utenti ip tracking
domenica 5 Dicembre 2021

Benin: la nuova legge sull’aborto

In breve

  • In Benin ogni anno circa 200 donne praticano aborti illegali, con gravi conseguenze per la propria salute.
  • Anche altri Stati africani hanno legalizzato l’aborto, ma il Benin è il primo ad approvarlo.
  • La Confederazione episcopale del Paese ha criticato aspramente la decisione del Governo.

Dove si trova

Ascolta l'articolo

In 3 sorsi – In Benin la nuova legge sull’aborto prevede la possibilità di interruzione volontaria della gravidanza fino alla dodicesima settimana in casi specifici. Il clero del Paese ha espresso rammarico per la decisione.

1. LA PIAGA DELL’ABORTO ILLEGALE

In Benin circa 200 donne ogni anno praticano aborti illegali e solo il 12% della popolazione femminile fa uso dei moderni metodi contraccettivi. Queste usanze hanno gravi ripercussioni sulla vita delle donne, che spesso muoiono in seguito all’operazione. Fino al mese scorso l’interruzione volontaria della gravidanza era permessa sono in casi specifici, quali lo stupro, una relazione incestuosa o in caso di gravi problemi di salute della donna. A ottobre però è stata approvata dall’Assemblea nazionale del Benin la legge che amplia le possibilità di aborto per le donne del Paese, rendendo la pratica più accessibile anche nelle aree rurali, dove è più complesso accedere alle strutture ospedaliere. La legge ora deve essere ratificata dalla Corte costituzionale per entrare pienamente in vigore. Durante la conferenza stampa tenutasi dopo il voto il Ministro della Salute ha inoltre assicurato che “il Governo continuerà a lavorare per rafforzare e prevenire le gravidanze indesiderate attraverso l’educazione di base, gli sforzi di comunicazione sulla sessualità, la disponibilità di servizi contraccettivi e la promozione dell’educazione sessuale integrata nelle università”.

Embed from Getty Images

Fig. 1 – Sono circa 200 le donne che ogni anno ricorrono ad aborti illegali in Benin

2. IL TESTO DELLA LEGGE

La legge modifica gli articoli 17 e 19 della norma sulla salute sessuale e la riproduzione del 2003. Le nuove disposizioni includono ulteriori casi in cui sarà possibile per le donne interrompere volontariamente la gravidanza fino alla dodicesima settimana di gestazione. In particolare la procedura sarà autorizzata nel caso in cui il nascituro soffra di una condizione grave o quando la gravidanza rischia di causare o peggiorare una situazione di disagio materiale, educativo, professionale o morale per la donna e il bambino. Oltre all’ampliamento della legge sull’aborto, i parlamentari hanno anche approvato un’integrazione della legge sulla prevenzione e la repressione della violenza contro le donne, includendo nuove misure punitive per i reati di genere e aggravanti nel caso in cui il crimine sia compiuto contro una familiare, in una relazione di subordinazione, tra insegnante e allievo o se la vittima è disabile. L’aborto è stato legalizzato anche da altri Governi africani, ad esempio Zambia, Capo Verde, Mozambico, Sudafrica e Tunisia, ma grazie al nuovo provvedimento, il Benin è il primo Paese ad approvarlo ufficialmente. Altri Stati invece, tra cui Gibuti, Egitto, Congo-Brazzaville, Repubblica Democratica del Congo e Guinea-Bissau mantengono ancora il divieto.

Embed from Getty Images

Fig. 2 – Un’ostetrica in Benin informa le donne incinte sui rischi dell’AIDS

3. LE CRITICHE DAL VERSANTE RELIGIOSO

In Benin la religione praticata dalla metà della popolazione è il cristianesimo, con un 25% di cattolici. La Conferenza episcopale del Benin ha avanzato critiche pesanti per la nuova legge sull’aborto, chiedendo ai deputati di “attingere ai valori culturali, morali e spirituali del popolo” per respingere il provvedimento adottato. Nel comunicato rilasciato subito dopo l’approvazione nell’Assemblea nazionale i vescovi del Paese denunciano l’aborto come “un atto disumano che distrugge la vita del feto, ma anche quella della madre in vari modi”. Quando la legge è stata approvata dalla maggioranza parlamentare, i vescovi hanno diffuso una nuova dichiarazione per esprimere il loro rammarico. Molti esponenti cattolici pensano che la legalizzazione dell’aborto non migliorerà la vita delle donne in Benin, poiché ritengono che la disuguaglianza di genere sia causata soprattutto dalle difficili condizioni economiche in cui versano. La congregazione delle suore salesiane inoltre ricorda che l’organizzazione fornisce alloggi temporanei e supporto psicologico per le madri in difficoltà economiche, in modo che possano tenere i loro bambini. Nella cultura del Paese l’aborto è ancora considerato un tabù e in molte famiglie si elude l’educazione sessuale per imbarazzo, ma la presidente di DO NOT BE AFRAID, un’organizzazione non governativa per la salute delle donne beninesi, sostiene che la nuova legge sarà un sollievo per molte donne che affrontano gravidanze indesiderate.

Alessandra De Martini

Photo by David_Peterson is licensed under CC BY-NC-SA

Alessandra De Martini
Alessandra De Martini

Classe 1996, mi sono laureata in Relazioni e Organizzazioni Internazionali presso l’Università degli Studi di Trento e al momento frequento il corso di laurea magistrale in investigazione, criminalità e sicurezza internazionale presso l’Università degli Studi Internazionali di Roma. Sono appassionata di geopolitica, ma amo anche imparare nuove lingue e viaggiare. Per questo motivo, durante il percorso universitario, ho cercato di combinare le mie passioni partecipando all’Erasmus, ad alcuni progetti della Diplomatic  Academy e ad un progetto di volontariato in Colombia. Nel tempo libero mi piace leggere thriller, fare jogging ma soprattutto giocare con il mio cagnolino!

 

Ti potrebbe interessare
Letture suggerite