domenica, 21 Luglio 2024

APS | Rivista di politica internazionale

domenica, 21 Luglio 2024

"L'imparzialità è un sogno, la probità è un dovere"

Associazione di Promozione Sociale | Rivista di politica internazionale

L’Iran ha attaccato Israele: che cosa significa?

1. Cosa è successo

La sera del 13 aprile l’Iran ha lanciato un attacco contro Israele impiegando circa 300 droni, la maggior parte di questi sono stati abbattuti ma alcuni sono andati a segno. Questa operazione è stata anticipata e poi dichiarata apertamente dall’Iran, senza elementi di sorpresa, mirando direttamente a territori israeliani e non ai suoi interessi esterni.

L’attacco rappresenta un atto di rappresaglia ritenuto necessario dall’Iran, anche come dimostrazione di forza e capacità, per dare seguito all’attacco subito dall’Ambasciata iraniana in Siria a opera di Israele.

Embed from Getty Images

2. Perché è importante

Questo evento segnala una potenziale escalation nella tensione regionale. Per quanto l’attacco sia stato ampio, le sue implicazioni strategiche rimangono incerte, considerando ad esempio che la decisione di usare soprattutto droni piuttosto che armamenti più avanzati (più veloci e difficili da intercettare) suggerisce un desiderio di limitare l’escalation pur mantenendo una postura di deterrenza.

La riuscita intercettazione da parte di Israele dimostra la solidità delle sue difese aeree e del supporto dei partner, sebbene il fatto che anche pochi droni abbiano raggiunto il territorio israeliano sarà verosimilmente interpretato dall’Iran come un successo simbolico, effetto importante anche dal punto di vista dell’opinione pubblica e della politica interna.

Nonostante l’assenza di effetto sorpresa e la presenza di sistemi anti-aerei avanzati in Israele, resta comunque da valutare l’efficacia di tali difese di fronte a un attacco di ampia portata.

Embed from Getty Images

3. Che cosa aspettarsi

L’Iran ha dichiarato chiusa la questione della risposta a Israele ed è probabile che entrambe le parti continuino a valutare attentamente i propri passi successivi, evitando azioni che potrebbero portare a una guerra aperta, con il coinvolgimento di altri Paesi.

Anche USA e Iran nei giorni scorsi si sono scambiati mutue rassicurazioni sul fatto che Teheran non avrebbe colpito obiettivi USA e Washington che non avrebbe aiutato Israele in caso di contrattacco.

Nel complesso l’attacco può essere inquadrato nel solco del “botta e risposta” che i due Paesi e i relativi alleati portano avanti dal 2013. L’evento sottolinea l’importanza dell’ambiguità strategica e della misurazione nelle operazioni militari nella regione, bilanciando la necessità di agire di fronte alle mosse degli avversari ma senza superare le “linee rosse” altrui e badando agli errori di calcolo, per evitare escalation non controllate del conflitto.

La Redazione

Dove si trova

Perchè è importante

  • L’Iran ha attaccato Israele con numerosi droni e missili come rappreseglia per l’attacco subito recentemente alla propria Ambasciata a Damasco
  • L’attacco è stato in massima parte respinto ma rappresenta comunque un momento importante di una potenziale escalation, che sembra per adesso sotto controllo

Vuoi di più? Iscriviti!

Scopri che cosa puoi avere in più iscrivendoti

Redazione
Redazionehttps://ilcaffegeopolitico.net

Il Caffè Geopolitico è una Associazione di Promozione Sociale. Dal 2009 parliamo di politica internazionale, per diffondere una conoscenza accessibile e aggiornata delle dinamiche geopolitiche che segnano il mondo che ci circonda.

Ti potrebbe interessare