per incoraggiare i consumi, il Primo Ministro Abe ha anche posticipato l’aumento (dall’8 al 10%) della tassa sui consumi. L’OECD prevede una crescita dell’1% per il 2017, ma il surplus commerciale di Tokyo è a rischio dati i sentimenti protezionistici che prevalgono negli Stati Uniti e il rallentamento dell’economia cinese.

    Embed from Getty Images

    Fig. 3 – Un senzatetto dorme in una strada del centro di Tokyo

    Giovanni Tagliani

    [box type=”shadow” align=”aligncenter” class=”” width=””]Un chicco in più

    Dopo essersi dimesso nel 2007 per problemi di salute, il Primo Ministro Abe ha vinto le elezioni nel 2014 ottenendo il 61% dei seggi e una maggioranza dei due terzi,  grazie soprattutto all’alleanza con il partito del Nuovo Komeito. La recente vittoria nelle elezioni per la Camera alta, svoltesi nella scorsa estate, dovrebbe permettere ad Abe di portare avanti il suo progetto di revisione della costituzione pacifista del 1947, nonostante le proteste dell’opposizione e di buona parte del Paese.[/box]

    Foto di copertina di Dick Thomas Johnson rilasciata con licenza Attribution License

    Giovanni Tagliani
    Giovanni Tagliani

    Nato a Ferrara nel 1995, fin da piccolo ho amato conoscere Paesi lontani e culture diverse.
    Studio privatamente giapponese da quando ero alle scuole medie e mi piace parlare lingue diverse. Ho sempre avuto una passione per il Giappone ma con il tempo ho sviluppato un forte interesse per tutti i Paesi dell’Estremo Oriente, per la Scandinavia e per Canada e Stati Uniti. Mi interessano i temi ambientali, di costume, politici ed economici, infatti, ora studio economia all’Università di Bologna.
    Ho un cane buffo di nome Argo, è molto ubbidiente, anche se abbaia spesso proprio quando prendo il mio caffè!

    Ti potrebbe interessareCORRELATI
    Letture suggerite

    LASCIA UN COMMENTO

    Inserisci qui il tuo commento
    Inserisci il tuo nome